Taurasi Docg 2010 Torricino | Voto 89/100, winner a Radici del Sud

Letture: 131
Taurasi Docg 2010 Torricino

Azienda Agricola Torricino
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: 22,00 in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 27/30 – Palato 27/30 – Non omologazione 30/35

Il migliore areale per la coltivazione dell’aglianico per il Taurasi è quello di Montemarano? Forse si, ma non si può affermare con assoluta certezza, anche perché, per puro spirito campanilistico, ognuno tende a preferire il proprio comune di appartenenza. Fatto sta però che su questo territorio, alle falde del Massiccio del Terminio, insistono molte famose aziende irpine ed alcune di altri comuni limitrofi possiedono in loco le loro vigne. Come l’Azienda Agricola Torricino di Tufo del bravo vigneron Stefano Di Marzo, che proprio a Montemarano in località Jampenne alleva l’aglianico per il Taurasi ad un’altezza media di seicento metri su un terreno argilloso-calcareo, molto simile a quello bordolese. Un microclima ideale, ben ventilato e con forti escursioni termiche, che favorisce la produzione di uve sane e ricche di polifenoli.

Il Taurasi Docg 2010 di Torricino si è classificato al primo posto, decretato dalla giuria nazionale, all’ultima edizione di Radici del Sud. Il vino ha trascorso più di trentasei mesi tra acciaio, legno grande e piccolo e boccia. Gradazione alcolica di quattordici e mezzo.

Controetichetta Taurasi Docg 2010 Torricino

Il colore è rubino con lampi purpurei ai bordi. Il profilo aromatico è netto ed intrigante con un intenso bouquet di frutti di bosco e un’ampia speziatura di chiodi di garofano, noce moscata e pepe nero. Pronunciati ed eterei profumi vegetali, tostati, balsamici, terrosi e minerali contribuiscono poi alla complessa composizione olfattiva. In bocca il sorso è connotato subito da una trama tannica fitta e possente e da un bonus di calore, stemperati dall’ottima freschezza. E’ anche asciutto, corposo, carnoso, esuberante, strutturato, armonico ed equilibrato. Persistente e godereccio il finale. Lunga serbevolezza. Da abbinare alla classica e terragna cucina irpina. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Tufo (Av) – Località Torricino, 5
Tel. e Fax 0825 998119 – info@torricino.it www.torricino.it
Enologo: Stefano Di Marzo
Ettari vitati: 10 – Bottiglie prodotte: 40.000
Vitigni: aglianico, greco, fiano e falanghina