Torre del Greco, Ristorante Il Poeta Vesuviano, report pasquale

Letture: 82
la pastiera di Carmine Mazza

Carmine e Amalia oggi hanno fatto il pieno al ristorante.

C’ero anch’io con la famiglia avendo prenotato in tempo.

Avevamo deciso di tralasciare la tradizione casalinga quest’anno e di riunirci altrove  senza la minestra di cicoria in brodo di gallina imbottita e l’agnello al forno con piselli che mammà ci portava in tavola.

E’ andata bene lo stesso.

Ecco il menu del Poeta.

Classico antipasto di affettati e formaggi campani accompagnati da un buon casatiello e dai pani alle erbe e al pomodoro

Antipasto del Poeta Vesuviano

Gustoso lo  Sformatino di verza e vitello con cuore cremoso di provola di Agerola

Sformatino di verza e vitello con cuore di provola di Agerola

Una variante della minestra ben pensata e composta.

Per primo le  Candele spezzate con genovese di agnello e pisellini freschi.

Candele alla genovese di agnello

La carne di agnello al posto del vitello per la genovese è stata sempre una scelta dedicata ai giorni speciali sulle tavole dell’entroterra campano .

Ecco poi il Filetto di maialino, con peperoni agrodolci e salsa all’arancia

Filetto di maialino con peperoni dolci e salsa all'arancia

Tenera la carne e cotta al punto giusto.

Bravo Carmine.

E brava anche Amalia che presenta la  Pastiera di grano con salsa allo strega e zuppetta di panna alla cannella.

L’avevo gustata virtualmente nel Pastiera Day.

Oggi l’ho conosciuta in senso biblico.

E non mi è dispiaciuto.

Anzi.

Tommaso Esposito

Viale Europa 42, zona Leopardi
081 8832673 3288316623
Chiuso lunedì
www.ilpoetavesuviano.it

Ristorante Poeta Vesuviano
Ristorante Poeta Vesuviano e sei ricette da ripetere

3 commenti

  • GBV

    (6 aprile 2010 - 11:26)

    C’ero anche io domenica da Carmine…ci sono tornato sempre molto volentieri. Sono un profano ma stavolta alcune cose proprio non mi sono piaciute: le candele, ad esempio, erano ottime ma…fredde! e alcune persone al mio tavolo non hanno potuto mangiare il filetto perchè fin troppo “al sangue”. sono un ammiratore di Carmine e mi è dispiaciuto tanto dover constatare queste imperfezioni ma non possono essere trascurate.

    tornerò senz’altro al Poeta Vesuviano sperando che si sia trattatto solo di una “debacle” passeggera legata alla Pasqua e al menu fisso per oltre 30 persone…però che peccato!

    Comunque forza Carmine…a Torre del Greco c’è bisogno di te!

    grazie.

    GBV

  • Fran

    (8 maggio 2010 - 20:37)

    Lo conosco da qualche anno, e bisogna ammettere che dopo una partenza super , talvolta perde qualche colpo … Inoltre , invece di fare un menu degustazione con 6 portate fisse a 35 euro , non è opportuno proporre anche un menu ad esempio con 4 portate a scelta a 25-30 euro ? (La degustazione la si intende così in Europa .. ) Comunque, in bocca al lupo !

  • ALESSANDRO

    (13 maggio 2010 - 17:29)

    SONO STATO POCO TEMPO FA…(UN SABATO)
    IL LOCALE LASCIA MOLTO A DESIDERARE…..
    C’ERANO POCHISSIME PERSONE..
    I PIATTI ERANO BUONI MA…
    LA COSA DA CAMBIARE ASSOLUTAMENTE ..è LA PERSONA CHE SERVE AI TAVOLI…..

I commenti sono chiusi.