Top Ten: 10 risotti da provare almeno una volta nella vita

Letture: 6416
Risotto Parmigiana – Christian e Manuel Costardi

di Albert Sapere

Il Risotto il piatto dell’Unità Nazionale, come lo ha definito Enzo Vizzari, perché dalle Alpi ai monti Iblei si prepara ovunque;  perciò è la pietanza  che oggi meglio rappresenta la nostra identità a tavola.

Preparazione che anima da sempre discussioni: con o senza il soffritto, mantecato con il burro o con l’evo; ognuno ha il suo preferito, ogni casa, in Italia, ha la sua ricetta segreta.

In principio c’era il risotto “oro è zafferano” firmato da Gualtiero Marchesi e da quel momento in poi il risotto non è stato più la stessa cosa.

Amo il riso in generale, spesso lo mangio in bianco con del buon parmigiano e un filo d’olio extra vergine d’oliva, mi mette di buon umore e appaga il mio senso salutistico che ogni tanto mi assale.

Questa volta il gioco proviamo a farlo doppio, scegliendo i risotti da provare ed il loro abbinamento musicale, ovviamente con la mia musica preferita: il Rock.

Risotto Parmigiana – Christian e Manuel Costardi

Il riso e la parmigiana di melanzane: i miei due piatti preferiti; in questa versione insieme, mantecati con la mozzarella di bufala campana.

E’come avere Jimmy Page alla chitarra, Robert Plant voce e armonica, John Paul Jones basso e tastiere e John Bonham alla batteria e percussioni.

Grandi innovatori tra i principali pionieri i Led Zeppelin nella musica Rock e i Costardi per il risotto.

Al limite della perfezione.

Riso bianco – Pier Giorgio Parini foto Lido Vannucchi

Un risotto cotto in un brodo di cipresso diventa come un riff di Keith Richards: istintivo, sorprendente, nervoso, con continui cambi di ritmo.

Talento puro e genialità moltiplicato per due.

Risotto cacio e pepe – Massimo Bottura

Un brodo ricavato da un’infusione senza arrivare all’ebollizione di Parmigiano, recuperando la crema affiorata utilizzandola nella mantecatura, sei diversi tipi di pepi distillati, così da creare un acqua di pepe.

Come ascoltare Eric Clapton soprannominato Slowhand (Mano lenta) e God (Dio).

Purezza estrema del gusto e del suono.

Risotto Carnaroli mantecato all’ olio di olive Nocellara con gamberi liguri pomodori di Pachino origano di Vendicari e capperi di Pantelleria – Alessandro Negrini e Fabio Pisani

Un risotto a Milano non mantecato con il burro ma con l’olio extravergine d’oliva, e valorizza i sapori dei migliori prodotti italiani.

Una raffinata ricerca come nella musica di Robert Allen Zimmerman in arte Bob Dylan.

Un piatto che diventa simbolo inconfondibile del Made in Italy, com’è infondibile lo stile di Dylan con la sua musica.

Risotto ai porcini e anice stellato- Enrico Crippa

Un risotto semplice e intuitivo all’apparenza, raffinato e di grande profondità a provarlo con attenzione, come i ritmi di  Peter Buck chitarrista e autore delle musiche del REM.

Risotto al pomodoro cuore di bue con limone candito, calamaretti e provola affumicata – Gennaro Esposito

Il limone candito  per questo risotto è come inserire la chitarra elettrica, magari quella di  David Howell Evans in arte The Edge, nella melodia pop, come per Where the Streets Have No Name.

E la semplicità diventa capolavoro.

Risotto alla Milanese – Carlo Cracco foto Espresso

Il piatto Milanese per eccellenza, uno dei piatti più conosciuti al mondo, proposto con il midollo alla piastra. Proprio come la musica di Mark Knopfler:  sonorità originali e immediatamente riconoscibili, esecuzione esaltata da grande abilità tecnica.

Risotto Yellow and Black – Davide Scabin

Un concetto nuovo nella cottura del riso.

Il riso crudo viene raffreddato quasi a zero gradi, abbattuto,lasciato a trenta gradi in EVO, e poi preparato fino all’onda e alla mantecatura.

Psichedelico, sperimentale, innovativo, proprio come hanno fatto Roger Waters, David Gilmour, Richard Wright e Nick Mason riscrivendo le tendenze musicali della propria epoca.

I Pink Floyd non hanno mezze misure o si amano o si odiano, come Davide, io impazzisco per entrambi.

Risolio – Ilario Vinciguerra

Alla ricerca continua di sperimentazioni e contaminazioni tra il Nord e il Sud nella sua cucina e anche in questo risotto.

Come Gordon Matthew Thomas Sumner in arte Sting alla ricerca continua di sperimentazioni e contaminazioni nella sua musica.

Risotto, rosso e cremoso – emulsione di fassona, blu del Monviso ed erbe – Roy Caceres

Brian May che si costruiva le chitarre da solo, famoso per i “suoi” ritmi che lo rendono immediatamente riconoscibile, ricorda la personale interpretazione di Roy in questo risotto.

6 commenti

  • virginia

    (24 luglio 2013 - 13:13)

    belli belli.
    Resta il fatto che l’esperienza risottesca dai Costardi si deve fare almeno una volta nella vita! :)

  • Lodovico dell'Otti

    (24 luglio 2013 - 19:30)

    IL RISO, I RISOTTI……..cosa c’è di più buono al mondo; anche a me piace con solo il parmigiano o anche pilaff! Ma vuoi mettere alla milanese con lo zafferano, al nero di seppia, ai funghi porcini…………

  • shellenberg

    (26 luglio 2013 - 10:45)

    Manca il migliore in assoluto, verza e riso.

  • Jean

    (12 luglio 2015 - 22:33)

    Segnalo il fantastico risotto burro e salvia di Antonia Klugmann nel suo nuovo ristorante L’Argine a Vencò nel cuore del Collio goriziano

  • Enzo Vizzari

    (13 luglio 2015 - 10:12)

    Il miglior risotto del mondo è la (mia) “panissa vercellese” (attenzione: “vercellese”, non “novarese”).

  • giancarlo maffi

    (13 luglio 2015 - 17:18)

    Caro Enzo, e’ evidente che qui si parli di professionisti della ristorazione. Anche se la tua affermazione che il tuo sia il migliore e’ opinabile, ammetto che sia più che potabile. L’indirizzo lo conosciamo. Se ci fornisci il giorno di chiusura io e almeno altre sei persone, fra cui arruolo d’impeto il titolare del post e anche quello del blog, vorremmo prenotare. Non avendo certezze sulla qualità della carta dei vini, ti chiediamo se può essere possibile portare una bottiglia da casa :)) grazie, gm

I commenti sono chiusi.