A Taurianova nasce lo street Food Village

14/8/2017 1.4 MILA
Street Food Village Taurianova
Street Food Village Taurianova

di Federica Gatto
Street Food Village Taurianova?? Chi lo avrebbe mai immaginato? Chi lo avrebbe mai detto? Segnali di forte evoluzione e crescita che presagiscono aria di cambiamento anche nell’enogastronomia calabra. Solo qualche anno fa parlare di street food, food truck o anche più semplicemente di cibo da strada non lasciava spazio all’interpretazione al concetto di cibo qualità, anzi con tante congetture e pregiudizi guardavamo tutti straniti quella bizzarra moda dal sentore americano che qui da noi in Calabria aveva ancora pochissimo o quasi inesistente appeal.

Street Food Village Taurianova
Street Food Village Taurianova

Ma negli ultimi anni queste parole hanno acquisito tutto un altro gusto, nel vero senso del termine. Rappresentano quella tendenza che ha preso sempre più piede, reinterpretata e svecchiata da quell’immagine di “cibo spazzatura” consumata velocemente. Ed ecco che dal Fast food di strada, rapido e poco salutare, si è passati ad una nuovo format di street food, spesso di alta qualità, una risposta al cibo standardizzato, che rischia di far perdere il vero senso del cibo consumato per le vie della città. É questo l’ambizioso progetto promosso dell’associazione parallelo 38 con la direzione artistica dello Chef Enzo Barbieri impegnati nella nascita del primo strett village a Taurianova in provincia di Reggio Calabria. Uno staff giovane e la supervisione di un grande professionista per sdoganare quel “concetto popolare” che il cibo consumato velocemente e per strada sia poco salutare. L’idea di puntare su uno street village in un piccolo paese della Calabria come Taurianova, nasce dalla volontà di voler reinterpretare quel concetto americano in maniera del tutto differente donando un messaggio semplice ma forte allo stesso tempo: consumare un pasto per le vie capace di far viaggiare nel territorio ma anche di mantenere inalterato il piacere di riscoprire le ricette tramandate tra le generazioni o attraverso il racconto degli anziani. I cuochi di strada rappresentano il versante orale della cucina popolare: un piacere che coinvolge tutti i sensi e che conquista attraverso il racconto e la gestualità. Il Tre giorni, 25,26,27 agosto dove il centro agroalimentare e del legno di Taurianova si trasformerà in un villaggio enogastronomico con attenzione non solo allo street food ma anche a show cooking con l’intervento degli chef Enzo Barbieri, Nino Rossi, Giovanna Pizzi, Rocky Mazzaferro, Fabio Taverna, una gara di cucina “lo stocco nella tradizione gastronomica della piana”, attività per bambini, laboratori del gusto, degustazioni guidate e momenti di approfondimenti con esperti del settore. Motivo di orgoglio e di vanto, segnali forti ed iniziative valide, come questa nata a Taurianova, che segnano l’inizio di “un’era enogastronomica” diversa per la Calabria. Non più quella regione alla punta dello stivale chiusa nella sua ignoranza ma un territorio in crescita capace di donare materie prime e tradizioni di altissima qualità.