Il Verdicchio di Borgo Paglianetto a Milano

Letture: 822
Terra Vignata
Terra Vignata, verdicchio

di Marina Betto

E’ un’umida e calda sera d’estate a Milano. San Babila e via Montenapoleone sono ad un passo con le loro vetrine scintillanti che incorniciano vestiti, gioielli e scarpe come opere d’arte. Lo show-room Arclinea in corso Monforte è la location scelta dall’azienda marchigiana Borgo Paglianetto per presentare i suoi vini e in particolare proporre alla stampa intervenuta una sessione tasting di Verdicchio di Matelica.

Show-room Arclinea Milano
Show-room Arclinea Milano
Petrara Verdicchio di Matelica
Petrara Verdicchio di Matelica

In rappresentanza dei cinque soci che costituiscono l’Azienda è Giovanni Roversi che ci accoglie tra le splendide cucine dello show-room spiegandoci in modo informale la storia di questa azienda che è tale dal 2008 fatta da un team di soci provenienti da attività diverse (imprenditoria, università, alta finanza e mondo agricolo) che si riuniscono mensilmente per delineare la strada da seguire per produrre vino di grande qualità e che per esempio gli ha fatto decidere di convertire la produzione da convenzionale a biologica, inserendo anche una nuovissima linea biodinamica intitolata ” Re Wine”.

Jera Verdicchio
Jera Verdicchio

Siamo nella DOC Matelica vicino Macerata dove le uve del Verdicchio danno vini carichi di aroma e sali. Venticinque sono gli ettari vitati in una valle chiusa (Alta valle dell’Esino) con orientamento nord sud, capace di indurre una lenta maturazione dei grappoli che saranno in grado di dare vini bianchi longevi. Lo Spumante di Borgo Paglianetto non è ancora sul mercato ed è stata quindi questa la prima occasione per presentarlo e assaggiarlo. Ottima in questo spumante la riconoscibilità del vitigno Verdicchio con note fresche e fragranti e finale sapido e ammandorlato.

Terra Vignata 2015 è un Verdicchio 100% proveniente da un vigneto di 15 anni di età, vinificato in acciaio rappresenta la giovinezza del Verdicchio con note profumate di mela e mandorla, corpo armonico e delicato. ” Ergon” è il verdicchio di Matelica biodinamico, un’anima naturale che sa di fiori di camomilla e possiede refoli marini dal colore giallo pallido e chiaro; è sapido ma freschissimo con finale che sa di mandorla appena colta e gustata.” Ergon” da 50% Sangiovese,35% Merlot, 15% Lacrima è la versione biodinamica rossa, esprime sentori fruttati di piccoli frutti di bosco con gradevole equilibrio tra morbidezza e tannicità.

Ergon rosso biodinamico
Ergon rosso biodinamico

Lo Chef Paolo Rota del ristorante milanese da Vittorio ci abbina un fresco ciauscolo da spalmare su pane fragrante mentre il minestrone freddo cotto con aggiunta di carne di maiale è servito con il Petrara che dimostra maggiore struttura in bocca.

Lo chef Paolo Rota del ristorante da Vittorio, Milano
Lo chef Paolo Rota del ristorante da Vittorio, Milano
Chef Paolo Rota
Chef Paolo Rota
Minestrone freddo
Minestrone freddo

“Vertis” 2013 viene fatto da una selezione di uve che provengono dai vigneti più vecchi ma anche questo vino fa solo acciaio.

Vertis 2013 Verdicchio ottenuto da selezione di uve
Vertis 2013 Verdicchio ottenuto da selezione di uve

Il vitello tonnato con julienne di sedano, fiori di cappero e cipolle all’aceto viene abbinato con “Jera” 2011 che sosta 18 mesi in cantina e affina un anno in bottiglia, è un sorso caldo e morbido pieno di profumo di fiori di campo.

Vitello tonnato
Vitello tonnato

Ultimo tocco di marchigianità il lonzino di fichi con pecorino e miele servito con il passito 2011 per finire in bellezza con un’elegante dolcezza alcolica.

Lo Spumante Borgo Paglianetto
Lo Spumante Borgo Paglianetto

Diverse sfaccettature di Verdicchio quelle di Borgo Paglianetto che come un caleidoscopio tracciano disegni semplici e complessi insieme, ma sempre veritieri.