Trieste, Antico Buffet Da Pepi

Letture: 155

 

Trieste – città inserita nel lembo più a est del territorio nazionale – offre al turista la sensazione di una realtà veloce, vibrante. In verità queste sono prerogative rincontrabili anche in altre città di mare. Con la complicità di una bella giornata, partendo dalla banchina e attraversando la superba Piazza Unità d’Italia, in pochi minuti si arriva all’ingresso del Buffet Pepi, in Via Cassa di Risparmio al civico n. 3. Si tratta di un milieu triestino di fine ‘800 che ha visto il passaggio di consegne dall’Austria all’Italia, e molte altre vicende di quel febbricitante periodo storico.

Pur essendo trascorsi oltre cent’anni, all’interno del locale si “fiutano” atmosfere dimenticate. Una location che rievoca i fasti dell’Austria imperiale, quindi di un’epoca rigogliosa per la città alabardata. Molti giornali (anche stranieri) si sono occupati di Pepi e dei suoi piatti votati al bollito e alle carni di maiale. Persino il New York Times lo ha citato quale ambiente indicativo di assonanze culinarie Mitteleuropee.

Una volta accomodati (un po’ di pazienza, talvolta succede di attendere qualche minuto) potrete assaggiare delle autentiche leccornie. Ad esempio le tipiche salsicce viennesi servite con senape e kren grattugiato, senza disertare gli immancabili crauti che troneggiano su molti piatti di tradizione germanica. E come retrocedere dinnanzi alla rinomata porzina proposta sul tipico piatto a guisa di maialino?

La porzina

Ogni lembo di carne proviene dalla caldaia dove “galleggiano” la porcina (la spalla), il würstel classico, la pancetta, la cotenna, il cotechino, lo zampone (non sempre), le salsicce di Vienna e quelle di Cragno (località slovena d’origine dell’insaccato). E poi… il burroso piedino di maiale così tenero che si spezza con i rebbi della forchetta. Ma non è finita, perché la testina e la lingua di vitello sono davvero molto ghiotte. Sullo stesso piatto, in evidenza, i crauti brasati e la senape sulla quale si potrà insaporire la carne. Il tutto annaffiato con una birra bionda per esaltare al massimo questa pietanza di fede asburgica. Oppure è possibile abbinare al piatto un Collio Goriziano Pinot Bianco o un Terrano Doc Carso.

Da Pepi si mangia su piccoli tavoli, abbastanza velocemente, e talvolta si aspetta qualche minuto prima di sedersi. Ad ogni modo per le bontà proposte e la boccata di ricordi ne vale la pena. I prezzi sono tutto sommato contenuti; ho gustato la porzina completa e la rosetta di pane imbottita assieme a una birra media spendendo poco più di quindici euro.

Pepi

Nostalgici della cucina saporita, dei piatti senza tempo, segnatevi nella vostra moleskine il nome di questo locale e visitatelo non appena avrete l’occasione di essere a Trieste.

Foto di Stefano Buso

Via della Cassa di Risparmio 3
34121 Trieste
Telefono 040 – 366 858
Chiusura domenicale
www.buffetdapepi.com


5 commenti

  • Angelo Di Costanzo

    (24 marzo 2011 - 21:17)

    Un luogo indimenticabile!

  • Giulio Cantatore

    (25 marzo 2011 - 00:58)

    Sottoscrivo tutto,ci siamo stati a fine febbraio,non abbiamo atteso molto perchè siamo entrati poco prima delle venti in una sera freddissima e naturalmente con la bora,e comunque era quasi al completo.
    Abbiamo speso in 2 sui 60 euro,ma noi non facciamo testo, perchè cerchiamo sempre di assaggaire un pò di tutto,ottima la pancetta stufata,naturalmente i piatti sono stati accompagnati da diversi (numerosi)boccali di birra.

  • gaspare

    (25 marzo 2011 - 09:31)

    molto “napoletano” direi, nel senso di locale a servizio rapido con portate tipiche. il kren, per chi non lo sapesse è il rafano, radice molto amata dal vallo di diano al potentino, che ricorda la salsa che i giapponesi chiamano wasabi.
    una città indimenticabile trieste!

  • Stefano Buso

    (25 marzo 2011 - 10:28)

    :-) pensate che la prima volta ci son stato da ragazzo, negli ‘80. Con il passare degli anni non ha perso le sue genuine atmosfere e fragranze. Quando posso o mi trovo a Trieste è una sosta obbligata… Buone cose a voi tutti sempre all’insegna del cibo e del vino che più ci piacciono.

  • Paola

    (25 marzo 2011 - 15:33)

    Ciò che mi manca di più a Milano,oltre al mare è la bora che mi ha fatto compagnia per 25 anni…

I commenti sono chiusi.