Vallesaccarada 10 agosto: i grani antichi

Letture: 1159
I grani antichi
I grani antichi

Vallesaccarda ha la fortuna di avere a Borgo Setaro un antico forno alimentato a paglia dove periodicamente un gruppo di cittadine svolge delle attività didattiche con le scolaresche e la realizzazione di pane e prodotti da forno. Belle iniziative che pongono al centro dell’attenzione il grano ed i suoi trasformati; millenari alimenti che hanno accompagnato le varie fasi della storia della civiltà occidentale e la cultura alimentare del Mediterraneo. Per ciò Il 10 agosto alle 17,30 a Borgo Setaro si svolgerà un importante convegno “I Grani Antichi per il Nostro Futuro” dove i saluti sono affidati a Franco Archidiacono in qualità di Sindaco, ad Amalia Cipriano animatrice del gruppo di lavoro di Borgo Setaro e Tonino Ferrante Fiduciario della Condotta colline dell’Ufita e Taurasi.

I grani antichi, programma
I grani antichi, programma

Gli interventi al Referente Comunità Coltivatori di grano Carosella di Pruno (SA)– Angelo Avagliano, al Referente Comunità Produttori di grano russulidda e ianculidda e di Caselle in Pittari (SA) – Antonio Pellegrino, al Referente tecnico Produttori antiche varietà di grano delle colline beneventane – Domenico Pontillo (che è anche membro dell’esecutivo regionale della Campania e Basilicata con la funzione di segretario) al Referente Comunità dei produttori e allevatori dell’Alta Irpinia – Donato Merola, all’Agronoma della filiera dei grani antichi di Montespertoli (FI) – Francesca Castioni, al Responsabile del “Villaggio della Dieta Mediterranea” a Città della Scienza – Coroglio – Napoli – Gianfranco Nappi. Modera i lavori il Responsabile delle Comunità di Terra Madre della Campania – Erasmo Timoteo. Le conclusioni sono affidate al Vice Presidente Slow Food Campania – Alberto Capasso Vallesaccarda è un comune d’eccezione assurgendo agli onori della cronaca enogastonomica con ben due ristoranti di livello: Oasis – Sapori Antichi e Minicuccio. Dal 2014 ha anche un Sindaco d’eccezione: Franco Archidiacono già brillante interprete della filosofia Slow Food quale Fiduciariol per due mandati, attualmente membro del Consiglio Internazionale Slow Food a lui sono ascrivibili gli importanti eventi “La disfida del soffritto” ed il successo della prima edizione di “Leguminosa” di cui è stato coordinatore.