Vigna Pezza La Corte 2002 Aglianico del Taburno doc

Letture: 54

OCONE

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Finalmente è tornato uno dei miei aglianici preferiti a cui mi lega la memoria degli assaggi tradizionali e delle prime incursioni nella splendida campagna sannita. E’ importante che i produttori capiscano l’importanza di consolidare la tradizione invece di passare da una etichetta all’altra confondendo il consumatore nella vana speranza di intercettare la moda del momento: se fai un rosso tabaccoso con l’unghia aranciata continua a farlo perché ci saranno sempre estimatori pronti a comprarlo. Dopo alcuni anni di pausa Mimmo Ocone, gran signore della vite, ha deciso di tornare sul mercato con questo rosso prodotto da viti certificate biologiche piantate una ventina di anni fa proprio a ridosso della sua azienda sopra Ponte. Il 2002 è naturamente anno non semplice, con tutti gli accorgimenti possibili e le nuove tecniche di concentrazione in cantina e in vigne, resta comunque una beva sicuramente più corta rispetto alle annate 2001 e 2003 e questo balza evidente durante le verticali in corso di Taurasi e Aglianico del Vulture. Il Vigna Pezza la Corte non soffre di questo problema perchè bisogna risalire un bel po’ negli anni, crediamo che la sua caratteristica sia soprattutto l’eleganza, il vino si è un po’ svestito dai sentori classici a cui ci avevano abituato le versioni degli anni ’90: al naso prevale la frutta rossa intensa e abbastanza persistente mentre in bocca la beva è ancora un po’ nervosa, segno che il Vigna Pezza La Corte ha bisogno di trovare ulteriore equilibrio evolutivo, cosa che accadrà sicuramente da qui a qualche mese. Lo portiamo sicuramente sulla nostra tavola di Natale dove farà onore a capretti, animelle, agnelli, polli, bistecche podoliche. Così Ocone si conferma punto di riferimento della viticoltura sannita e campana, lui che è stato pioniere del Movimento Turismo del Vino, tra i primi a capire le nuove esigenze del settore e del nuovo pubblico di consumatori nato all’inizio degli anni ’90.

Sede a Ponte, via Monte. Località La Madonella. Tel. 0824.874040, fax 0824.874328. www.oconevini.it. Enologo: Carmelo Ferrara. Ettari: 11 di proprietà e 25 in conduzione. Bottiglie prodotte: 250.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, coda di volpe, greco, falanghina.