Vincenzo Lettieri, finalista al contest #pizzaunesco, apre a Milano

Letture: 989
Vincenzo Lettieri
Vincenzo Lettieri

di Fabiola Quaranta

Apre i battenti agli addetti ai lavori la pizzeria Alle Colonne By Caputo. Dopo la fortunata apertura di Pizzeria Caputo – I Segreti del Grano due anni fa, in pieno centro a Milano, praticamente  all’ombra del Duomo, Vincenzo Lettieri, chef pizzaiolo bagnolese di origine e con la pizza nel sangue, accetta la sfida e mani in pasta sfornerà l’autentica pizza napoletana per gli avventori della chiassosa e frequentatissima zona a ridosso delle Colonne di san Lorenzo. Punti di forza: l’impasto lievitato 24/28 ore, il lievito madre e gli ingredienti di primissima qualità, cottura in forno a legna. Vincenzo Lettieri parteciperà il 27 settembre alla finale del  #pizzaUnesco contest,  lanciato da Mysocialrecipe, il primo portale di registrazione di ricette, che si terrà a Napoli in mattinata presso Molino Caputo, main sponsor con Olitalia e La Fiammante, per concludersi in serata nello spettacolare chiostro del ‘500 di Palazzo Caracciolo  per la proclamazione del vincitore alla presenza di esperti del settore e media. La fase finale del concorso si è chiusa il 15 luglio con la selezione di 10 pizze tra le oltre 130 presentate da quasi cento pizzaioli provenienti anche da Usa, Inghilterra, Spagna, Austria, Cina, Giappone, Argentina. Tra queste la PIZZA TRIPUDIO di Vincenzo Lettieri, un vero tripudio di sapori.

Pizza tripudio
Pizza tripudio

L’ affumicato della provola di Agerola, il dolce del piennolo del Vesuvio DOP, e la nota piccante dell’ nduja di Spilinga si equilibrano tra loro e pur rimanendo gusti definiti e forti, si fondono tra loro donando alla pizza una sua personalità. In bocca al lupo per la duplice sfida a colpi di farina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>