Del SorRiso di Nori e di un Carnaroli tra i migliori in assoluto da me cucinati&degustati

14/12/2020 1.4 MILA
 Eleonora Bertolone, riso&sorriso
Eleonora Bertolone, riso&sorriso

di Marco Galetti

C’è libero calcio mercato e le squadre milanesi, prima una e poi l’altra, si sono adeguate lasciandosi influenzare dalla corrente del Golfo del Tonchino, imprenditori cinesi hanno imposto&disposto, ma ad un buon primo tempo, forse a causa dell’intervallo a base di riso e di mandorle amare, ne è sempre seguito un secondo disastroso.

Speriamo che le squadre piemontesi non si lascino tentare dalla moda imperante&imperiale rifocillando i propri atleti con un riso orientale&profumato che potrebbe rivelarsi amaro.

Il riso italiano, il più buono del mondo, non si cambia, su alcuni prodotti più che mai dobbiamo rimanere fedeli al nostro territorio, ai nostri coltivatori, ai nostri piccoli, grandi produttori e se hanno il sorriso di Eleonora, tanto meglio.

Soffermiamoci sul sorRiso di Nori e sul suo Carnaroli tra i migliori in assoluto da me cucinati&degustati.

All’Azienda Agricola Bertolone è stata affidata in esclusiva, dalla famiglia Marchetti, la moltiplicazione di semente certificata e l’impiego della stessa  del Rosa Marchetti, una pregiata, autoctona e storica varietà di riso che prende il nome del suo scopritore, Domenico Marchetti e di sua moglie Rosa.

Eleonora, laureata in Economia Aziendale in un luogo che mi è caro, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha messo il cuore nell’azienda di famiglia di Collobiano, nel vercellese, dove oltre al Rosa Marchetti che meriterà storia a sé, vengono coltivate e prodotte diverse varietà di riso tra le quali il Carnaroli che ho usato nel mio risotto.

Il mio risotto alla milanese con il Carnaroli semilavorato dell’Azienda Agricola di Eleonora Bertolone

 Il mio risotto alla milanese
Il mio risotto alla milanese

Qui a nord sembra siano arrivati i primi freddi, ma non sulla mia tavola dove c’è un dettaglio che riscalda, il Riso di Nori arricchito da pistilli di zafferano sardo di San Gavino Monreale  ha lasciato il segno nella pancia e nel cuore.

Riso di Nori
Riso di Nori

Questo riso, raccolto 2016, si è aggiudicato il secondo posto nella prima edizione del premio Antonio Tinarelli (agronomo&ricercatore, uno dei maggiori conoscitori di risicoltura) per il miglior riso italiano da risotto, presso l’Università degli studi di scienze gastronomiche di Pollenzo.

Quando ho letto sulla scatola: Quinto Vercellese, il “mio” riso viene da lì, ho capito che ne avevo trovato un altro di quelli buoni, da trattare con cura, chicchi di pregio accuditi e cresciuti ad un passo dal Bivio, un luogo che mi ha regalato tanti bei momenti conviviali e mentre accudisco questo splendido Riso di Nori, il Signor Riso di Eleonora e il suo sorriso riportano alla mia mente, come un dono di Natale inaspettato e quindi maggiormente gradito, il sorriso garbato e i risotti strepitosi di un amico chef, Gianni Sarzano, questo post con i miei auguri è dedicato a lui.

3 commenti

    Francesco Mondelli

    A lei il premio:Un Sor-riso per Natale.Per i meritevoli e per quelli meno:ben disporsi è anche un po’ darsi e dare è l’unica civiltà che ci può salvare.FM

    14 dicembre 2020 - 12:43

    Enrico Malgi

    Grande Marco. Non ti nascondo che un bel risotto, come abbiamo gustato spesso nelle nostre girovagazioni lombarde, mi manca davvero. E proprio il Carnaroli è quello che preferisco.

    14 dicembre 2020 - 12:55

    Eleonora bertolone

    Grazie !!!! Avrei bisogno della sua mail Marco! Volevo proprio ringraziarla , mi ha fatto un magnifico regalo di Natale inaspettato! Eleonora Bertolone alias Nori di risodinori!

    15 dicembre 2020 - 14:04

I commenti sono chiusi.