Vigna Mazzi Rosato 2012 di Rosa del Golfo, degustato con la cucina rinnovata delle Lampare al Fortino a Trani

Letture: 237
Damiano Calò
Damiano Calò

di Andrea de Palma

…si, avete letto bene, annata 2012, che per molti può sembrare strano, mail rosato del Salento più tranquillamente andare oltre di qualche anno, soprattutto quando viene fatto come tradizione vuole: vinificato a lacrima e fatto maturare in botte.

Questo è il caso di questo rosato di Damiano Calò, che finalmente incontro a Trani presso il ristorante le Lampare al Fortino, occasione ghiotta per me così prendo “due piccioni con una fava”, ho conosciuto Damiano e proverò la cucina del nuovo Chef del ristorante, il giovanissimo Raffaele Casale di soli 27 anni, proveniente da Avellino, con esperienze importanti con Canavacciulo, e presso altri ristoranti blasonati.

Rosa del Golfo
Le lampare al fortino

Ma, ritorniamo al rosato, prodotto da uve Negroamaro da un vigneto di alberelli di 40 anni ad Alezio, una zona martoriata e mortificata dalla xilella fastidiosa, ma rinverdita dalle vigne di Damiano Calò e di altri produttori, che ha preservato i vigneti contribuendo a creare un panorama unico.

L’attività della famiglia Calò arriva da lontano, quando il nonno Giuseppe di Tuglie inizia l’attività nel 1938 poi alla fine degli anni sessanta Mino Calò, inizia l’imbottigliamento del Rosato Rosa del Golfo, ancora oggi prodotto con il sistema a lacrima.

Rosato Vigna Mazzi 2012
Rosato Vigna Mazzi 2012

Oggi Damiano e Pamela, nipoti del fondatore, succedono al padre perso prematuramente, e gestiscono l’azienda dal 1998; il primo periodo è segnato da un riassestamento, e subito dopo si decide di seguire la strada della tradizione, infatti, il Vigna Mazzi è fatto fermentare in tonneau da 550 di legni diversi fra cui ciliegio, castagno e rovere, dove resta sei mesi.

Il colore rosa colarro del Vigna Mazzi 2012
Il colore rosa colarro del Vigna Mazzi 2012

Un vino che dà il meglio di se a distanza di almeno due o tre anni, come questo 2012 dal colore rosa antico, un rosato, di vera razza salentina, con profumi intrisi di fiori come rosa canina e frutti rossi e ciliegia; poi emergono foglie di tè e tabacco dolce; al gusto esplode con tanta acida e sapidità, tanta salivazione e frutto delicato, accompagnato da note tanniche molto delicate e toni vegetali rinfrescanti che ravvivano il gusto; ma è il frutto che resta presente, come la ciliegia, fino alla fine.

Un vino che si abbina benissimo su molta cucina tipica come la Ciceri e tria o le zuppe di pesce, un vino austero che merita più considerazione.

Dalle foto evincerete che abbiamo bevuto anche altro, e tutti vini di alta qualità…

La batteria dei vini di Rosa del Golfo degustati
La batteria dei vini di Rosa del Golfo degustati

Palcoscenico di questa piacevole degustazione è stato il ristorante Le lampare al Fortino, un balcone sul porto di Trani, una location unica, collocato in una chiesa sconsacrata che ha inglobato un vecchio fortino fortificato, struttura completamente in pietra viva. Il cambio ai fornelli ha giovato soprattutto nell’alleggerimento dello stile, con padronanza delle tecniche al fine di non stravolgere il prodotto.

Cestino di pane fatto in casa
Cestino di pane fatto in casa
Entrèe
Entrèe

Sobrietà e sicurezza firmano piatti d’autore come il Polipo scottato con crema di zucchina in scapece e cipolla marinata; o lo Sgombro marinato, con carota di Polignano, zenzero e puntarelle, un piatto di ricerca che dimostra la voglia dello chef di utilizzare solo prodotti dei mercati vicini.

Sgombro marinato, con carota di poligamo, zenzero e puntarelle
Sgombro marinato, con carota di poligamo, zenzero e puntarelle
Spaghetto ai ricci
Spaghetto ai ricci

Ottima la versione della Triglia con ragù di livornese, anche questo ben pensato, dosato bene nei sapori con mano sicura, che si ripropone con la Linguina con Cicale, peperone crusco e lumache di mare (murici); bella anche la versione del Branzino con pastinaca; non da meno i dessert molto delicati, e ve lo dice uno che odia l’eccesso di zucchero, vedi la Tegola con ricotta, arancio e pistacchio .

Triglia con ragù di livornese
Triglia con ragù di livornese
Linguina con Cicale, peperone crusco e lumache di mare (murici)
Linguina con Cicale, peperone crusco e lumache di mare (murici)
Branzino con pastinaca
Branzino con pastinaca
Pre dessert
Pre dessert
Tegola con ricotta, arancio e pistacchio
Tegola con ricotta, arancio e pistacchio

Rosa del Golfo S.a.s.

Sede amministrativa: Via Mazzini, 22 – Albizzate (Va) – Tel. 0331 993198 – Fax 0331 992365

Sede produttiva: Via Garibaldi, 18 – Alezio (Le) – Tel. 0833 281045

Vigna Mazzi Rosato del Salento Igt

  • Vitigni Negroamaro 90% e Malvasia Leccese 10%
  • Vinificazione con metodo tradizionale a lacrima
  • Fermentazioni in parte inox e in parte legno di rovere

Prezzo da 13,00 a 15,00 euro