Vinitay protagonista all’Expo 2015 di Milano

Letture: 103
Vinitaly a Expò, la conferenza stampa

Il retroscena
Si sa cosa funziona in Italia: il sistema agroalimentare, la cui punta di diamante è il vino che, per la prima volta, nel 2012 ha visto la quota export superare quella dei consumi interni.
Dunque non bisogna stupirsi se in questi ultimi tre anni si è combattuta una bella battaglia sotterranea per conquistare l’Expo 2015 di Milano, uno dei pochi colpi di reni che il nostro Paese ha avuto.
La notizia è che nella conferenza stampa, convocata con sole dodici ore di anticipo, VeronaFiere è riuscita a conquistare la gestione del padiglione vino come è naturale essendo il Vinitaly la principale manifestazionedi settore europea.
Non è stato un risultato scontato perché altri, si dice per esempio l’istituto dei Grandi Marchi che raggruppa aziende che da sempre hanno cercato di creare una alternativa a Verona (ricordate il MiWine?), avevano avanzato la loro candidatura.
Alla fine Verona l’ha spuntata grazie ad una sapiente regia di relazioni messe in piedi dal presidente Riello e dal direttore Mantovani.
Ecco il comunicato ufficiale (l.p.)

 

 

Maurizio Martina, sottosegretario di Stato al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, con delega per l’Expo 2015, riconosce a Veronafiere e Vinitaly il ruolo guida per la promozione del vino italiano nell’ambito dell’Esposizione universale.

Per fare il Padiglione del vino e dell’olio italiano all’Expo non si può che partire da Vinitaly». Lo ha detto a Verona Maurizio Martina, sottosegretario di Stato al ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, con delega per l’Expo 2015, annunciando il nuovo progetto dello “Spazio Vino e Olio”, a firma Veronafiere-Vinitaly, allestito a fianco del Padiglione Italia all’Expo 2015. Un’area fortemente voluta dal ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Nunzia De Girolamo per dare giusta visibilità a una delle filiere dell’agroalimentare che meglio ci rappresentano all’estero.
In termini di progettualità bisogna pensare in grande perché,  come ha detto Martina «l’Expo non è semplicemente una “fiera al quadrato”. Per questo Vinitaly potrà creare qualcosa di nuovo e innovativo, capace di emozionare il visitatore».
Presenti all’incontro – promosso dai deputati veronesi Alberto Giorgetti, sottosegretario di Stato al ministero dell’Economia, e Gianni Dal Moro della Commissione Agricoltura della Camera dei deputati – Flavio Tosi, sindaco di Verona, Alessandro Bianchi, presidente della Camera di Commercio di Verona, Pierluigi Magnante, delegato del presidente di Confindustria Verona, Giulio Pedrollo, e i vertici di Veronafiere Ettore Riello, presidente, Damiano Berzacola, vice presidente vicario, Giovanni Mantovani, direttore generale, e Barbara Blasevich, consigliere di amministrazione.
«Vinitaly sarà portabandiera dell’Italia enologica – ha spiegato Martinaperché per svolgere questo ruolo occorre know how, ma anche quel profilo di indipendenza da qualsiasi interesse di parte che nessun altro può garantire. Veronafiere avrà la regia organizzativa dello spazio all’interno dell’Expo, ma anche di tutti gli eventi che faranno da trait d’union tra l’Expo di Milano e Verona».

«Con 132 Nazioni accreditate e 20 milioni di visitatori previsti, l’Expo offre un’occasione straordinaria per il sistema Paese e il Governo Letta lo ha posto al centro dell’agenda politica per lo sviluppo e la promozione dell’Italia – ha puntualizzato l’onorevole Gianni Dal Moro –. Vinitaly, nel ruolo di pivot  del vino italiano a livello internazionale, rappresenta la migliore chiave d’accesso per il “Sistema Verona” all’appuntamento del 2015».

«Il sottosegretario Martina ha finalmente dato un indirizzo preciso al percorso  di avvicinamento ad Expo 2015. Verona con Vinitaly è in grado di rivestire un ruolo di primo piano e ci stiamo attrezzando con una serie di eventi culturali a Verona per intercettare una parte dei visitatori dell’Expo. Tra questi, un rilievo internazionale riveste la mostra su “Arte e Vino” in collaborazione con l’Ermitage di San Pietroburgo»  ha affermato il sindaco di Verona, Flavio Tosi.

«L’accordo annunciato oggi – ha commentato il presidente di Veronafiere Riello – è un’ulteriore opportunità per affermare all’Expo l’eccellenza italiana della filiera vitivinicola e olivicola. Grazie alla storia di Vinitaly e Sol&Agrifood, alla conoscenza diretta delle aziende italiane con oltre 4.400 espositori presenti ogni anno a Verona alle due rassegne, ma anche alla esperienza sui mercati esteri con Vinitaly International, siamo in grado di rappresentare al meglio l’intero comparto».

«Stiamo pensando ad un padiglione per l’Expo che sappia farsi ricordare come il Padiglione Italia a Shanghai e che diventi quindi una nuova struttura espositiva di Veronafiere –  ha detto il direttore generale di Veronafiere Mantovani –. Gli eventi che si svolgeranno alla Gran Guardia di  Verona, inoltre,  frutto  della partnership tra Expo Spa e OperaWine, saranno l’occasione per presentare anche tutti i distretti di eccellenza della realtà veronese, come ad esempio l’agroalimentare e il marmo-lapideo».

Servizio Stampa Veronafiere
Tel.: + 39.045.829.82.42 – 82.85

E-mail: pressoffice@veronafiere.it

Web: www.vinitaly.com