Vigna di Gabri 2007 Contessa Entellina doc

Letture: 66

DONNAFUGATA

Uva: ansonica
Fascia di prezzo :  da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione : acciaio

Mi preparo alle vacanze e per entrare in atmosfera ho aperto il Vigna di Gabri di Donnafugata, una grande azienda con il valore della famiglia al primo posto, che ha compreso intimamente il significato della promozione del territorio. Il vino: magistrale interpretazione dell’Ansonica in cui risaltano perfettamente le peculiarità di questo vitigno. Le vigne sono condotte a controspalliera con  potatura a cordone speronato. Densità non altissima 5.000 ceppi per ettaro  cosi come la resa,  60 q.li/ha. Le uve, raccolte durante le prime tre settimane di settembre, vengono sottoposte a pigiatura soffice. Il mosto fermenta a temperatura controllata in acciaio. Il vino matura per il 90% in vasca e per il 10% in barriques di rovere francese, e affina almeno tre mesi prima di essere commercializzato. Allo sguardo è un bel giallo paglierino con qualche nota verdognola. Di media consistenza al bicchiere. Il primo naso è aromaticamente intenso ed agrumato e rimane piu’ intenso che complesso. I profumi intensi ed eleganti spaziano da note fruttate di mele e floreali di acacia a quelle più complesse, salmastre e minerali (pietra focaia). Al gusto è strutturato e avvolgente, in equilibrio con la morbidezza ( 13% alcol)  ritornano con con piacevole freschezza e sapidità, le note olfattive aromatiche, gli agrumi, la pietra focaia, un leggero vegetale e un lunga la persistenza gusto-olfattiva fascinosamente amarognola. ‘Vigna di Gabri’ non è un nome di fantasia, perché il vino porta il nome di Gabriella che lo ha voluto e lo ha cresciuto, credendo nell’avvolgente fragranza dei profumi dell’Ansonica. La nuova etichetta nata per l’annata 2004, racconta il legame forte tra Gabriella, la sua terra e l’Ansonica, uno fra i più antichi vitigni autoctoni a bacca bianca della Sicilia. Lo abbinerei a piatti della  cucina della campagna siciliana, come la caponatina al pomodoro, oppure al tradizionale baccalà o pesce spada alla messinese. Un bel brindisi alla mia vacanza in Sicilia dove mi aspetto un universo di profumi, sapori e fantastiche persone.



Sede a Marsala, via S. Lipari 18 Tel. 0923.724200,  fax 0923.721130 info@donnafugata.it www.donnafugata.it .Bottiglie prodotte:2,750,000. Ettari vitati : 140 di proprietà e 120 in conduzione a Contessa Entellina; 20 di proprietà e 48 in conduzione a Pantelleria. Enologo: Antonio Rallo e Stefano Valla con la consulenza di Carlo Ferrini. . Vitigni: Ansonica, Chardonnay, Catarratto, Viognier, Nero d’Avola, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah, Zibibbo (Moscato d’Alessandria)