TuttoPizza, domani il convegno La Pizza Liberata, 5 errori da non fare per comunicare la tua pizzeria

22/5/2017 2.1 MILA
Bernardo Iovene e Teresa Iorio (Foto Scatti di Gusto)
Bernardo Iovene e Teresa Iorio (Foto Scatti di Gusto)

Domani martedì siete tutti invitati al convegno organizzato alle 17,30 a TuttoPizza sul tema “La Pizza libera. 5 errori da non fare per promuovere la tua pizzeria”

Nell’ultimo anno, dal caso Daniel Young in poi, è apparso evidente la crescita della confusione nel settore. Tutti vogliono diventare famosi come Gino Sorbillo e alcuni hanno intercettato questo bisogno e si sono buttati a pesce su questa esigenza.
“I pizzaioli sono fessi – ha dichiarato al telefono una persona che si propone come consulente – per un po’ di visibilità pagherebbero qualsiasi  cifra”
Ma è davvero così? Nelle riunioni clandestine organizzate a Napoli e a Caserta e nelle chat si è detto di tutto e di più, su Facebook ancora peggio, pochi, pochissimi, riescono a guardare ai fatti mantenendo la calma.
Le cose sono un po’ più complesse a quanto pare, come del resto è emerso nell’assemblea dei pizzaioli di Acerra convocata il 15 febbraio ripresa e rilanciata da Report. Per questo abbiamo pensato di organizzare questo dibattito con alcuni dei protagonisti di quella puntata e con Antono Puzzi, curatore del libro di Slow Food Editore sulla pizza.

E’ possibile spendere (con fattura si intende) i propri soldi in consulenze tecniche e comunicazione in modo intelligente? Conviene? Come scegliere la persona giusta?
Ma soprattutto c’è la possibilità di distinguere bene tra critica, giornalismo e comunicazione? O il futuro delle pizzerie è TripAdvisor e i finti giornalisti che fanno consulenze?
Il convegno prova a rispondere a queste domande dopo l’attacco selvaggio portato alla stampa libera e autonoma da condizionamenti da parte di chi aveva interessi commerciali molto precisi, perché la pizza attraversa un momento d’oro, impensabile sino a qualche anno fa.  Non sono pochi gli investitori che vengono da altri settori che stanno aprendo pizzerie sempre più belle e spettacolari spendendo soldi per consulenti e comunicazione. Forse è proprio Facebook la società che sta beneficiando di questo movimento visto che i pizzaioli più giovani impazziscono per i like e investono migliaia di euro per acquisire follower.
Questo è esattamente il fenomeno distorsivo che si è creato nel quale si sono inseriti molti improvvisati che per una foto su Istagram o su Facebook chiedono soldi. Si soldi, sempre più soldi. Nemmeno gli esattori delle tasse stanno girando con tanta determinazione per pizzerie come alcuni fufblogger in questi ultimi mesi.

Un vero e proprio Far West perché, a differenza dei media tradizionali registrati che devono rispettare per legge la distinzione tra giornalismo e comunicazione, i blog e i procacciatori di like possono nascondersi, legalmente e legittimamente, nell’ambiguità e i più bravi sono proprio coloro i quali trasmettono messaggi pubblicitari come se fossero momenti di propria vita quotidiana.

Al tempo stesso anche la battaglia sui prodotti è molto accesa, ormai non c’è pizzeria che non esibisce sul bancone alcuni prodotti rinomati per dimostrare di essere alla moda e aggiornata. Insomma, siamo in una fase di crescita convulsa nella quale insieme a tante note positive (sostegno all’agricoltura di qualità, passione di tanti giovani per gli impasti e la sperimentazione, miglioramento della qualità del prodotto finale) c’è anche una zona grigia sulla quale è bene accendere i riflettori prima che i segnali degenerativi diventino sistemici e irreparabili.

Come per qualsiasi altro mestiere, i giovani devono sognare ma anche sapere che non è comprando like che si raggiunge la notorietà, ma lavorando sodo e pensando soprattutto ai clienti, così come fanno le pizzerie tradizionali che non hanno quest’ansia da prestazione. Devono capire che è necessario prendere le distanze dai pifferai magici che promettono incremento dell’attività, articoli sui giornali e televisioni e miracoli impossibile.

Sarà dunque interessante capire, per ciascuno dei presenti, quali sono questi cinque errori.
Io ce li ho ben chiari :-)

Spero che veniate tutti: pizzaioli, consulenti, giornalisti. Un confronto sereno a carte scoperte è quello di cui abbiamo bisogno. Sappiamo già che chi ha cose da nascondere non verrà, ma ce ne faremo una ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *