Trilogia di Pesci marinati ai tre sapori su insalatine novelle

Letture: 51
Trilogia di pesci marinati

Ingredienti per 4 persone

1 filetto di spigola di 200 gr
1 pezzo di tonno rosso di 200gr
1 pezzo di pesce spada di 200 gr
200 gr di zucchero di canna
200 gr di sale grosso
Timo limonato, 1 arancia,1 limone
Pepe verde
100g insalatine novelli
2 pomodori ramati
Capperi, olive, origano

Procedimento

Marinare il filetto di Branzino con la salamoia fatta di sale grosso e zucchero di canna con aggiunta di timo e scorza grattugiata di  ½ limone
Allo stesso modo fare col tonno ma aggiungere la scorza grattugiata di ½ arancia
Per il  Pesce Spada unire il pepe verde in grani
Lasciare marinare per circa 2 ore affinche’i filetti  perdano i liquidi,  asciugare con carta da cucina (non lavare);affettare sottilmente .

Comporre il piatto

Disporre l’insalatina al centro del piatto,ordinare le fette a piacere e condirle
Sul spada mettere una mirepoix di pomodoro con capperi,olive a rondelle e origano;
Sul tonno delle fette sottili di arancia e pepe nero macinato
Sul branzino delle fette sottilissime di limone.
Il tutto irrorato con olio extra vergine d’oliva

Ricetta di Anna Tasselli, ristorante Odissea, Ostuni. Contrada Santo Stefano. Tel. 0831.334750

5 commenti

  • tasselli anna

    (17 agosto 2010 - 16:57)

    Da bere una bottiglia di vino spumante pugliese, che pensi della Verdeca di Botromagno?

    I

  • Luciano Pignataro

    (17 agosto 2010 - 17:17)

    Con Beniamino ho conflitto d’interessi:-) Troppo amico!

    • tasselli anna

      (17 agosto 2010 - 17:24)

      Non volevo metterti in difficolta’………un’altra scelta?
      Un D’Arapri’.
      Io non ho conflitti con nessuno,quindi posso!!!!!

  • Lello Tornatore

    (18 agosto 2010 - 10:22)

    @ Anna : secondo te, Anna, sinceramente (e so che lo sarai), quanto incide la qualità della materia prima per la perfetta realizzazione di questo piatto (in termini percentuali) e quanto invece la professionalità dello chef? Grazie e ciao.

    • tasselli anna

      (18 agosto 2010 - 19:13)

      @Lello:la qualita’ della materia prima fresca e’ indispensabile in termini percentuali direi 100%.
      Non si puo’ invece quantificare in percentuale la preparazione e professionalita’ dello chef.
      E’ un lavoro duro ma che fatto con passione ti permette di acquisire nozini e tecniche che aiutano.
      Nel mio ristorante le ricette ed il resto le curo io e non sono una chef,sono una appassionata di cucina da sempre ,che ha deciso di mettersi in discussione , assorbendo la’ dove poteva ,le nozioni sufficenti.Pensi me la stia cavando abbastanza bene?Rispondi e sinceramente..

I commenti sono chiusi.