Terre Brune 1999 Carignano del Sulcis doc

Letture: 212

CANTINA SANTADI
Uva: carignano, bovale sardo
Fascia di prezzo: da 20 a 25 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Un vitigno rosso ancora poco conosciuto ma già capace di esprimere vini da sogno come questo Terre Brune, da noi provato alla Fregola di Somma Vesuviana, cucina e bere sardi, che ci ricorda l’ingresso sulla scena del Gravello e del Patriglione. La ventilazione a cui sono continuamente sottoposte le vigne evita la sensazione di cotto della frutta, l’uso del legno ben dosato regala sentori complessi di confettura di amarena, spezie, cacao, caffé, tabacco. Al naso è intenso e persistente, in bocca lascia il palato pulito come avviene raramente. L’alcol è a quota 14 gradi dichiarati ma l’ingresso è morbido e sicuramente nei prossimi anni ci saranno interessante note evolutive. Bellissimo, da tempo un rosso non ci entusiasmava a livello accettabile, la mano di Tachis è inconfondibile, lunare e onirica.. Lo beviamo sul porceddu, ovviamente o sui pecorini sardi di media stagionatura.

Sede a Santadi. Via Su Pranu, 12
Tel. 0781.950127, fax 0781.950012
Sito: http://www.cantinadisantadi.it
Enologo: Piero Cella con la consulenza di Giacomo Tachis
Bottiglie prodotte: 1.200.000
Ettari: 550 di proprietà dei soci
Vitigni: carignano, sangiovese, bovale, vermentino, chardonnay, nasco