Winesurf cambia e chiede sostegno a tutti con Produzioni dal basso

Letture: 85
winesurf
Winesurf

Winesurf cambia e chiede aiuto a tutti noi, appassionati
Come? Lo spiega Carlo Macchi.

di Carlo Macchi

Dieci anni, per un giornale online sono un’ eternità e quindi abbiamo deciso di rinnovare tutto. Per prima cosa il progetto grafico, che qualche amico benevolo definisce vintage ma in realtà è veramente vecchio: per trovare un articolo bisogna fare i salti mortali, per consultare una degustazione idem.

Forse potevamo rinnovarci prima, ma per farlo ci volevano e ci vogliono diversi euro e noi, come ben sapete, siamo un giornale gratuito che vive del volontariato di tutti i collaboratori.

Così abbiamo pensato al Crowdfunding.  Oramai finanziare progetti grazie alla rete è diventato abbastanza comune anche in Italia, ma Winesurf sarà il primo giornale enogastronomico online a farlo e anche questo è un piccolo traguardo.

Per farlo ci siamo affidati a Produzioni dal basso, la prima piattaforma di Crowfunding nata in Italia.

Ma cosa vogliamo fare?

Con la completa ristrutturazione del sito web, ci poniamo tanti nuovi obiettivi:
– articoli più ricchi e interattivi con possibilità di inserire foto e video dove vogliamo:
– ci daremo una nuova veste grafica che non rinnegherà il passato ma sarà fruibile in maniera semplice e immediata;
– inseriremo nuove rubriche;
– diventeremo leggibili in maniera chiara anche da smartphone e tablet.
– faciliteremo anche  la consultazione delle decine di migliaia di degustazioni presenti, la ricerca e la classificazione delle schede dei vini.
– Creeremo un sistema innovativo per effettuare, presentare e classificare tutte le degustazioni anche il lingua inglese.
Ma per fare questo abbiamo bisogno di te del tuo supporto perché l’impegno econo