Gli spaghetti alle vongole che sanno di mare

20/6/2017 27.3 MILA

paghetti alle vongole Binario Due
paghetti alle vongole Binario Due

Ci è molto piaciuto Binario Due, il bistrot vicino alla stazione di Salerno. Si vede la spesa del mercato e l’intelligenza di un giovane cuoco, Gianpaolo Zoccola, che se mantiene il cliente come ago della bussola farà sicuramente strada perché non si affida a materie prime omologate.
Da lui abbiamo adesso gli spaghetti con le vongole. Facili da fare? Sì, ma con dei piccoli segreti di mestiere che ci rivela.

Spaghetti alle vongole

Ricetta di Gianpaolo Zoccola, chef di BInario Due

  • 15 minutiTempo di preparazione
  • 10 minutiTempo di cottura
  • 5.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • 360 gr di spaghetti Vicidomini
  • 200 gr di vongole veraci
  • olio exrabergine di oliva
  • 1 spicchio d'aglio
  • prezzemolo
  • sale e pepe a piacere

Preparazione

Spurgare le vongole in acqua e sale o meglio ancora in acqua marina per far si di eliminare tutte le impurità .
In abbondante acqua salata cuocete gli spaghetti Vicidomini per 7 minuti.
In una padella fare un soffritto di aglio e olio e aggiungere le vongole, un po' di acqua di cottura e coprire con un coperchio.
Appena si aprono le vongole sgusciarle e toglierle dal fuoco.
Scolare gli spaghetti e mantecarli in padella per 1 minuto circa ed aggiungere il prezzemolo tritato finemente.
Impiattare e condire a crudo con dell'olio EVO.

Vini abbinati: Tramonti Bianco San Francesco

8 commenti

    RICCARDO

    (10 marzo 2017 - 18:25)

    Il trucco se ce non si vede…a parte tutto così si fanno da sempre gli spaghetti alle vongole.Se proprio volete un trucco aggiungete
    tre gocce di limone (sfusato amalfitano) durante la mantecatura.
    Saluti
    Lo Chef

      anna

      (21 giugno 2017 - 14:26)

      Da buona napoletana ti dico che non ci vuole l arte dell cuoco.

    Massimo Pastore

    (10 marzo 2017 - 22:46)

    Miiiiiiii ……. ‘o segreto ‘e Pullicenella …….

    Giorgio

    (13 marzo 2017 - 15:04)

    Perché le mie sanno di pollo?
    ahahah

    FRANCO

    (14 marzo 2017 - 13:39)

    200 gr. di vongole per 4 persone?? ah si la ricetta è spaghetti che sanno di mare…

    Marcello

    (20 giugno 2017 - 20:49)

    davvero molto originale questa ricetta, ahahahahah!!!

    orfeo

    (20 giugno 2017 - 23:52)

    A Sud del Garigliano è la ricetta che facciamo tutti pari-pari.
    Nessuno di noi aggiunge il patetico fiorellino che è nella foto ,fortunatamente!

    luca

    (21 giugno 2017 - 20:42)

    Condivido le osservazioni dei commenti.
    In questa ricetta è basilare partire da una selezione delle vongole eliminando quelle vuote, morte e piene di sabbia.
    Se, comunque, si vuole fare lo spurgo in acqua salata non prolungarlo molto.
    Direi che l’abilità consiste, essenzialmente, nel conservare le caratteristiche di freschezza e odore di mare e, quindi, evitare cotture lunghe.
    In un’altra ricetta del blog l’autrice si soffermò sulla quantità di olio che può essere una variante interpretativa evitando chiaramente l’eccessiva untuosità.
    Il grande Eduardo, lo sapete, inventò una variante del celebre piatto quando una sera tardi, ritornando dal teatro, si accorse di non avere le vongole ma tanto prezzemolo che usò in modo abbondante e, con l’aiuto della fantasia, lo chiamò “spaghetti alle vongole ‘fujute’”.
    Il prezzemolo lo uso ma non deve coprire il sapore e l’aroma dei molluschi.
    E infine la qualità delle vongole allevate è spesso non eccelsa e, se possibile, prendere quelle veraci.

I commenti sono chiusi.