Tramonti, Tenuta San Francesco. La festa per i nuovi vini della Costa d’Amalfi

Letture: 92
I vini della Fattoria San Francesco

di Sara Marte

La Costiera Amalfitana ha sempre il suo fascino. Così con un cielo scuro scuro ed una pioggia sottile che pareva non finire mai, arriviamo alla Tenuta San Francesco a Tramonti. L’atmosfera malinconica e affascinante dei paesaggi viene bruscamente interrotta.

Lì è tutta un’altra storia. Un’accoglienza semplice, allegra, terrena, decisamente chiassosa e un po’caotica accompagna i vini della cantina. Il cibo casalingo e familiare, ma accuratamente scelto, viaggia a suon di musica popolare e tutti gli ospiti sembrano parte di una grande riunione di famiglia. Il tono goliardico è direttamente proporzionale alla quantità di vino.

Fattoria San Francesco, il vigneto

Ma veniamo a noi. Questa cantina nasce nel 2004.Gli ettari vitati sono 7 e tutti collocati tra i 300 e i 500 metri sopra il livello del mare proprio nella sottodenominazione Tramonti della DOC costa d’Amalfi. Per conoscere meglio la cantina bisogna però tuffarsi nel vivo della loro produzione .
Mi capita per prima una bottiglia di E’Iss Tintore di Tramonti prephillossera come dice l’etichetta . Il colore è rosso rubino brillante e fitto. Si muove leggero nel bicchiere tant’è che pare non troppo consistente . Al naso sentori di frutti rossi e pepe. Al palato è molto fresco, fortemente tannico con un sentore sul finale quasi di mosto dolce che a sorpresa ammorbidisce la bocca.
Passo al 4 Spine 2006 Riserva . Questo è un Aglianico, Tintore e Piedirosso e proviene dai vigneti secolari “Quattro”. Il colore , nonostante l’annata è rosso rubino che mostra una vivacità inattesa. Al naso è erbaceo e leggermente minerale , un po’ sul fondo colgo piccoli frutti rossi del sottobosco. Al palato è molto molto tannico e freschissimo e di nuovo minerale ed erbaceo su cui ritrovo un leggero ritorno di frutta. La scorza di arancia si fa spazio. Il piedirosso io lo identifico in questo vino. Il finale è abbastanza lungo.
Provo anche il Tramonti Rosso 2007, Aglianico , Tintore e Piedirosso. Il colore è rosso rubino carico, fitto ,con riflessi granata. Al naso è intens , con note di burro, sentori caldi , foglie di tabacco fresco, pepe. La parte marina, minerale emerge con grande equilibrio. Al palato è equilibrato, con un buon ritorno alcolico. Anche questo mediamente tannico, lascia il palato pulito ma non asciutto. Bello ,intenso e semplice.
Dal Tramonti Rosso al Bianco 2008 DOC Costa D’Amalfi. E’ una Falanghina, Biancolella e Pepella . E’ di colore molto chiaro, limpido e abbastanza luminoso. Al naso subito emergono i fiori bianchi ed una buona freschezza. La frutta a pasta bianca , la pesca ed una certa mineralità sembra lo rendano agile. Al palato infatti è fresco e lascia la bocca con note di ananas , mediamente sapido e dinamico. Ha un buon ritorno di fiori ed una certa persistenza.
Il Per Eva 2008 è una Falanghina, Pepella e Ginestra. Ha un colore giallo paglierino chiaro con riflessi verdolini. Si muove leggero e al naso ha un sentore di foglia di limone, una vena minerale e un po’ di frutta come la mela. Al palato l’erbaceo è molto presente così come la mineralità.Di nuovo la frutta e pasta bianca e la freschezza dell’erba tagliata, sentori citrici amarognoli arricchiscono il gusto. Il ritorno alcolico è caldo ed il finale è lungo e deciso. Lascio per il finale una chicca che mi ha piacevolmente colpita, forse sopra tutti.
Ancora senza etichetta provo il Tramonti Rosato 2009. E’ Aglianico, Tintore e Piedirosso. E’ di un bel colore rosa chiaretto. Ha una mineralità spiccata, gradevole, molto ben fusa con i sentori di fragoline di bosco. La frutta non è banale perché parte integrante del bicchiere, non prepotente o tirata fino al succo. In bocca è sapido, quasi salato, marino, di una freschezza gradevolissima. Sento il pompelmo rosa ed una vena erbacea. Non troppo complesso ma giustamente in equilibrio tra la freschezza ed uno stato evolutivo per me già pronto.

Si suona
Si cucina
Si mangia

Alla fine della giornata fuori pioveva ancora ma a quel punto nessuno di noi sembrava più accorgersene!

Sede a Tramonti. Via Salficiano, 18
Tel e fax 089.876748
Enologo: Carmine Valentino
Bottiglie prodotte: 20.000
Ettari: 7 di proprietà
Vitigni: tintore, piedirosso, falanghina, biancolella, pepe

5 commenti

  • Marco Contursi

    (11 marzo 2010 - 08:13)

    Confermo a pieno la bella giornata e io, complice un bel bicchiere di Tintore mi sono lasciato andare all’interpretazione di ballate popolari coi maestri del gruppo “la paranza dello Sperone”,davvero in gamba..Sara ha descritto molto bene i vini ma per non far torto anche alle cuoche è d’obbligo menzionare l’ottima minestra maritata con il salsiccione paesano,la suadente pasta e fagioli coi tabacchini di Tramonti,e ancora i salumi veri,quelli che sanno di carne e non di plastica,i freschissimi bocconcini e le torte casalinghe che per me valgono quanto una madeleine per Proust.Sia Chiaro: giornate così sono CATARTICHE. ti depurano dalle brutture della vita di oggi.Bravo Gaetano,mi prenoto sin d’ora per l’anno prossimo. :-D

  • Sara Marte

    (11 marzo 2010 - 09:27)

    Buon giorno Marco! In quell’atmosfera unica Tu sei stato , assieme al gruppo, un intrattenitore geniale! Quanto ho riso e mi sono divertita. Che faccio? Parlo?! ;oP
    Seriamente , Hai proprio ragione Marco , è stata una rara intensa giornata Catartica .

  • Marco Contursi

    (11 marzo 2010 - 16:21)

    Addirittura geniale!!!!! Troppo buona :-D Diciamo che noi fiduciari slow food siamo piuttosto versatili soprattutto in presenza di un (uno?!!!!) bel bicchiere di vino.Puoi pure parlare e raccontare quanto io mi sia scatenato(girano già in rete i video ;-P)…….l’atmosfera squisitamente familiare faceva sì che ogni tentennamento venisse meno.Scherzi a parte,permettimi di farti i i miei più vivi complimenti per la precisa analisi dei vini in assaggio,sei abile degustatrice come ho avuto già modo di constatare leggendo delle tue recensioni sul sito mezzostampa.Infine visto che apprezzi le giornate così dovresti partecipare a una di quelle che organizziamo come condotta slow food dell’agro nocerino,ti piaceranno sicuramente,ne ho una sabato sul maiale nero che è una favola.ovviamente gradita ospite della nostra condotta slow food.

  • Marcello Picone

    (11 marzo 2010 - 18:45)

    Complimenti a Gaetano Bove per l’organizzazione della giornata nonchè per la qualità e genuinità dei cibi: eccezionali i vini!
    Una menzione d’onore va anche all’amico Marco per la performance canora.
    Saluti,
    Marcello

  • gaetano bove

    (14 marzo 2010 - 21:10)

    Ciao Sara , ovviamente la giornata non era nemmeno la migliore per sentire i vini.
    Era un giorno di festa e nonostante il tempo spero ti abbia riscaldato il cuore come ha scritto Marco.
    Non ho potuto dedicarti l’attenzione che meritavi, ma erano tante le persone a cui dovevo dedicare la mia attenzione.
    Poi come sempre accade in tali circostanze non sono riusciuto ad avere la giusta attenzione per tutti.
    Comunque, chiamami quando vuoi e con più calma degusteremo i vini insieme e parleremo dei nostri progetti per Tramonti.
    saluti Gaetano

I commenti sono chiusi.