Città e paesi da mangiare e bere > Guida ai ristoranti e alle trattorie d'Italia del Centro Sud
7

Verona, Antica Osteria del Duomo. I Low cost padano-1

4 settembre 2010

Verona, piazza delle Erbe

di Tommaso Esposito

Verona è bella anche così, quando il cielo minaccia tempesta e la folla dei turisti d’estate fa lo struscio per le strade.

Qualche noto ristorante, dove si pensava una sosta, è chiuso per ferie.

Sarà per la prossima volta.

E, allora, alla facciaccia del Maffi che si fregia lo stomaco con stelle e stelline d’oltralpe mi faccio un giro padano rustico e low cost.

Le botteghe sono aperte, intanto che le ciurme di giovincelli continuano a firmare il loro amore sotto l’androne della casa di Giulietta.

 

 

 

Verona, Pasta e limoncello dalla Penisola

Uhm, c’è troppa aria di Sud e di isole da queste parti: Torre Annunziata, bufala, Carloforte, tarantello, Sorrento, Sila, Sicilia.

 

 

 

Verona, Pulcinella

E c’è pure Pulcinella. E’ roba (buona, neh!) per i pigri che non valicano il Rubicone.

Ma qui, che cosa si mangia?

 

 

 

Verona, salumeria Albertini

Primo indizio: cavallo. Sarà vero? Proviamo. Da reduce pugliese avrei qualche parametro di giudizio.

 

 

 

Verona, Veneri Carne Equine

Veneri Carni Equine sta chiuso. Ecco l’ Antica Osteria al Duomo.

 

 

 

 

Verona, Antica osteria del duomo

Ambiente simpatico. Un bancone per la mescita, una stretta cucina, due piccoli ambienti comunicanti con tavoli in legno, tovaglie in carta paglia e bicchieri da otto a litro, mezzo quartino. Saranno una trentina di coperti in tutto.

Verona, la lavagna

Menu graffito alla lavagna: bigoli al ragù d’asino, bigoli con le sarde, maccheroncini al ragù di coniglio, fusilli con pomodoro e ricotta di malga, pastissada de caval con polenta, sfilacci di cavallo con grana.

 

 

 

Valpolicella sfuso

Vino Valpolicella sfuso.

 

 

 

 

Bigoli al ragù d'asino

Vado per i bigoli al ragù d’asino. A Montegrosso d’Andria ho assaggiato un filetto di ciuccio tenerissimo.

Sono di grano duro passati al torchio questi spaghettoni veneti. Dell’asino reso stracotto così non sento l’olezzo. Prevale la cipolla. Un po’ di cacio e passa. Il primo, suvvia, ci sta.

 

 

 

 

pastissada de caval con polenta

Vediamo il secondo: pastissada de caval con polenta.

Ho la scusa del temporale, ché è un piatto d’inverno.

Polenta di pregevole fattura, vellutata e morbida al palato, spiccato il sentore di granturco, ma tendente al neutro per la forza dirompente del caval.

Tirato a “pipare” (ricordiamoci che per il ragù napoletano c’è l’analogo peppeare o pippia’) per ore con l’Amarone e dopo due giorni di marinatura nel coccio.

Secondo tradizione.

Bene è andato pure il secondo. Gustoso

Tutto diviso in due con mezzo litro di rosso cantina se no la cena stasera non tira.

Vabbè sono appena le due e il tour che ci aspetta katà pede katà pede sarà tosto.

La consorte non molla.

Mannaggia, punta alla Torre dei Lamberti.

84 metri di altezza. Quanti scalini saranno?

 

Verona, Antica Osteria al Duomo
Via Duomo 7
Tel 045.8004505
Chiuso la domenica
Un primo, un secondo e il vino sui 30 euro

 

Guarda su Google Maps

7 Commenti a “Verona, Antica Osteria del Duomo. I Low cost padano-1”

  1. giancarlo maffi scrive:

    cosa intendi per “stelline d’oltralpe” ?

  2. Stefano Buso scrive:

    Avrei io un po’ di locali *alla pari* dove farti mangiare a VR, no bene: benissimo … es una libidinosa pearà, e qualche pesce del “lago” con un Soave

    • Tommaso Esposito scrive:

      Ciao Stefano, aspetto ganci allora. Infatti il luccio mi è mancato all’appello. E quella parte d’Italia mi richiama. Mantua me rapuere.

  3. Lello Tornatore scrive:

    Se ti sposti di 15/20 km, a Garda, dalla sig.ra Hernandez, potrai degustare un’ottima pajella, la sig.ra è vedova di un bravissimo cuoco-artigiano spagnolo, alla Gennarino per intenderci. Nelle mie annuali trasferte per il Vinitaly tappa obbligata, per degustare inoltre la “carne salà” ed alcuni ottimi pesci di lago.

  4. Gennaro Albano scrive:

    Antica osteria veronese.Locale tipico!Prezzi alla portata di tutti.Ricordo un’ottima cucina.

    Una curiosità: quando esci sulla porta c’è una targhetta con scritto “URTAR” che in dialetto veronese significa “SPINGERE”.