Unesco: Dieta Mediterranea patrimonio dell’umanità insieme alla Gastronomia Francese

Letture: 324

La Dieta Mediterranea è entrata nel patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. L’ok è arrivato pochi minuti fa da parte del comitato intergovernativo dell’Unesco riunito a Nairobi. Lo ha confermato all’ANSA da Nairobi, Pier Luigi Petrillo, responsabile della delegazione del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali che ha aggiunto che la «Dieta Mediterranea è stata approvata all’unanimità».

Contestualmente, analogo voto è stato espresso per la Gastronomia Francese, candidatura avanzata ovviamente da parigi. Insomma i due grandi modelli europei diventano espressione di qualcosa che appertiene a tutto il mondo.

Si tratta comunque di una risultato atteso con gli altri Paesi del mediterraneo proponenti, e cioè Grecia, Spagna e Marocco. In corsa per entrare nella lista c’è anche la gastronomia francese: le due candidature non sono alternative e potrebbe essere la giornata della consacrazione del buon vivere a tavola.
Oggi la dieta mediterranea è diventata un po’ come quelle regole che tutti dicono di osservare e rispettare ma che nessuno segue veramente. Non potrebbe essere altrimenti, visto che si tratta di un regime alimentare povero dei contadini dell’entroterra meridionale e della Grecia: olio come grasso, ortaggi e frutta, legumi al posto delle proteine animali, con rari inserimenti nei giorni di festa di carne. In più pochissimi zuccheri.
Secondo recenti studi pubblicati sul British Medical Journal analizzati dal team di Francesco Sofi, nutrizionista dell’Università di Firenze, la dieta mediterranea riduce del 13% l’incidenza del Parkinson e dell’Alzheimer, del 9% quella per problemi cardiovascolari e del 6% quella del cancro.
«Il merito di questo riconoscimento – afferma il Presidente del Parco nazionale del Cilento Amilcare Troiano – è frutto di un lavoro che parte da lontano. Infatti il 13 marzo 2010 firmammo, insieme al compianto sindaco del Comune di Pollica, Angelo Vassallo, e al Capo di gabinetto del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Giuseppe Ambrosio, in Marocco la «Dichiarazione di Chefchaouen» a sostegno della candidatura della dieta mediterranea da parte delle quattro comunità emblematiche Cilento (Italia), Koron (Grecia), Sorìa (Spagna) e Chefchaouen (Marocco)».
La dieta mediterranea sarà il terzo elemento immateriale italiano a entrare nella lista, dopo l’opera dei pupi siciliani e il canto a tenore sardo. Fra gli altri elementi immateriali protetti come patrimonio unico al mondo, 166 in tutto fino ad oggi, la calligrafia cinese e il tango argentino.

L’articolo sul Mattino

11 commenti

  • ALBA

    (16 novembre 2010 - 16:31)

    Scusa Luciano, hai messo la foto della signorina Dieta Mediterranea mettici anche quello della signora Gastronomia Francese e per noi donne un poster del signor Mangiami Congliocchi

    • Lello Tornatore

      (16 novembre 2010 - 16:34)

      Credo non sia farina del sacco del Pigna…troppo al di sopra delle righe ;-)))

      • ALBA

        (16 novembre 2010 - 16:41)

        Chi ha detto che Lello non sa riconoscere le pezzo(di)gn(occh)e?

        • Lello Tornatore

          (16 novembre 2010 - 16:53)

          Grazie per il riconoscimento…tardivo!!! ;-))

      • fra' michele da bargecchia

        (16 novembre 2010 - 16:45)

        IO NON C’ENTRO NULLA, TANTO PER ESSERE CHIARI. GIA’ MI TOCCA ANDARE A CONFESSARMI SOLO PER AVER VISTO LA FOTOGRAFIA.

        • ALBA

          (16 novembre 2010 - 16:51)

          ….mumble mumble, allora è stato il Guappo che ha trovato la foto di Eveline….

          • Il Guappo del Faro

            (16 novembre 2010 - 17:09)

            No, anzi, profondamente offeso che il pezzone gdf su Luigi Cremona sia stato così crudamente brutalizzato e velocemente oscurato da tanta abbondanza di carne dopo aver fatto 48 ore di dieta risottata…

  • Cantinetta

    (16 novembre 2010 - 17:18)

    eeeee che gran bel post :-))

    • roberto

      (16 novembre 2010 - 17:22)

      Sono d’accordo, però resta da capire chi ha stavolta rubato la password a Luciano, lui non lo avrebbe mai fatto, mi rispetta molto, questo è chiaramente un golpe, però se non risponde mi preoccupo, potrebbe essere un golpe alla sudamericana stavolta

  • fabrizio scarpato

    (16 novembre 2010 - 17:45)

    Eh, mica solo io devo avere le tettone del Grande Fratello sulla copertina di un post, sangue del mio sangue. Questa però è meglio: la dieta intendo. Mi fa sangue pur senza eccessi di proteine. Comunque son molto lieto per il tango argentino: girare di scatto la testa contromano trascinando al rallentatore le gambe di lui e di lei di nero vestite, è una felicità da attimo fuggente, tanto fuggente da non verificarsi mai per manifesta inadeguatezza di tangueri caricaturali. Finchè Atahualpa, o qualche altro dio, non ti dica deh scasate nino, che continuo io. Son soddisfazioni, comunque, quasi al pari del precedente riconoscimento per i Tenores di Bitti e il canto a tenores tutto. Sia lodata la dieta mediterranea, sempre sia lodata ( frate Michele converrà per una novena alla ora sesta vespertina).

  • velavale

    (17 novembre 2010 - 20:01)

    ah però

I commenti sono chiusi.