Vigna Acquaviva 2012 Fiano di Avellino docg Montesole

Letture: 146
Vigna Acquaviva 2012 Fiano di Avellino docg Montesole

Uva: fiano
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Una vulgata fanciullesca molto approssimativa e superficiale tende a suddividere l’areale del Fiano in tre sottozone: Lapio, Montefredane e Summonte. Un trittico che ha le sue ragioni più sotto l’aspetto mediatico-divulgativo che geologico, agronomico e storico visto che, per esempio, il cru di Mastroberardino è a Santo Stefano del Sole e che a Candida, tanto per dire, ci sono due aziende come a Summonte per non parlare di quelle di Cesinali.
In realtà è un territorio ancora da epslorare, come dimostra questo magnifico Fiano, giunto ormai al suo sesto millesimo
Si tratta di un vino ottenuto dall’omonima vigna a Pratola Serra acqusita da Montesole, azienda di Montefusco che si è sempre distinta per il grande rapporto tra qualità e prezzo e che a partire dal 2005 ha inziato ad acquisire una trentina di ettari.
Basti pensare che qui si è fatto le ossa Massimo Di Renzo, ora impegnato alla Mastroberardino, e qui lavora Michele D’Argenio, enologo poco mediatico ma che negli ultimi anni ha regalato molte emozioni agli appasisonati, a cominciare dai tre cru di Montesole per arrivare ai vini di San Giovanni nel Cilento.
Non si tratta di uno specchietto per le allodole: qui si producono ogni anno dalle 13 alle 15mila bottiglie all’anno, dunque un Fiano che si trova, facilmente reperibile, che non supera in uscita i dieci euro.
La lavorazione semplice mette in risalto le qualità dell’uva, il bianco è ricco, piacevole, dotato di grande freschezza e di un buon allungo con una chiusura precisa e pulita.
Un vino di qualità, destinato a crescere nei prossimi anni come è già accaduto alle precedenti versioni.

Sede a Serra di Montefusco
83038 Montefusco
tel.0825.963972 0825.963970
info@montesole.it
www.montesole.it