Zungoli (Irpinia), Oleificio San Comaio

Letture: 107

Sede sociale via provinciale 62,

Tel 0825. 845159 fax 0825. 845013

Oleificio via piscioli 11, Villa Nova del Battista

Tel. 0825.845013 fax 0825. 845013

info@sancomaio.it, www.sancomaio.it

Nicchia ecologica ad alta quota: l’uliveto dell’azienda San Comaio è un viaggio naturale impedibile per gli appassionati di turismo ambientale. Ma la storia di questa casa è legato acnhe ad altri ricordi. Nasce nel centro storico di Zungoli il primo impianto, realizzato negli anni ’70: era un rudimentale frantoio con unica pressa, ubicato in una delle tante grotte che caratterizzano il borgo antico del paese. Oggi le cose sono cambiate e lo stabilimento trasferito nel comune adiacente di Villa Nova, è un impianto della più moderna tecnologia olearia. Vincitore di numerosi premi è stato tra i finalisti dell’edizione 2005 dell’Ercole oliario, nel 2004 primo classificato per la V edizione del premio Tricolle nella categoria fruttato medio. Sempre nel 2004 è entrato nella classifica dei finalista del concorso Oriolo D’Oro dell’Enohobby club dei Colli Malatesiani con l’extravergine robusto e con il monocultivar Ravece. Una strada, quell,a dell’enohobby già percorsa l’anno precedente quando nell’ambito della XII edizione si era affermato in seconda posizione con il fruttato intenso. L’azienda che ha fatto suo il principio della difesa della tipicità non segue la politica della produzione di massa. I mille esemplari di ulivi, tutti di varieta’ autoctone, sono l’altro volto di una stessa medaglia. La difesa della tradizione non poteva essere al netto della tutela del territorio. San Comaio è infatti un’azienda biologica. Tutte le operazioni, da quelle svolte nell’uliveto, alle varie fasi di trasformazione e confezionamento, vengono effettuate nel pieno rispetto delle norme previste dal Reg.CEE 2092/91 che disciplina i metodi di produzione biologica; l’osservanza di tali norme viene controllata e certificata da Bioagricert. La notevole altitudine a cui sono posti gli oliveti (500-700 metri), se da un lato comporta una minore quantita’ e minori dimensioni delle olive raccolte, dall’altro inibisce gli agenti infestanti rendendo praticamente inutili i trattamenti antiparassitari. Le piante vengono assistite durante tutto l’arco dell’anno con lavorazione del terreno, la potatura, la concimazione rigorosamente eseguita con concimi organici, fino alla raccolta effettuata manualmente. Dall’uliveto di Zungoli, il raccolto della giornata viene trasportato al frantoio aziendale, nel vicino comune di Villa Nova all’interno di contenitori in plastica arieggiati, in modo da evitare l’inizio di fermentazioni, che causerebbero innalzamento dell’acidita’ e difetti organolettici nel prodotto finito. Qui le olive vengono lavate, defogliate e immediatamente molite a freddo in un impianto a ciclo continuo di ultima generazione, ottenendo un olio dall’acidita’ bassissima, che conserva intatti i profumi e i sapori dell’oliva fresca. L’olio ottenuto viene conservato in cisterne di acciaio, dove viene fatto decantare naturalmente, a temperatura costante e in assenza di aria; solo nel caso in cui il cliente ne faccia richiesta, viene effettuare anche una filtrazione delicata. Il successivo confezionamento, per meglio conservare le caratteristiche del prodotto, avviene in piccoli lotti o al momento stesso dell’ordinazione. Diversi i prodotti proposti da questa casa. Il “fruttato delicato” è ottenuto molendo a novembre olive di varietà ogliarola avellinese, marinese e leccino. Ha un gusto armonico leggermente pungente senza sentori predominanti. Il “fruttato robusto” è un olio di qualità superiore proveniente da olive appena invaiate raccolte tra l’ultima settimana di ottobre e la prima di novembre: ha un gusto deciso, piccante e amaro. Il biologico è prodotto con olive da agricoltura biologica e presenta note erbacee. Il monocultivar ravece, in produzione limitata nasce dalla cutivar tipica dell’irpinia. L’azienda effettua visite guidate durante la fase della lavorazione. In progetto la realizzazione di un agriturismo.