Casa del Nonno 13: un pomeriggio con Raffaele Vitale a Mercato San Severino

Letture: 221
Raffaele Vitale e la sua limonata

– del Guardiano del Faro –

Giancà! Che mi hai portato a fare sopra Mercato San Severino se non sai la strada?

Anzi, io ti sto portando,  tu indica, dentro questa macchina degna di Pomigliano d’Arco, una vera Alfa Romeo, nera, a fine agosto, peggio che stare in fabbrica.

Lo sapevi che Pomigliano d’Arco è uno dei primi bacini di utenza di questo blog ?

Forse perché hanno poco da fare dici tu?

Può essere pure vero Giancà,  però guarda la strada , te la ricordi la strada?

No, e lo vedo, e pure in ritardo siamo, quelli quando arriviamo ci fanno un bel dito indice in direzione Avellino se ci presentiamo alle due del pomeriggio, mica stiamo in Andalusia Giancà !

No? Dici che è normale qui ? Bhe il caldo in effetti è quello. Dici che addirittura rischiamo una bella pacca sulle spalle anche se  arriviamo alle due? Amichevole spero.

Ok, rallento, se no mettiamo sotto cani e padroni, i padroni sono quelli pericolosi Giancà, ti dovresti comprare quel libro con in copertina quel cane con l’espressione accigliata che bofonchia : “quel deficiente del mio padrone”.  Ma quanti cani abbandonati in Campania Giancà, che tristezza, ho capito, però tutti sull’Alfa Romeo non ce li possiamo far entrare, stattene tranquillo, non puoi salvare il mondo da solo, e io sono abbastanza stanco di tentare di farlo.

Siamo arrivati? Meno male, la metto qui l’Alfa? No, non va bene, non vuoi camminare? Allora la lasciamo al sole a 35 gradi? E’ nera, quando torniamo diventano 70 i gradi , tanti saluti alle mozzarelle, si lo so, me l’hai detto che non devono andare in frigo ma a 70 gradi si sciolgono e poi dobbiamo rifare il lavoro di Gennaro e non sono pratico di pasta filata. Siamo d’accordo, la metto all’ombra. La prendo la macchina fotografica? Che vuol dire che è inutile? In cantina mangiamo? Al buio ? Ma dove  mi hai portato Giancà!

Che bello il palazzo Giancà ! Dentro è tutto diverso dici, suoni suoni ma non arriva nessuno, ma dove stanno? Ah, eccola qua, si faceva giustamente attendere Mena  Filo-Mena, che ha già un sorriso così ammiccante e una camminata così  slogata che un buffetto glielo daresti tu, si è capito subito vecchia volpe bergamasca.

Cominciamo bene, bella sta cucina sotto vetro, piacere Raffaele, buongiorno Signora, un saluto ai ragazzi. Domenico non c’è, non sta bene. Domenico, ti garantisco che torno, mettiti in forma che torno e mi stappi quello che  ti pare, te lo prometto.

Perché questi senza di te, Domenico, questi con quella grande carta dei vini che gli hai fatto  fanno quello che possono,   torna qui a dargli una mano, muoviti ;-)  , però in cucina sanno quello che fanno, perché anche solo marinare un taglio di coscia di marchigiana in questo modo non è cosa di tutti.

Senti queste crocchette Giancà , ne mangerei una dozzina. Le patate, le patate, me l’avevi detto, le patate di Montoro, mettile dove vuoi Raffaele, sono buone ovunque, con i ceci neri e i porcini e tartufi, con il baccalà fritto e cipolle, con la pasta e il peperone crusco, con la costata di manzo Marchigiana .

Che si fa? Non ho capito? Ah, una pasta alla puttanesca e poi si va in cantina, e perché qui dove stiamo?  E facciamoci sta puttanesca. C’è un’altra cantina?

Che dobbiamo fare in cantina, guardare le bottiglie?

Ma quante domande faccio oggi!

Sai , Giancà, stamattina avevo lo stomaco a pezzi sulla Costiera, quella strada, ma perché non riescono a farne un metro dritto! Adesso però due fettine di salame, un caciocavallo, un Philipponat Rosè…ci sta, ci sta . Si fa merenda con Raffaele , tavolaccio, coltelli affilati, salami e formaggi. Si stappa, si brinda, a chi?

Hai capito chi sono Raffaele, mò non ti incazzare però, non siamo tutti uguali, ho capito Raffaele, se sono qui era anche per capire,  già lo intuivo, mò l’ho capito, ci siamo intesi Raffaele ? Grazie Raffaele…

Ma dove è andato Giancà?

A prendere il caffè con Filo-Mena …

Hai capito ,  andiamo a disturbarli Raffaele,   sorridi,  sorridi,  ma perché la chiami Elena?

Eccoli qui,  Elena, me lo fai pure a me un caffè ? Grazie Elena.

Grazie Giancà , grazie di avere insistito per  farmi arrivare a Mercato San Severino.

Grazie di tutto Raffaele, è stato bello conoscerti, vuoi fare una dedica prima che partiamo?

Tiè!

Altre facce da Mercato San Severino:

E i piatti di Casa del Nonno 13.

Le crocchette, o amuse bouche?
Coscia di manzo marinata e fichi al sale.

Questa è una crema della fantastica patata di Montoro, con porcini, ceci neri, tartufo estivo e olive di Gaeta, sembravano Taggiasche Giancà!

Erano tre giorni che tutti ci davano Taggiasche da Firenze in giù Giancà, perdonami Giancà, finalmente quelle di Gaeta Giancà.

Ci voleva Raffaele per voltare pagina.

Puttanesca !
Pasta e patate, aglio e peperone crusco.

Scusate la qualità delle immagini, ma c’era poca luce.

La costata.

Il dessert lo prendiamo in cantina Giancà?

Niente dessert?

Si va in cantina lo stesso?

Va bene, andiamo in cantina.

gdf

Qui la recensione di Giancarlo Maffi su Casa del Nonno 13

16 commenti

  • giancarlo maffi

    (5 settembre 2010 - 13:34)

    punto uno : qui mi stanno rubando il lavoro. questa cosa pare scritta da maffi. il guardiano fa gia’ di tutto, SI ASTENGA per favore ( cit. dal discorso bulgaro ) :-)))))))

    punto due : non capisco bene quel ditino di raffaele : forse F.F. ? o M.C. ?

    punto tre : quoto solo tutta la parte riguardante DOMENICO . datte ‘na mossa domenico : mi mancano le tue pacche sulle spalle :-)))))

    punto quattro: ELENA FILOMENA o come cavolo ti chiami: CHIAMAMI , mi manchi !

    @ giulia : io con raffaele vado anche in camporella :-)

    ps : tutti questi “gianca’ ” mi puzzano …….

    • Giuseppe Grammauta

      (5 settembre 2010 - 18:07)

      Sul punto uno concordo.

    • marco contursi

      (5 settembre 2010 - 20:54)

      F.F o M.C stanno per…….?non voglio sforzare le meningi.

      • marco contursi

        (6 settembre 2010 - 12:32)

        allora?non c’è risposta Giancarlo?dai……..

        • giancarlo maffi

          (6 settembre 2010 - 12:36)

          si stava parlando di F.F. , contu’. poi se lo vuoi intendere diversamente …….:-)

          • marco contursi

            (6 settembre 2010 - 12:42)

            Non comprendo….tu scrivi…….”non capisco bene quel ditino di raffaele : forse F.F. ? o M.C.?”…..io ti chiedo chi sono F.F o M.C e tu rispondi in modo sibillino.Già ti dissi che io certe sottigliezze non le capisco,quindi ti chiedo chi sono FF o MC?se vuoi ouoi risp anche in privato anche se credo interessi non solo a me.
            .

    • Alessandro

      (6 settembre 2010 - 10:20)

      Domenico arripigliati presto, senza di te non è la stessa cosa!!! :-))))

      • giancarlo maffi

        (6 settembre 2010 - 12:37)

        ti comunico che ha ufficialmente ripreso :-)

        • Alessandro

          (6 settembre 2010 - 13:31)

          grazie maffi, la notizia è splendida.
          ps: non ci conosciamo ma ti leggo con molta simpatia, complimenti.

  • Marina

    (5 settembre 2010 - 14:50)

    Ah, ah, ah, siete proprio uno spasso.

  • tumbiolo

    (5 settembre 2010 - 17:06)

    Ricordo ancora con devota commozione la calda accoglienza riservataci da Raffaele a fine maggio, alla quale si aggiunge l’indimenticabile ricordo della sua cucina, da me apprezzatissima per la grandissima capacità di valorizzare i migliori prodotti del suo territorio.
    Grazie mille Raffaele, spero di tornare presto.
    Grazie anche a Giancarlo, che, per fortuna, non perde occasione, quando è in Campania, di portare gli amici da Raffaele.

    • Carmine

      (12 settembre 2010 - 23:30)

      Anche a me è piaciuto molto a parte il comportamento di qualche cameriere in sala poco corretto.

  • roberto

    (5 settembre 2010 - 19:42)

    Mi astengo, mi astengo, a furor di popolo mi astengo, anche se mi pare più interpretazione che plagio. Tra le altre sindromi, anche quella di Zelig ( il film di W:Allen) mi assale periodicamente , altri tre giorni e avrei imparato accenti e cadenza avellinese, oltre all’incedere verbale maffiano ;-)

    • giancarlo maffi

      (5 settembre 2010 - 20:00)

      ad andare con lo zoppo ( in tutti i sensi ) si impara a zoppicare :-)

      e NON mi riferisco agli accenti avellinesi e quindi , per una volta, lello tornatore si puo’ ritenere in salvo :-)))

  • giancarlo maffi

    (6 settembre 2010 - 13:38)

    @contursi : dai marco , ogni tanto si scherza pure. ti pare che se non si scherzava raffaele ci avrebbe fatto fare quella foto ? m. c. l’ho scritto io ,per il piacere di farti girare i ….. .

    di te non si è proprio parlato, quel pomeriggio. parola.

  • marco contursi

    (6 settembre 2010 - 14:37)

I commenti sono chiusi.