Trattoria Fenesta Verde a Giugliano: quando il futuro è la tradizione

30/3/2017 8.4 MILA
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Gli interni del ristorante
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Gli interni del ristorante

di Andrea Docimo

Spalancare una finestra che affacci su valli sterminate di delicati piaceri e riscoprire l’anelito verso gli antichi costumi.

Mera visione onirica? Non sempre.

La finestra, nel nostro caso, è di colore verde e si trova a Giugliano (Na): “Fenesta Verde”, appunto.

Gli interni del ristorante sono in stile classico; due, invece, i piani su cui è articolato. Personalmente, ho consumato la mia cena al piano inferiore, proprio di fianco ad un camino che in quella sera di fine inverno aveva ancora il suo perché, pur se spento.

L’accoglienza è incredibilmente cortese ed i tavoli sono apparecchiati con gusto; gli scaffali con i vini accanto a me, poi, mi facevano sentire in un certo senso “protetto”.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Gli scaffali con i vini
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Gli scaffali con i vini

Per il vino, si è optato a tutta cena per il Gragnano Otto Uve di Salvatore Martusciello. Vino piacione, un Gragnano di eleganza e corpo pazzeschi: mi ha fatto innamorare, era la prima volta che lo provavo.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Il Gragnano Otto Uve
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Il Gragnano Otto Uve

Si passi, dunque, ai piatti.

L’antipasto proposto consisteva in pezzi di polenta fritta (sono abituato a definirli “scagnuozzi”) e delle ottime polpette alla maniera tradizionale (pinoli e uvetta, ad esempio) con un pomodoro che dipingeva lo schizzo disegnato dalle stesse.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. L'antipasto
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. L’antipasto
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Il pane
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Il pane

In periodo carnevalesco, poi, cosa vi è meglio di una minestra maritata? Ebbene, quella di Fenesta Verde ammalia sin dal primo assaggio: la verdura è abito di seta ben ricamato; la carne (di cui ho apprezzato moltissimo il pezzo di salsiccia pezzente), il decoro prezioso.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La minestra maritata
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La minestra maritata

Il mezzanello allardiato è un vero cavallo di battaglia, quella sera un pelo troppo sapido. Per il resto, splendido.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. I mezzanelli allardiati
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. I mezzanelli allardiati

Ottima e di garbo anche la genovese.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La genovese
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La genovese

Lasagna di sostanza, davvero ben eseguita.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La lasagna
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La lasagna

Passando, infine, ai dolci, la millefoglie oltre a possedere una splendida tenuta strutturale (affondando il coltello dall’alto rimane solida, pur mostrando senza inibizione alcuna le proprie grazie), era attraversata una saporita crema pasticcera e sovrastata da golosissime amarene.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La millefoglie
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. La millefoglie

Ottimo anche il sanguinaccio; discrete le chiacchiere.

Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Chiacchiere e sanguinaccio
Trattoria Fenesta Verde a Giugliano. Chiacchiere e sanguinaccio

Ho trovato un nuovo posto del cuore in quel di Giugliano: ci ritornerò con grande propensione d’animo.

Prezzo medio p.p.: 30/35 €.

Fenesta Verde
Via Licante, 80014 Giugliano in Campania NA
Tel: 081.8941239
Sito web:
www.fenestaverde.it
Giorni di apertura: Aperto dal lunedì al sabato a pranzo e a cena, la domenica solo a pranzo