Telese, Sannio Beneventano. Aquapetra Resort, La Locanda del Borgo. Fascino e buon gusto con Ciro Simeoli

Letture: 194
Il panorama e gli uliveti di Aquapetra

Località Monte Pugliano
Tel 0824 941878 / 0824 975007
www.aquapetra.com

info@aquapetra.com
degustazioni a 50 e 60 euro
chiuso lunedì e martedì

di Tommaso Esposito

E’ terra di oli.
E di Barbera.
Quella sannita che il buon Gaber non ha mai sorseggiato. Penso.
Un po’ su le terme di Telese e già a ridosso di Castelvenere.
Il borgo di Acquapetra è stato costruito intorno a un’antica cava di calce.
Un’oasi di pace e di benessere.

Aquapetra il borgo

Una bella idea per dare alla Campania questo resort dove fascino (è pur sempre terra di streghe, no?) e buon gusto si coniugano, cosa rara, felicemente.
Una sorpresa, insomma!
Ciro Simeoli è il cuoco. Ventisei anni.

Ciro Simeoli, il cuoco

Ciro Sannino il sommelier e maitre. Coetaneo.

Ciro Sannino il maitre sommelier

Capri nel cuore per entrambi che hanno lavorato al Quisisana.
Ora sono qua in questa Locanda a studiarsi il territorio.
E a tavola si vede.
I pani: panino napoletano a mo’ di biscotto, brioscine all’extravergine di olive frantoiane, grissini, sfogliatine di granturco e al nero di seppia. Buoni.

I pani

Un battuto di chianina sannita con un sigaretto di pane al mascarpone di bufala.

Battuto di chianina sannita

Tra la carne, eccellente in sé, ritrovo qualche grano di sale,  un po’ di cipolla rossa di Alife e di cetriolo, un cappero. La peschiola, questa piccola pesca noce che si coltiva dalle parti di Vairano, apparentemente appartata nel piatto dà il suo deciso contributo. Bravo Ciro.

Sigaro di pane con mascarpone di bufala e peschiola

Pane casereccio e peperoncini verdi di fiume con provolone del Monaco e crema di pomodorini.

Pane casereccio con peperoni verdi di fiume e provolone del monaco

Un tripudio di sapori pieni, forti, senza mezzi termini. Quelli che ti di fanno dire, mentre si scatenano le papille e si scaricano le endorfine: questo è umami ancestrale, terragno, naturale.
Mi ricorda la marenna che facevano a mezza mattinata i contadini nei campi. Saporitissima.
Eddai, non è possibile Ciro. Mi hai letto nel pensiero con questi rigatoni al ragù, pecorino e braciola.

Rigatoni al ragù con braciola e pecorino

Me li aspettavo. Preso per la gola dei ricordi.
Una sosta al palato con il risotto carnaroli ai fiori di zucca, zucchine e crema di zafferano.

Risotto con fiori di zucca, zucchine e crema di zafferano

C’è sopra un bon -bon freddo di ricotta di bufala rivestito di nocciole avellane. Il cuoco lo chiama Ferrero rocher. Un omaggio alla dolciaria di Alba per le vaghe sembianze con il noto cioccolatino.
Passi l’ attenzione eccessiva per il copyright, ma questo è n’ata cosa.
Agnellino laticauda cotto su pietra di Aquapetra con cipollotti novelli in agrodolce, patanielli al rosmarino.

Agnellino laticauda con cipollotti in agrodolce

Che dire? Carni tanto tenere quanto piene di sapore e di profumo. Da non perdere.
Pre-dessert: un tiramisù di fragola con questo mirabile mascarpone bufalino.

Tiramisù di fragole

Un gioco di contrasti tra temperature e consistenze. Tuttavia equilibrato e fresco.
Tre dolci finali: buoni e belli. Tutti studiati e provati con cura.
La mela annurca scottata alla vaniglia con croccantino e gelato.
La pasta fillo tra una delicatissima crema con pesche sciroppate e fresche.

Melannurca alla vaniglia e composta di pesche gialle in pasta fillo

Il lingotto di oro nero dove cioccolato fondente, bianco e gianduia chiudono a tutto tondo la bellissima giornata.

l lingotto di oro nero

Ciro l’altro, il sommelier, ha pensato ai vini: la Barbetta Barbera 2008 di Venditti, il Pietra della volpe, Aglianico 2007 de’ I Pentri, uno spagnolo Jaliva old dry Sherry sul dessert.

La Barbetta Venditti

Ah, per gli ospiti della Spa che puntano al benessere e all’ipocalorico c’è il menù Organic tutto vegetariano.
Con le verdure di Aquapetra, of course.

2 commenti

I commenti sono chiusi.