Villammare di Vibonati (Sa). Ristorante La Cantinella sul Mare

Letture: 223
Nando Melileo e Mario Riccardi

di Enrico Malgi

Si dice sempre che l’unione fa la forza e che bisogna fare gioco di squadra tutti insieme per poter conseguire ottimi risultati. Ebbene, questo è proprio quello che capita al ristorante “La Cantinella sul mare” di Villammare di Vibonati, a due passi da Sapri e posizionato proprio sul lungomare, tanto che stendendo una mano da dentro il locale si riesce ad acchiappare qualche pesce distratto…

L'ingresso
L'insegna

Qui la carta vincente è rappresentata dal binomio costituito da Mario Riccardi (patròn e anfitrione ospitale, nonché sommelier preparatissimo e maitre competente) insieme con il giovane e bravo chef Nando Melileo. Quest’ultimo dall’età di 15 anni (tra un mese ne compirà 33) ha cominciato a maturare importanti esperienze professionali, prima presso il ristorante dei nonni e poi attraverso un regolare tirocinio formativo che l’ha portato a perfezionarsi presso le cucine di alberghi e ristoranti di Inghilterra, Svizzera e in giro per l’Italia. Finalmente, alla fine è approdato qui da quando è stato aperto il ristorante, cioè dal 2006. Ed è stato proprio lui che ha impostato la linea di condotta gastronomica di questo locale, naturalmente operando in perfetta sintonia con il proprietario.

L'esterno

La sua cucina è mediterraneamente creativa e fantasiosa e sempre molto credibile e godibile, con l’uso di prodotti massimamente territoriali. Lo stile e la tecnica sono già quasi perfetti, ma, secondo me, è ancora in una fase evolutiva e, quindi, progredirà ancora senz’altro. A questo proposito ero proprio curioso di testare le sue specialità. Alla fine devo affermare che l’approccio è stato promettente e, quindi, vi dico: segnatevi questo nome, perché in avvenire questo ragazzo farà sicuramente molta strada.

Il lungomare di Villammare

L’ambiente del locale è minimalista e informale, con l’optional della vista sul mare come valore aggiunto. Può contenere al massimo trenta persone, ma ci si sta comodi comunque e poi è molto grazioso, accogliente, intimo e familiare. Appena seduto al tavolo insieme col mio accompagnatore Antonio Sorice ci portano un capiente cestino di pane molto variegato, tra cui apprezziamo, tra tutti gli altri, quello con patate e rosmarino, con la piccante ‘nduja calabrese, con le olive e quello con provola e pomodoro.

Il pane

L’entrata di benvenuto è composta da Crème brûlée di ceci di Cicerale al lardo di Casaletto Spartano caramellato con gambero rosso del golfo e marinato al lime e croccante di sedano al pepe di Szechuan. Detto così sembra di leggere una pagina dei “Promessi Sposi”, ma invece questo piatto, contrassegnato da alimenti quasi tutti locali e splendidamente amalgamati, racchiude in sé una piacevole sensazione edonistica e parzialmente esotica per l’utilizzo del lime e l’uso moderato del pepe cinese, che non è propriamente pepe.  Ben fatto.

Crème brûlée di ceci

Primo antipasto. Insalatina di rinforzo a modo mio: merluzzo al sale di Mothia con crudité di scarola, cappero fiorito, pinzimonio di verdure in agro, alici di menaica su emulsione di senape. Che ci volete fare, bisogna rassegnarsi: un difetto ci deve pur essere in queste composizioni culinarie, meglio però se si riferisce soltanto al titolo troppo lungo, non vi pare? Infatti, il piatto, una sorta di joint venture tra il Cilento e la Sicilia, è sicuramente marinarescamente delizioso.

Insalatina di rinforzo

Il secondo antipasto è il Cappuccino di mare: seppie al nero con spuma di patate di cava calcarea e caviale di Mujol. Se c’è un cavallo di battaglia per questo chef l’abbiamo trovato proprio in questo piatto, dove la sua geniale fantasia sa esprimersi ad alti livelli. Un riuscito esercizio di equilibrio, che sfocia in una goduria per il palato. Però, adesso che ci penso, ne avevo già sentito parlare altrove, se non sbaglio. Mah!

Cappuccino di mare

Terzo antipasto. Tortiera di alici al crunch croccante di carbone vegetale attivo su coulis di pomodoro San Marzano e burrata di Andria. Capisco che bisogna stupire sempre in queste preparazioni gastronomiche e, come dicevo prima, anche usando un titolo chilometrico e, soprattutto, con la fusione di ingredienti che non sempre trovano la loro giusta affinità. Questo, per esempio, è uno di quei casi che oggettivamente si presta a varie interpretazioni.

Tortiera di alici

E arriviamo, così, ai primi piatti. Risotto carnaroli al pecorino di Moliterno con crudo di triglia allo zenzero fresco su salsa di broccolo nero e sentore di sfusato. A ridaglie… La lunga descrizione del piatto, comunque, nulla toglie alla gustosa e invitante elaborazione culinaria. Collusiva contaminazione tra mare e terra, con ingredienti dolci, amari, acidi e grassi che lottano tra di loro per arrivare alla perfetta fusione. Il risultato finale è incoraggiante. Anche se, mi pare, dalle parti della Costiera Sorrentina uno chef pluristellato ha pensato la stessa cosa. Sarà un caso? Boh!

Il risotto

Tonnarelli in salsa di agrumi con ragù di totano e cipollotto IGT e croccante di pane agliato. Cottura perfettamente al dente della pasta, insaporita da ingredienti gradevoli. Ci può stare.

Tonnarelli in salsa di agrumi
Un angolo della sala

Per secondo abbiamo assaggiato il Totano planciato con scarola croccante su bruschetta di pane di Nemoli, puntarelle al pepe nero e salsa all’Aglianico. Un piatto semplice e genuino, giocato su sapori concentrati e più nostrani, senza indulgere troppo ad alchimie esterofile. Il palato ringrazia.

Totano planciato

Per finire due dolci: Savarin alla mela annurca con salsa inglese al sentore di limone e poi Coppa martini con salsa al cioccolato, biscotto all’alchermes, spuma alla vaniglia, fiore di borragine e cialda croccante. Obiettivamente ho apprezzato di più il primo, che ho trovato semplicemente favoloso.

Savarin alla mela annurca
Coppa Martini

In abbinamento a questi piatti Mario Riccardi ci ha presentato una verticale di Fiano di Avellino di Guido Marsella, che comprendeva i millesimi 2008,2007, 2006 e 2005, un Castello di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 1999 e un moscato passito siciliano di Solunto. Tutti vini veramente all’altezza di un pranzo così sontuoso, a parte l’annata 2007 di Marsella leggermente al di sotto delle aspettative.

Verticale di Guido Marsella

In conclusione, è stata una piacevole esperienza, in cui, a parte la bontà del cibo assaggiato, ho particolarmente apprezzato l’ottima professionalità di Nando e Mario. Buona la carta dei vini, che comprende quelli locali e regionali, in massima parte, ed anche nazionali e perfino qualche pregiata bottiglia d’oltralpe. Servizio preciso ed impeccabile con la presenza discreta e rassicurante di Mario in sala. Le proposte, anche quelle a base di carne, sono numerose ed il conto è comunque più che onesto. Il menù degustazione composto di sei portate costa appena 40 euro, escluso i vini ovviamente, e soltanto 18 quello del lunch di mezzogiorno per chi va di fretta.  Andateci, comunque, se potete, ve lo raccomando caldamente, non ve ne pentirete, anzi sicuramente ci ritornerete!

I vini

La Cantinella sul mare – Villammare di Vibonati (SA) – Corso Italia, 129 – Tel. 0973/365442 – lacantinellasulmare@virgilio.it – Aperto a pranzo e cena e chiuso il lunedì.

Foto di Antonio Sorice

19 commenti

  • giulia

    (30 marzo 2011 - 10:36)

    piace molto anche a me, melileo è un ragazzo che non si monta la testa, si guarda intorno, impara da tutti, non è una “prima donna” ma sono sicura verrà presto alla ribalta:)

  • virginia

    (30 marzo 2011 - 11:16)

    che bello un lavoro di squadra riuscito, al Sud, in un borgo marinaro così suggestivo!

  • Luigi

    (30 marzo 2011 - 13:32)

    Suggestiva la location del Golfo di Policastro ed efficace il ristorante: dalla cucina che rielabora sapientemente i sapori tipici rendendoli appaganti anche per i palati più irreprensibili, al servizio ineccepibile in ogni suo essere, all’ambiente che sembra avvolgere i clienti come in un “teatro” di profumi e colori. Ben fornita ed assortita la carta dei vini ed ottima anche la selezione di sigari pressenti per gli amanti! Congratulazioni e… a prestissimo!

  • Alessia Martino

    (30 marzo 2011 - 13:44)

    Locale meraviglioso, ottimi prezzi, portate eccellenti. Verrò a conoscervi presto!

  • Mauro

    (30 marzo 2011 - 13:49)

    Un ristorante strabiliante! La cucina rende ogni piatto fantasioso sia al palato che all’occhio. Il servizio riesce a metterti comodamente a tuo agio. Complimenti!

  • M.Valeria De Siervi

    (30 marzo 2011 - 15:36)

    Penso sia il miglior ristorante della zona! Cucina creativa con ingredienti semplici e genuini che diventano piatti deliziosi; l’ ambiente è tranquillo e piacevole con camerieri e proprietario sempre pronti a fare una battuta o scambiare due parole, ma senza esagerare! Da provare assolutamente!

  • Lia

    (30 marzo 2011 - 16:00)

    Sono talmente affascinata da questo posto che qualsiasi commento mi sembra riduttivo! Che dire? L’ambiente è piacevolissimo, caldo, di atmosfera, elegante senza risultare pesante, raffinato e gioioso al contempo. Cenare alla Cantinella è un’esperienza ancora più emozionante e romantica facendoti coccolare dalle specialità del bravissimo chef… ed inoltre si è accolti calorosamente ma seguiti con professionalità…..complimenti a tutto lo staff.

  • luciano pignataro

    (30 marzo 2011 - 16:11)

    Adoro questa coppia di birbanti

  • lorenzo

    (30 marzo 2011 - 17:56)

    spettacolari ed inimitabili.. impossibile rinunciare al sommelier Mario ed allo chef Nando, le loro innovazioni e le loro rarità culinarie accompagnate da quello spirito giocoso e divertente riesce sempre a stupire il mio palato e rallegrare anche le giornate più buie. complimenti vivissimi allo staff e… non vedo l’ora che arrivi l’estate per poter nuovamente mangiare quello splendido cappuccino… Bravi

  • Monica Piscitelli

    (30 marzo 2011 - 18:16)

    Sono contenta, se lo meritano.

  • antonio

    (30 marzo 2011 - 19:53)

    Grande Nando!!!

  • rita

    (30 marzo 2011 - 21:29)

    “La cantinella sul mare”: è famosa per la sua bontà culinaria, si mangia in modo divino. La cortesia è di casa,ho trovato un’atmosfera genuina, cordialità nelle persone e una buona cucina, tutto quello che serve per tascorrere una piacevole serata . E’ un ristorante dove ti senti di vivere un’atmosfera magica , coccolato dai proprietari e dallo staff. Consiglio a tutti di assaporare quei fantastici piatti proposti dallo chef e l’accostamento che propone il sommelier nella degustazione dei vini. Congratulazioni…

  • Marco

    (30 marzo 2011 - 22:11)

    Credo che qualunque cosa venga scritta in poche righe di commento sia sempre un diminutivo rispetto a quella che realmente è l’immagine,il fascino e l’eleganza di questo incantevole locale situato alle porte di uno splendido posto come la nostra costa.
    Un vero mix di sapori,essenze,cordialità ,accoglienza e quant’altro occorra per offrire il meglio a tutti noi che come ogni anno siamo lieti di fargli visita.
    Complimenti a tutto lo staff!!!!!

  • FOSCA

    (30 marzo 2011 - 22:56)

    HO SEMPRE CREDUTO IN QUESTO RISTORANTE E NELLA BRAVURA E PROFESSIONALITA’ DI ENTRAMBI…..LO CONSIGLIO SEMPRE PERCHE’ MANGIARE DA LORO E’ UNA VERA EMOZIONE!
    BRAVI

  • luciano pignataro

    (30 marzo 2011 - 23:16)

    Si ricordo un tuo bel pezzo sul sito dell’Ais Napoli

  • enrico malgi

    (31 marzo 2011 - 09:49)

    Mi sento gratificato ed appagato di aver colto nel segno, leggendo tutti questi commenti così entusiastici sulla coppia formata da Mario e Nando. Obiettivamente, penso che se lo meritano senz’altro, così come ho cercato di far capire nel mio post. Per questo motivo,e per tutto quello che è stato detto qui, invito a verificare sul campo la veridicità di queste pregevoli asserzioni. Ad majora!
    Abbracci.

  • enzo crtivella

    (31 marzo 2011 - 10:02)

    sicuramente farà piacere a Luciano Pignataro,primo ad accorgersi di questo locale.Anche io sono felice per loro e per tutto questo territorio che prepotentemente stà emergendo alla ribalta oltre i confini del cilento.Un augurio a Mario e a Nando attori e attrattori del cilento.enzo crivella

  • Filippo

    (31 marzo 2011 - 13:22)

    Complimenti a Mario e Nando che danno prestigio e visibilità al nostro gia bistrattato territorio, dove malgrado la Grettezza e l’Aridità di molti individui che per pura e istintiva Astiosità, ostacolano la naturale evoluzione di chi ha le capacità di concretizzare le proprie Idee.

  • Filippo

    (31 marzo 2011 - 14:28)

    Un Elogio al Dr. Enrico Malgi per questo bellissimo servizio.

I commenti sono chiusi.