Vignolella Fiano 2006 Paestum igt

Letture: 67

BARONE

Uva: fiano
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Dopo una breve collaborazione con Carmine Valentino che ha contribuito non poco a tonificare e spolverare i rossi, dal primo gennaio è arrivato nel Cilento in questa azienda ormai consolidata Enzo Mercurio, già impegnato nella Mastroberardino. Questi giri di valzer fra enologi e aziende somigliano un po’ alla campagna acquisti del calcio estivo ma bisogna dire che la frenesia evidenzia anche molta voglia di fare e soprattutto di migliorare. Caspita, e che salto: il Vignolella è un nuovo prodotto che risente immediatamente della esperienza del giovane enologo e sale sulle stelle immediatamente confermando la bontà della 2006 per i bianchi campani. Liberato evidentemente dai parametri di acidità sempre molto spinta in Irpinia, qui Enzo ha potuto lavorare con maggiore serenità oltre che su volumi evidentemente più piccoli componendo un  Fiano assolutamente integro, molto ben strutturato, morbido ed efficace dall’olfatto sino al finale pulito e, come sempre, amarognolo. La differenza di terroir è proprio nel fatto che il caldo maggiore e il terroir non vulcanico fanno partire diversamente la frutta mentre la vendemmia è evidentemente anticipata: il risultato è davvero un gran bel bianco, direi senza voler esagerare appena una spanna sotto al Kratos 2006 di Maffini, fresco,  strutturato, caldo, intenso e persistente dal naso elegante con tanti fiori e erbe della macchia mediterranea, sicuramente più avanti rispetto alla media dei Fiano irpini dal punto di vista evolutivo. Da bere sulla zupa di vongole e zucca del Ceppo ad Agropoli.

Sede a Rutino, via Garibaldi 3. Tel e fax 0974.830007. Enologo: Enzo Mercurio. Ettari: 10 di proprietà. Bottiglie prodotte: 50.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, barbera, fiano.