I vini di Ettore Sammarco a Ravello

Letture: 242
Ettore Sammarco
Ettore Sammarco

di Enrico Malgi

Negli ultimi anni ne ha fatta di strada la viticoltura della Costiera Amalfitana, che è passata da una produzione minimalista, quasi da sussistenza e caratterizzata da vini commerciali di non eccelsa qualità con in testa il coreografico “rosato”, ad una proposta di assoluta eccellenza, frutto di una disponibilità ampelografica unica ed interamente territoriale, di tecniche innovative e di approfondite conoscenze delle pratiche vitivinicole. Nel frattempo le aziende locali sono cresciute di numero, pur non superando la dozzina per via delle difficili ed impervie condizioni ambientali in cui sono costrette ad operare, alcune delle quali possono vantare una lunga militanza.

Emblematico è il caso dell’Azienda Agricola Ettore Sammarco di Ravello, che è stata tra le prime a capire ed a sfruttare le enormi potenzialità dell’affascinante territorio amalfitano, producendo vino fin dal 1962. Adesso, nonostante la sua non più verde età, Ettore Sammarco continua ancora oggi ad essere presente in vigna ed in cantina, supportato magistralmente da suo figlio Bartolo e coadiuvato dall’esperto enologo Carlo Roveda.

Bartolo Sammarco tra le sue vigne
Bartolo Sammarco tra le sue vigne

 

Nel mio recente viaggio in Costiera, ho fatto tappa anche da Sammarco per testare alcune nuove annate messe da poco in commercio.

Nuove annate vini di Ettore Sammarco
Nuove annate vini di Ettore Sammarco
Controetichette Nuove annate vini di Ettore Sammarco
Controetichette Nuove annate vini di Ettore Sammarco

___________________________________
Costa d’Amalfi Terre Saracene Bianco Doc 2015
___________________________________

Blend di biancolella, falanghina e pepella. Fermentazione e macerazione in acciaio e vetro. Tasso alcolico di tredici gradi e mezzo. Prezzo in enoteca intorno ai dieci euro.

Affascinante il colore che si coglie nel bicchiere: un paglierino già quasi assestato con giovani riflessi verdolini sull’unghia. Risvolti aromatici intensi che emanano fragranze fruttate, floreali e vegetali di esclusiva pertinenza territoriale: pesca bianca, mandorla, limoni, biancospino, mughetto e macchia mediterranea. L’ingresso del sorso in bocca è subito fresco, morbido e sapido, supportato anche da doviziose vibrazioni eleganti, cristalline e minerali. In sottofondo si evidenzia una leggera nota sulfurea. Chiusura appagante e persistente, che soddisfa tutto il cavo orale.

___________________________________________
Costa d’Amalfi Ravello Bianco Vigna Grotta Piana Doc 2015
___________________________________________

Composizione di ginestrella, falanghina e biancolella. Fermentazione in acciaio, maturazione per metà in barriques di rovere francese e l’alta metà in acciaio e poi affinamento in boccia. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Soltanto duemila bottiglie prodotte in annate eccezionali come la 2015. Prezzo finale sotto i venti euro.

Colore giallo paglierino. Impatto olfattivo ricco segnato da una tendenza primaria agrumata e floreale, cui fa da contraltare uno sviluppo secondario tostato, vanigliato, speziato e mentolato associato poi anche ad un timbro salino. Attacco in bocca acido, denso, succoso. Toni tesi e sferzanti che deliziano le papille gustative. Delicato ed armonico l’equilibrio che si va a delineare, disegnando un finale lungo e godibile.

__________________________________________________
Costa d’Amalfi Ravello Rosso Selva delle Monache Riserva Doc 2012
__________________________________________________

Classico e territoriale il blend di aglianico e di piedirosso. Dopo il transito in acciaio, il vino sosta un anno e mezzo in barriques di rovere francese e poi viene affinato in bottiglia ancora per altri sei mesi. L’alcolicità raggiunge i quattordici gradi e mezzo. Prezzo in enoteca di venti euro.

Colore rubino scuro. Bouquet complesso e variegato, in cui prevalgono in primis percezioni olfattive fruttate di more, mirtilli, ribes, prugne e ciliegie. Poi toni speziati, balsamici, tostati e grafitici. Bocca ampia ed accogliente che riceve un sorso sensuale e materico, aristocratico e raffinato, leggermente tannico e caldo, ma anche fresco e morbido. Appeal dinamico, strutturato e terroso, che infittisce il gusto, evolvendo poi in uno slancio avvolgente. Accelerazione finale seducente ed intensa. Gittata a lunga scadenza. Prosit!

 

Azienda Agricola Ettore Sammarco di Ravello

Sede a Ravello (Sa) – Via Civita, 9

Tel e Fax 089 872774

info@ettoresammarco.itwww.ettoresammarco.it

Enologo: Bartolo Sammarco con la collaborazione di Carlo Roveda

Ettari vitati: 11 – Bottiglie prodotte: 80.000

Vitigni: aglianico, piedirosso, sciascinoso, serpentaria, pepella, biancolella, falanghina, ginestrella, e ginestra.