Vigna Cinque Querce si rinnova e Salvatore Molettieri festeggia i suoi primi vent’anni

Letture: 125

Salvatore Molettieri

di Lello Tornatore

Ci sono momenti in cui chi è alla guida di un’azienda che ha meritatamente raggiunto alcuni traguardi importanti, rendendosi conto che il vento sta per cambiare direzione, invece di restare immobile ad aspettare che passi  “il cadavere del nemico”, decide di apportare gli opportuni  accorgimenti tecnici per rendere il prodotto ancora più appetibile rispetto alle rinnovate preferenze stilistiche, e già che si trova, tendere anche a riportare la produttività a livelli accettabili nel rispetto della qualità.

E’ precisamente quello che ha fatto  e sta facendo Salvatore Molettieri,  “ il re dell’aglianico di Montemarano”.  La famosa  “Vigna Cinque Querce”, che tanto gli ha dato in termini di notorietà  grazie al vino che da lì proveniva e proviene ancora, è oggetto da qualche anno di questo tipo di ristrutturazione tecnica. Salvatore, che incarna il prototipo dell’irpino self-made, con tanta saggezza contadina alle spalle, già da qualche anno ha iniziato a modificare un sesto d’impianto,  un sistema di allevamento e una palificazione risalenti  alle prescrizioni  che più di vent’anni fa, attraverso lalegge regionale n° 42 (capitolo miglioramenti aziendali) lo Stapa-Cepica imponeva.

Molettieri, vigna cinque querce

Ora è cambiato tutto, per primo la normativa, che ormai prevede sesti d’impianto più stretti e quindi a maggiore densità di piante per ettaro, e prescrive inoltre, palificazioni in legno, più accettabili dei pali di cemento dal punto di vista dell’ecocompatibilità.  E’ cambiato anche il gusto dei consumatori, che rispetto alla nuova tendenza della cucina, fortemente alleggerita, richiedono vini  meno “materici”, meno “muscolosi”, più fruttati, più acidi, più easy…insomma meno concentrazione,  ed equilibrio delle sensazioni organolettiche più spostato verso le durezze piuttosto che verso le morbidezze.

La vecchia palificazione in cemento

Ed è proprio in queste rinnovate condizioni di mercato e di gusto che viene fuori lo spirito forte, tenace e combattivo dell’irpino. Per intanto Salvatore decide di non stravolgere tutto “dalla sera alla mattina”, procedendo ad effettuare espianti e relativi  reimpianti, pezzo per pezzo, anno per anno, questo per  rendere meno traumatico il passaggio dal “vecchio prodotto” al “nuovo”.

Si modifica il sesto d’impianto e da  mt.1,50 x mt. 2,50 si passa a mt. 1,20 x mt. 2,20, e quindi dai circa 3000 ceppi per ettaro si passa ai circa 4000 del nuovo sesto. Allo stesso tempo, vengono asportati i vecchi pali in cemento ormai segnati dalle inevitabili rotture che i mezzi meccanici di lavorazione del terreno hanno determinato nel corso degli anni  e sostituiti con quelli di legno, e inoltre, si predispone l’allevamento a guyot (potatura a nuovo) piuttosto che a cordone speronato (potatura sul vecchio) che aveva determinato la bassissima produttività della vigna, ormai ai limiti dell’accettabile.

Intanto che mi racconta queste cose con la solita passione di sempre, intravedo, per un attimo,  un velo di amarezza negli occhi quando mi fa un veloce passaggio sull’incomprensione di questa operazione da parte di pezzi di stampa specializzata che invece di tentare di capire la motivazione di questa ristrutturazione, magari informandosi direttamente da lui, ha lasciato credere che fosse un intervento finalizzato alla definitiva smobilitazione.

I vini di Salvatore Molettieri

 

Ma è solo un attimo, riprende subito a parlare dei figli, le colonne dell’azienda, di “Peppo”, che è un mago sui trattori e sull’escavatore, di Luigi che si da fare nel commerciale ma anche nelle vigne, di Giovanni, l’enologo di casa e del piccolino (14 anni) che già incomincia a mostrare interesse un po’ in tutti i settori dell’azienda di famiglia. Gli leggo negli occhi l’amore per la terra, per le vigne e per la famiglia, insomma quello che ci si aspetta da un umile contadino dell’Irpinia degli anni  ’80 che è arrivato a far parlare di Montemarano , dell’aglianico e della Vigna Cinque Querce, la stampa specializzata di tutto il mondo. Volete mai che possa minimamente aver pensato di distruggere tutto questo?

4 commenti

  • Romualdo Scotto Di Carlo

    (16 agosto 2013 - 10:34)

    Che bella storia, Lello, complimenti a te che l’hai raccontata ma sopratutto tanti auguri a Molettieri!!!

  • Mondelli Francesco

    (16 agosto 2013 - 23:32)

    Non riesco a condividere l’entusiasmo.Molettieri materico mi è sempre andato bene:siamo sicuri che la nuova tendenza,peraltro cominciata qualche anno fà e già ben riconoscibile,non lo porti a rincorrere traguardi internazionali che finiranno per snaturare il suo grande taurasi?Comunque Augurissimi da FM.

  • Giancarlo Ioanna Filadoro Wine

    (18 agosto 2013 - 17:16)

    grande sasa’ !!!

  • Maurizio Valeriani

    (24 agosto 2013 - 10:41)

    Augurissimi a Salvatore che con grande passione ha fatto grandeil nome dell’Irpinia nel mondo

I commenti sono chiusi.