Tellus Casavecchia 2003 Terre del Volturno igt

Letture: 75

LE CANTINE DI HESPERIA

Uva: casavecchia
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: legno

Anna Della Porta è la prima giovane enologa a cimentarsi con questo vitigno difficile di cui ancora c’è necessità di approfondimento, visto che tutto sommato siamo a non più di cinque vendemmie da quando è stato affrontato dalla viticoltura moderna. I suoi studi in Toscana si vedono immediatamente nella ricerca della morbidezza, una caratteristica facile da ottenere quando si usa il legno come una pialla. In questo caso, invece, c’è un ottimo equilibrio tra il frutto, molto concentrato a causa dell’annata siccitosa e il legno, tra la morbidezza e la freschezza. Il risultato è un gran bel rosso che arricchisce ulteriormente le etichette di questa uva che ha cambiato il volto della viticoltura delle colline caiatine assieme al pallagrello. Un segnale della campagna che cambia, con i giovani che tornano alla terra per trovare le giuste soddisfazioni e realizzarsi: Anna lavora nella casa di famiglia, nel cuore di Castel Campagnano, circondata dai vigneti nella cantina ristrutturata e attrezzata. Al naso emergono sentori di frutta seguiti dallo speziato, tabacco, un po’ di cuoio finale. In bocca l’ingresso è poderoso, la beva è intensa, persistente, il finale è pulito, il bicchiere ci appare in buon equilibrio anche se senza dubbio potrà giovarsi ancora di un po’ di bottiglia. Lo beviamo su un agnello laticauda in crosta fatto dall’agriturismo Le Quercete in quel di San Potito.

Sede a Castel Campagnano, via Roma 11. Tel. 0823.863075. Enologo: Anna Della Porta. Ettari: 4 di proprietà. Bottiglie prodotte: 15.000. Vitigni: pallagrello nero, casavecchia, pallagrello bianco, falanghina.