Vallasaccarda, ristorante Oasis

Letture: 137
La famiglia Fischetti

di Giancarlo Maffi

Colazione dell’ultimo giorno campano, tripplo caffè da moka e biscotti, ordinari. Il  nettare nero non è ancora in circolo e Maffi due rompe già i cabasisi: capo non ti scordare che hai detto a Lello Tornatore che saresti passato a conoscerlo.( anche se tu ci vai per assaggiare certe cosine, ipocrita)


Porca vacca hai ragione risponde Maffi uno,  arruffando un ricciolo vagante.
E adesso ? Non riesco a farcela. Devo andare dai Fischetti a Vallesaccarda . E’ da giugno dell’anno scorso che ci penso. Ho spaccato i maroni a mezzomondo (10  persone al massimo) per andare all’Oasis, non posso mancare.  Nel frattempo si sono pure beccati le tre forchette del Gambero.
Va beh, ora chiamo il Lello e gli chiedo umilmente scusa. Detto fatto e onestamente con parecchio imbarazzo. In fondo mica andava a trovarlo la delegazione completa di miss mondo, mi autoscuso. E poi rendo pubblica la cosa e quindi spero sia sufficiente.
Allora, si monta verso l’autostrada che da Avellino porta in Puglia. Finalmente il cielo non è più plumbeo, che in questo viaggio ho visto di tutto, neve ed acqua  a go go. Certo, vien da pensare, ci vuol anche del coraggio ad organizzare un ristorante a questi livelli in una zona di passaggio veloce come questo. Ci vuole testa dura, dedizione, un po’ di follia e tanta passione.

I grissi. Ristorante Oasis

Bella sala, francesizzante, il che la dirà lunga su un servizio francamente stupefacente in mezzo a monti e colline. Una volta si sarebbe detto da bonus. E bravi, Fischetti!!
Uso ed abuso di un territorio mica da ridere. Tartufo nero d’Irpinia declinato in trentadue modi (che libidine), maiali che parlano campano, le mitiche cipolle ramate di Montoro. Eravamo in tre. Non vi propongo un’analisi piatto per piatto  perché stancherebbe anche  il più (spererei LA piu’ ) ( qui sento già lo Scarpato ‘fancularmi di autocelebrazione,ihihihi) fan del Maffi.
Vado d’ istinto su quello che in assoluto mi è piaciuto notevolmente. Per gli altri piatti, ad una incollatura sia chiaro, vi rimando a sommarie descrizioni ed alle solite brutte foto.
IL BACCALA’…. IL PEPERONE CRUSCO

Baccalà con crusco, ristorante Oasis

Si parte in allegria e squisita delicatezza, pensa un po’. Il pescione è senza sapidità eccessiva grazie ad un lavoro mica da ridere. Sgranocchia il peperone, bimbo Maffi… sgranocchia… mi viene un’idea: la prossima volta me ne faccio dare un po’ e li uso come pop corn al cinema. Delizioso.
L’UOVO ALL’OCCHIO DI BUE SU PUREA DI PATATE AL LIMONE E TARTUFO NERO DI BAGNOLI  IRPINO

Uova e tartufo. Ristorante Oasis

Applausi, di gente intorno a me… applausi. Chi erano? I Dik Dik, forse? Il mio compagno di tavolo, quello maschio, si indigna perché lo voglio provare. Che vuo, reagisco, faccio o non faccio il critico dilettante? E allora lasciami lavorare. E gli rubo tre cucchiaiate di un piatto perfetto , parigino o perigordino, ma ai massimi livelli. Quella puntina ruffianissima di limone, poi…. Appunto, applausi!!
LA MINESTRA MARITATA DELLA RICETTA IRPINA E LA ZUPPA DI CIPOLLE RAMATE DI MONTORO AL CACIOCAVALLO PODOLICO

Minestra con ciplle ramate di Montoro, Ristorante Oasis

impeccabili.
Ma a me ha stantuffato il cuore e perfino l’impianto idraulico una fantastica  ZUCCA CON MANDORLE , STRACCIATELLA E TARTUFO NERO .
Ne ordino un bis perché i miei commensali non se la devono perdere .
addirittura piatto del pasto:  leggero acido bi-dolce e terra terra. Un amplesso palatale. BRAVI!!!
Poi il  piatto storico dell’oasis antichi sapori, in carta dal 1988, cioè da sempre: RAVIOLI DI RICOTTA IN SALSA DI NOCI E AGLIO BRUCIATO

Raviolo con salsa di noci e aglio bruciato. Ristorante Oasis

Veleno per me, per via delle noci, lo assaggio solo. Impeccabili pure loro.
A me fanno  RAVIOLI CON FORMAGGIO DOLCE ED OLIO DI RAVECE, buoni

Raviolo con formaggio dolce e olio Ravece. Ristorante Oasis

Altro giro altra corsa: RAVIOLI DI BURRATA ED ERBETTE CON MANTECA CAMPANA E TARTUFO NERO. Molto buoni.
SPAGHETTONI DI GAROFALO CON ALICI SALATE DI MENAICA, POMODORI SECCHI , COLATURA DI ALICI DI CETARA E PANE ABBROSTOLITO

Spaghettoni con alici di menaica, pomodori secchi e colatura. Ristorante Oasis

Altro piatto da applausi. Pensateli  da voi gli equilibri fra la salinità, l’acidita’ ma anche la dolcezza del sole  nel rosso tomate. Una squi-si-te-zza.
Si percorrono poi i secondi, fra cui IL CONIGLIO ALLA PIZZAIOLA PICCANTE CON OLIVE INFORNATE DI FERRANDINA di cui non ho manco potuto fare foto figuriamoci l’assaggio perché chi l’aveva davanti se l’è sbafato in un attimo mentre io ascoltavo interessato un racconto di uno dei fratelli Fischetti.
Poi un BACCALA’ FRITTO CON I BROCCOLI, un classico saporoso e civilissimo

Baccalà fritto, ristorante Oasis

Un  ottimo FILETTO DI MAIALE CON CIPOLLOTTO AI SENTORI DI LIMONE, dove santo limone risolve energicamente il leggero afrore di un maiale grazie al cielo cresciuto comme il faut.
Santifichiamo  il fine pasto con una porzione ammazza cristiani  e sontuosa di MILLEFOGLIE CON CREMA CASALINGA , GRANELLE DI NOCCIOLA E AMARENE SELVATICHE

Millefoglie, ristorante Oasis

fotografata al pelo mentre stava cadendo su se stessa, e  SEMIFREDDO DI TORRONE CON SALSA DI CIOCCOLATO AMEDEI.
PICCOLA PASTICCERIA FINALE  PIU’ CHE DECOROSA

Piccola pasticceria, Ristorante Oasis

Ci abbiamo bevuto sopra diverse cosette a bicchiere. A me è piaciuto soprattutto  un  TAURASI 2006 VIGNE IRPINE
Degno di nota che in carta vengano citati i prodotti dei presidi Slow Food e relativi produttori: OLIVE DI FERRANDINA, ALICI DI MENAICA E CACIORICOTTA DEL CILENTO.
Bello  lo scritto del sig. Goethe in carta, di cui cito l’ultima frase: “  NO, NESSUN PIACERE  E’ PASSEGGERO PERCHE’ LE TRACCE CHE LASCIA RIMANGONO, E CIO’ CHE SI FA CON IMPEGNO E FATICA COMUNICA ALLO STESSO OSSERVATORE UNA FORZA NASCOSTA IL CUI EFFETTO NON SI SA FIN DOVE POSSA ARRIVARE.”
Appunto.

Conclusioni: la classe non è acqua , nel servizio e nei piatti millimetricamente disegnati nella saggezza ed in qualche scatto di leggera creatività.

ASSEGNO UN 16/20, attenendomi solo alla cucina che i bonus per il coraggio e l’abnegazione porterebbero piu’ in alto.
Faccio un appello a chi , per turismo o lavoro percorre l’autostrada napoli-bari ed anche quella adriatica: prendetevi due orette di tempo. Fermatevi dalla famiglia Fischetti, almeno una volta nella vita. Sarete felici, a prezzi talmente civili da far pensare che abbiano dimenticato di farvi pagare almeno un piatto, e ,soprattutto, proseguirete il viaggio con una leggerezza impensabile al cospetto di piatti piuttosto corposi .
Quel giorno percorsi 800 km in tutto di cui 650 dopo il pasto, per raggiungere viareggio, entrare in casa e sbafarmi pure un 300 grammi di bufala che mi ero portato da Paestum.
Insomma avevo quasi fame!!
Ciao Campania e grazie di tutto. Ci vediamo più avanti.

13 commenti

  • Alessandro

    (26 marzo 2010 - 14:10)

    direi un menù di tutto rispetto che non ha nulla da invidiare a nessuno… ottimo!

  • Giuseppe Grammauta

    (26 marzo 2010 - 17:17)

    Penso che alla Campania mancherai non poco.

  • Antonio Tranfaglia

    (26 marzo 2010 - 17:21)

    Sono stato oggi 26 marzo 2010, commenti:
    cucina e Famiglia meravigliosa………

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (26 marzo 2010 - 17:32)

    Hai chiuso in bellezza il tuo tour campano: complimenti e grazie per averlo condiviso con noi!

  • fabrizio scarpato

    (26 marzo 2010 - 17:51)

    Quella frase di Goethe andrebbe mandata a memoria e forse, nei tempi bui degli striscianti, il signor Tornatore, se la sarà letta e riletta, forse anche pubblicata: il piacere che deriva dalla conoscenza senza la quale non c’è evoluzione. Dici che Bottura ha letto Goethe?
    Ma c’è qualcosa in più: la forza nascosta. Quasi un ossimoro, cosa c’è di più concreto ed evidente della forza, anche di carattere? Invece, nell’essere “nascosta” mi piace vedere l’orgoglio e la dignità di quelle terre, il senso del lavoro e del piacere nell’ottenere successo, un difficile successo: la bellezza delle preparazioni racconta di tutto questo, sia dal Nonno 13, che qui a Vallesaccarda, sia al Sud di Marianna Vitale che, in fondo glielo dobbiamo come precursore, al Don Alfonso degli Iaccarino.
    Ma “nascosto” significa anche difficile da trovare, da raggiungere, fuori dalle grandi vie, e se questo è in fondo un comune denominatore di molta grande cucina in Italia, beh nel Meridione vale ancora di più, porta in sé una valenza importante: il coraggio delle proprie idee e della propria storia, non da guardare messa lì sull’altarino, ma da proporre, da ricostruire, da rinnovare. Con forza, appunto.
    Applausi quindi a tutti quelli che ci credono, e ce lo fanno sapere, vedere e mangiare.
    E applausi al Maffi, al quale, tanto per riportarlo sulla terra, dico che la canzone era dei Camaleonti ;-)

  • vincenzo

    (26 marzo 2010 - 19:53)

    lunedi’ sono passato per vallata dall’autostrada e a dire il vero ero partito con l’intenzione di fermarmi,ma ero gia’ fuori tempo massimo.
    la mia prima volta all’oasis e’ stata di ritorno da bari una domenica a pranzo nel 1997 non mi ricordo su suggerimento di chi e rimasi sbalordito da un superbo caciocavallo,ma ad onor del vero presi il menu’ degustazione e rimasi contentissimo del prezzo e della qualita’,oltre che dalla professionalita’ e cortesia di fischetti.ci sono riandato in compagnia di amici nel 2000 e ancora meglio della prima volta.
    mitica la pasta con la farina di castagne .ora vedendo queste foto quasi da nouvelle cousine mi sorge un dubbio:e’ sempre quella stessa cucina del territorio ricca ed opulenta come nel 2000 o ha lasciato il passo alle nuove mode francesizzate di tanta scena e poca sostanza? ci riandro’

    • giancarlo maffi

      (26 marzo 2010 - 21:10)

      le foto sono quello che sono, gent. vincenzo, ed io avevo chiesto porzioni piccole per poter assaggiare diversi percorsi.

      il testo mi sembra che chiarisca a sufficienza l’impronta nettamente territoriale della cucina, seppur talvolta interpretata in senso attuale, contemporaneo. ma i sapori ci sono tutti e ben solidi.

      di francesizzato, come dici tu c’è sicuramente una certa opulenza nel servizio. e questa e’ solo cosa positiva.

      ci DEVI riandare , quindi, tranquillamente. ritroverai quello che cerchi e penso ancor meglio:-)

    • mimmo vallifuoco

      (28 marzo 2010 - 13:17)

      Concordo e sottoscrivo ….era il lontano 199.. e ci ritrovammo non per caso in questa selva non oscura..dopo aver letto su un volo alitalia una recensione..l’ambiente consono al posto ..caldo, contadino, accogliente….il menu’ degustazione un superbo encomio alla cucina territoriale ….quelle minestre .. di nonnesca radizione..quei primi….i formaggi…….i dolci .tutto superbo…….la cosa piu bella il conto alla fine….da senza parole….da allora ci ritorno almeno una volta all’anno……….ma quei sapori non ritorneranno piu’ ..resta la grande cucina ..e la gentilezza dei fratelli Fischetti…

  • Lello Tornatore

    (26 marzo 2010 - 20:04)

    Giancarlo, dovresti ascoltare un pò di più il Maffi 2, ti conviene !!! Perchè adesso il menù per quando verrai, cambia : il brodino prescritto dal Pigna rimane, ma sarà “corretto” alle noci, tiè !!! Che dici Luciano, Faccio bene?
    Per quanto riguarda i fratelli Fischetti, non scopriamo niente di nuovo. La serietà nell’interpretazione del territorio è unica e non è cosa da poco. Mi spiego: è molto facile nell’impreziosire i prodotti e le ricette della tradizione scadere nello stravolgimento del piatto, ma ai Fischetti ciò non succede mai, piuttosto si nota quasi sempre un miglioramento dei sapori e dei profumi, pur nel rispetto della tradizione. Hai assaggiato il loro caciocavallo, Giancarlo? Non è da sballo?

    • giancarlo maffi

      (26 marzo 2010 - 21:15)

      no, lello, il caciocavallo l’ho lasciato per quando ci andremo insieme.

      tie’ :-)))

  • Monica Piscitelli

    (27 marzo 2010 - 00:17)

    MAFFI ANCORA ALLE PRESE CON LE OLIVE DI FERRANDINA? E QUESTA VOLTA IL PANE DI MATERA? : )

  • tignanello

    (28 marzo 2010 - 01:03)

    ….come al solito “accattivante e grintosa” scheda….ci tiene incollati allo schermo….e ci vien voglia di mettersi in macchina e partire….bene, bravo, bis…..!!!
    un solo, piccolo mistero….maffi uno, maffi due…..non sarà che per caso hai incontrato tale Tyler Durden?
    ; )

    • giancarlo maffi

      (29 marzo 2010 - 06:49)

      mi hai costretto ad una affannosa ricerca. mi sembra di no, comunque.

      quello aveva un gemello cattivo dentro se’ stesso, che pare lo convinse che vivere nella merda fosse il modo migliore per vivere la vita.

      . il mio non lo è .e’ solo leggermente rompic…..

      del resto, con certe conoscenze di questi due ultimi anni , non potrebbe essere altrimenti. bisogna pur difendersi:-))

I commenti sono chiusi.