Vallo della Lucania, il nuovo Storie di Pane è un sogno gastronomico

Letture: 264
Storie di Pane, Paolo De Simone
Storie di Pane, Paolo De Simone

STORIE DI PANE
Forno – Pizzeria – Gastronomia – Bottega
Via Rubino, 1
Tel. 0974.718013
Aperto tutti giorni, 7.00-21.00

 

Storie di Pane a Vallo della Lucania ha inaugurato la nuova sede. La bottega con forno che in pochi anni ha cambiato il volto della gastronomia da asporto cilentana, e quella della pizza, puntando tutto – ma proprio tutto – sulla qualità delle materie prime ha ora un nuovo volto.
Un grande locale luminoso in uno dei nuovi palazzi all’ingresso della cittadina, con un ambiente moderno, spazioso dove tutto è ben distribuito.

storie di pane forno e pane
Storie di Pane, il grande bancone all’ingresso

 

D’altro canto lo avevamo sottolineato in occasione dell’apertura della pizzeria da Zero (si, proprio quella che ha vinto il Campionato de Il Mattino!): Paolo De Simone è un cilentano atipico. Un giovane imprenditore sveglio e coraggioso, che non ha nulla della proverbiale indolenza e lentezza della sua terra. Soprattutto, ha sempre cercato di ottimizzare il chilometro zero senza banalizzarlo e senza avere paura di accogliere, sperimentare e proporre prodotti dell’eccellenza di altre regioni e altri paesi.

Storie di Pane, l'angolo del pane
Storie di Pane, l’angolo del pane

Un forno, dunque, dove si producono pani e lievitati con tanti tipi di farine, sempre dopo uno studio attento della materia prima e di tutto il processo di lavorazione. Ma anche una bottega, dove trovare ricercatezze innanzitutto del Cilento, allo scopo di creare una filiera virtuosa tra i piccoli produttori locali. E poi specialità da tutto il mondo, con un’attenzione particolare al cibo biologico e alle intolleranze alimentari.

Storie di Pane, pizzette fritte cilentane
Storie di Pane, pizzette fritte cilentane
storie di pane magazzino
Storie di Pane, uno scorcio del nuovo negozio

Last but not least, è stata rinnovata soprattutto l’area dedicata alla gastronomia d’asporto e da consumare al tavolo. All’ingresso un grande banco con sgabelli intorno ad un olivo, simbolo per eccellenza della dieta mediterranea. Da metà mattina ecco apparire torte rustiche, frittate vegetariane e non, ricette tipiche cilentane, insalate di mare o di riso, contorni di verdure cotte e crude, gateau di patate, e così via. Tutti piatti che attingono alla tradizione familiare, con qualche piccola variante.

Storie di Pane, il tavolo sociale
Storie di Pane, il tavolo sociale
Storie di Pane, il banco dei formaggi
Storie di Pane, il banco dei formaggi

Oltre all’angolo del pane – sempre un caposaldo di questa attività – c’è ora un angolo bar (per cocktail e caffè) e il forno a legna per le pizze. Il capitolo dolci, infine, si è ampliato, e oltre alla pasticceria più casalinga, come le zeppole, la caprese e le ‘pastorelle’ pasticcino tipico a base di castagne, ci sono i primi (riusciti) esperimenti che vengono dalla collaborazione con una delle più famose e pluripremiate pasticcerie della zona.

Storie di Pane, le pastorelle
Storie di Pane, le pastorelle
Storie di Pane, eclaire al cioccolato
Storie di Pane, eclaire al cioccolato

Storie di Pane, proprio come nella vecchia sede, è aperto dalla mattina presto fino alle 21.00 e cioè dalla colazione fino all’aperitivo e alla cena d’asporto.
Un posto di riferimento sicuro, in un territorio che sta nel nostro cuore. Non possiamo che augurare cento di questi successi.

10 commenti

  • enzo crivella

    (9 dicembre 2015 - 11:12)

    Cilento ,il bisogno di comunicare un percorso di pensiero e di cambiamento,Paolo lo sta facendo , sono contento per lui e per tutto il Cilento.

  • Angela

    (9 dicembre 2015 - 12:09)

    Voglio assolutamente provarlo! Complimenti per l’iniziativa.

  • Marco

    (9 dicembre 2015 - 12:10)

    Dimostra una forte attenzione alla qualità dei prodotti e al territorio.

  • barbara guerra

    (9 dicembre 2015 - 12:39)

    Bravo Paolo, ampliami ti prego anche il punto vendita di Capaccio Scalo, magari con qualcuna delle belle referenze di prodotti che hai a Vallo.

  • Carla

    (9 dicembre 2015 - 12:45)

    Che dire? Non manca niente.
    Solo io che devo andarci non appena arrivo a Vallo!
    È una gran bella storia sicuramente!

  • Giovanna Voria

    (9 dicembre 2015 - 14:02)

    Bravi!!! ragazzi in gamba con le radici ben salde al Cilento! Belle storie di pane:-)

  • monica

    (9 dicembre 2015 - 14:12)

    oltre alla bontà dei prodotti cilentani e non, gentilezza e cortesia fa la differenza; tutti sempre disponibili e sorridenti Consiglio se mi permettete ” gli scauratielli” tipico dolce della tradizione contadina cilentana e sulle ns tavole è subito Natale

  • Antonella

    (9 dicembre 2015 - 15:01)

    Sembrava difficile migliorare la qualità e l’offerta di prodotti già ottimi ma con questo nuovo punto vendita pare che ci siano riusciti. Bisognerà andarci tutti I giorni per assaggiare ogni volta qualcosa di buono! Fortunati quelli che potranno farlo subito!!! Lasciatemi una pastorella, please!!!

  • Lorenzo Lentini

    (9 dicembre 2015 - 15:37)

    Davvero bravi! Con intelligenza, gusto e ricerca stanno contribuendo a qualificare il patrimonio gastronomico del nostro territorio innovando e promuovendo la tradizione che resta il punto di partenza di ogni nuova sperimentazione.

  • Antonio Prinzo

    (10 dicembre 2015 - 21:31)

    bravi bravissimi …. buone notizie cilentane

I commenti sono chiusi.