Valdellecorti 2006 Riserva Chianti docg

Letture: 85

Le cose non avvengono mai per caso: era un bel po’ che non provavo un Chianti capace di prendermi davvero. Va a finire che questa cosa succede a Bari, al ristorante Le Giare dove sono stato sequestrato qualche ora da Massimo Lanini.

Ottimo venditore, da buon toscano, mette a tavola prima un po’ di Campania, la Puglia ospite e infine propone qualcosa della sua Toscana.
Tra l’altro, la riserva Valdellecorti 2006: ed è così che si svolta davvero, la finezza di esprimere il territorio di Radda, in bocca è fresco, balsamico, il frutto ben accennato ma non invasivo, la chiusura pulita e secca. Esattamente il contrario del concetto di morbidezza assoluto che si è affermato negli anni ’90 in Toscana per poi trasferirsi a tutto il resto d’Italia.
Un vino da abbinamento, i miei amici irrorano l’agnello murgiano, io lo godo anche sull’ombrina dopo aver battezzato gli spaghetti fatti in casa conditi con pesce azzutto, pinoli e uvetta.
Le cose, però, non avvengono mai per caso. Decido di scrivere toscano sul Mattino dopo non so quanto tempo e consulto la mia guida di riferimento e cosa scopro: wonderful, l’azienda fondata da Giorgio Bianchi nel 1974 e adesso gestita dal figlio Roberto ha una bella chiocciola Slow Wine. Poi dici come nel bicchiere si ritrova sempre un progetto di vita: Giorgio venne con la moglie Eli a Radda comprando la proprietà con il ricavato della vendita della casa a Milano. Erano tempi in cui era ancora libertà andare a vivere in città, Chianti non era ancora Chiantishire e chi fece questa scelta, non sono davero pochi i casi di acquisto, si è ritrovato, senza volerlo, a fare un grande affare.
Un affare da sette ettari e 30mila bottiglie che viene coltivato in conversione biologica, un patto con la terra che si rinnova anno dopo anno nel cuore dell’Italia del vino. Il vino che mi è piaciuto tanto è una riserva da uva sangiovese selezionata nei primi vigneti piantati da Giorgio, fermentazione in acciaio e poi affinamento in botte grande e in barrique di secondo passaggio. Ecco un Chianti da mettere sul tavolo con sicurezza.

Località La Croce
Case Sparse Val delle Corti, 144
Tel.0577.738215
www.valdellecorti.it
Ettari: 7 di proprietà
Bottiglie: 30mila
Uva:sangiovese
Prezzo: 25 euro fc