Tramici 2004 Paestum igt

Letture: 31

POLITO VITICOLTORI

Uva: barbera
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

In provincia di Salerno, si sa, non è difficile imbattersi in vini da uve barbera. La presenza diffusa di questo vitigno è il risultato delle politiche statali di incentivazione, di spianto e reimpianto, portate avanti nell’immediato dopoguerra. È la prima volta pero che da una vinificazione in purezza sono riuscito a cogliere un rispetto così compiuto ed apprezzabile dell’identità varietale. Merito probabilmente della scelta vincente di vinificare in solo acciaio. Vincenzo Polito produce fiano ed aglianico ma è molto affezionato a questa vigna di 45 anni da cui ricava questo rosso istintivamente familiare, fatto “tra amici” appunto. Si sente al naso netta la ciliegia ed i profumi che ricordano la pasticceria da forno (una torta di ciliegie infornata per riassumere in una sola, pur forse un po’ troppo colorita, immagine). Un’aromaticità che ricorda secondo me inconfondibilmente il vitigno piemontese. All’esuberanza del frutto fa da contraltare una discreta mineralità al palato che chiude dritto e serrato senza sbavature. Anche se i carciofi non amano i vini in genere per il retrogusto metallico che li accompagna io lo vedrei bene, comunque, su un risotto mantecato con i carciofi IGP di Paestum ridotti ad una crema o poco più.
Questa scheda è di Fabio Cimmino

Sede ad Agropoli. Via Mattine, 84. Tel. 0974.840084. Fax 0974.838769. www.fattoriecilentane.com. polito.viticoltori@libero.it. Enologo: Enzo Polito con i consigli di Alfonso Rotolo. Ettari: 4 di proprietà. Bottiglie prodotte: 15.000. Vitigni: fiano, trebbiano, malvasia, aglianico, barbera.