Rubriche

La rubrica settimanale con Roberto Giuliani, Carlo Macchi, Kyle Phillips e Stefano Tesi


VINerdì IGP | Puro – Sulphite free Chianti docg Fattoria Lavacchio 2016

15 dicembre 2017 1

di Stefano Tesi Sarà moda, sarà marketing, ma io questo giovane e generoso Chianti bio senza solfiti, bello succoso e violaceo, con quei sentori da potpourrì che mi piacciono tanto, in una fredda serata di zuppe, formaggi e salumi, me lo sono bevuto tutto. Subito e con gran piacere. Suggerisco di fare…  Leggi tutto »

Garantito IGP – Castello del Trebbio, verticale “50 anni di Sangiovese”

14 dicembre 2017 0

di Stefano Tesi La storia del vino è fatta anche di avventure, circostanze, scommesse vinte e perdute, azzardi e colpi di fortuna, cicli, corsi e ricorsi. Più lunga è la storia, più è sinuoso il percorso. E sebbene non sempre l’Italia possa vantare in materia le radici antichissime dei cugini, nemmeno…  Leggi tutto »

Il VINerdì di garantito Igp | Brunello di Montalcino – Cinelli Colombini 1998

8 dicembre 2017 1

di Luciano Pignataro Non so come ma in un armandio spunta questa bottiglia poco prima dei vent’anni. La guardo un po’ sospettoso, non era certo di stie tradizionale ma la stappo per la curiosità e faccio bene: lgno e frutto molto ben fusi, al palato ancora una bella freschezza che sostiene la beva,…  Leggi tutto »

VINerdì IGP | Langhe Nebbiolo 2015 Argante, Pietro Rinaldi

1 dicembre 2017 1

di Carlo Macchi A questo Langhe Nebbiolo di Madonna di Como la madonna ha fatto la grazia, profumandolo di rosa e viola e dandogli un tannino  benedetto, che tocca il palato ma non lo graffia. Del resto anche la sua freschezza è  quasi miracolosa e non ti fa vedere la madonna,…  Leggi tutto »

Garantito IGP – Barolo Bar a Monforte: una vera e gustosa scoperta

30 novembre 2017 1

di Carlo Macchi Si dice che nei locali in cui si fermano i camionisti si mangi bene: allora in quelli di zone enologiche dove vanno a mangiare  i produttori di vino come si mangerà? Se il locale si chiama Barolo Bar ed è a Monforte c’è da stare tranquilli, si mangerà e si…  Leggi tutto »

VINerdì IGP | Stamnos Merlot – Cristina Menicocci

24 novembre 2017 0

di Roberto Giuliani Azienda laziale biologica e biodinamica da 31 anni, prima che diventasse una moda, vegan dal 2007, prima che diventasse una moda, semplicemente perché Claudio e la figlia Cristina ci credono davvero. Lo Stamnos è un merlot coi fiocchi, avvolgente e succoso, irresistibile. E si trova a meno di…  Leggi tutto »

Loading…

Garantito IGP – I Giovani Promettenti incontrano Paola, Giorgio e Giulio Abrigo a Diana d’Alba

23 novembre 2017 0

di Roberto Giuliano Devo dire la verità, mi dichiaro colpevole senza possibilità di appello, l’azienda Giovanni Abrigo è stata una delle prime a mandare i vini a Lavinium, ben 16 anni fa, e io non sono mai andato a trovare la famiglia. Ci è voluto uno dei viaggi del…  Leggi tutto »

Garantito IGP | La storia di Damiano Ciolli in dieci annate di Cirsium

16 novembre 2017 0

di Andrea Petrini Con Damiano Ciolli ci conosciamo da tanto tempo ovvero da quando io ero un aspirante sommelier che frequentava l’AIS Roma mentre lui, timido e riservato, era un giovane vignaiolo che affrontava il grande pubblico di appassionati di vino che si radunava all’interno delle patinate sale dell’hotel Parco dei Principi….  Leggi tutto »

Garantito Igp:i Barolo preferiti dalle donne

12 novembre 2017 0

I giovani IGP oggi cedono il passo alle “deux dames” Marina Betto e Maria Grazia Melegari per il racconto della seconda giornata di assaggi dedicata al Barolo. Dove sono le viole, la felce, il sottobosco, l’arancia? Il tabacco, i funghi, il pot-pourri floreale: non ci sono! Note ematiche, ferrose e medicinali, il…  Leggi tutto »

VINerdì Igp | Una Rebula slovena (bevuta in Svezia)

11 novembre 2017 0

di Angelo Peretti Com’è piccolo il mondo, già. Così piccolo che mi trovo a scrivere in Italia di un vino della Slovenia bevuto in un ristorante in Svezia. Una Rebula, una Ribolla insomma. Cedro, pompelmo, un accenno di fiori bianchi, sale e freschezza, buona struttura senza cedimenti alla pesantezza, una beva piacevole….  Leggi tutto »

Garantito IGP | Alla scoperta dello smørrebrød, in Danimarca

9 novembre 2017 0

di Angelo Peretti Non ci provo neppure a pronunciarlo. Troppo difficile. Mi basta scriverlo, ed è difficile anche semplicemente scriverlo. Si scrive così: smørrebrød, con quelle tipiche o barrate danesi che si pronunciano come delle o dette a bocca stretta, grosso modo. È una parola danese, appunto. No, meglio, è un simbolo della…  Leggi tutto »

I dieci migliori Barbaresco da non perdere | Garantito igp

7 novembre 2017 0

di Carlo Macchi Come sempre il primo giorno de I Giovani Promettenti in Langa è dedicato al Barbaresco, e quest’anno era la volta del 2014 (anche se avevamo anche qualche 2013 e 2012). Annata da tregenda con pioggia, freddo e tutto quanto riesce a rendere difficile fare dei buoni vini. Durante Nebbiolo…  Leggi tutto »

VINerdì Igp, il vino della settimana: Barolo Vigneto Rocche 1991 – Corino

3 novembre 2017 0

di Lorenzo Colombo L’annata 1991 è da annoverarsi tra quelle minori per il Barolo; classificata a 2/3 stelle (su cinque) non se ne ipotizzava un futuro di longevità. Ebbene, l’assaggio di questo “Vigneto Rocche” ci conferma che: “quante cantonate si prendono nel prevedere il futuro d’un vino“. Tre soli superlativi per descriverlo: equilibratissimo,…  Leggi tutto »

Garantito IGP | Cinque Stelle Sfursat in verticale – La Nino Negri compie 120 anni

1

di Lorenzo Colombo Se vi dicessimo che lo “Sfursat 5 Stelle” della Nino Negri è lo Sforzato che preferiamo in assoluto vi mentiremmo. Sia chiaro, non che questo vino non ci piaccia. Anzi, ci piace molto, ma il nostro gusto è più improntato verso vini meno impegnativi e questo vino lo è “impegnativo”….  Leggi tutto »

VINerdì IGP |A Vento e Sole, Chianti Docg 2014, Podere Alberese

27 ottobre 2017 0

di Stefano Tesi Nessuno è profeta in patria: né il sottoscritto, a cui questo piacevolissimo, generoso e profumato Chianti (Sangiovese 90% e Foglia Tonda 10%), affinato solo in acciaio, viene fatto da anni praticamente sotto il naso, né i produttori, che non a caso sono di Monza e dal 2003 sono nelle…  Leggi tutto »

Garantito IGP | Fattoria Le Caprine: capre! Capre! Capre!

26 ottobre 2017 0

di Stefano Tesi Il mai abbastanza compianto Kyle Phillips mi diceva sempre, scherzando ma non troppo, che dovevo essere fissato coi formaggi. E aveva ragione. E’ stato infatti un mese fa, in occasione della consegna, a Certaldo Alto, del premio dedicato dall’Aset alla sua memoria (e destinato al giornalista enogastronomico under 35 più anticonformistadell’anno, andato per il 2017 a Indra Galbo del Gambero Rosso) che ho avuto…  Leggi tutto »

Dolcetto d’Alba 2011 di Flavio Roddolo

20 ottobre 2017 0

Il barolista Flavio Roddolo ha sempre amato tanto il Dolcetto. Tra i primi ad insistere sulla possibilità di allungare i tempi di assaggio. Per me ha il giusto rapporto tra il corpo e la sensazione di facile beva che non lascia insoddisfatto nemmeno ad un agnello vero che ha brucato in Irpinia. Montanaro…  Leggi tutto »

Amore Primitivo: dieci etichette (più una) per conoscere il rosso pugliese più amato dagli italiani |Garantito Igp

19 ottobre 2017 1

di Luciano Pignataro Si legge Sud e si pronuncia Primitivo. Di Manduria o di Gioia del Colle poco importa agli occhi degli appassionati. Il fatto è che questo rosso, molto problematico sino a qualche anno fa, è diventato la punta di diamante dell’enologia pugliese e del Sud. Non è solo una questione…  Leggi tutto »

Patriglione 1993, la magia di Cosimo Taurino e Severino Garofano

16 ottobre 2017 4

Patriglione 1993. Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più. E come stai? Benissimo, non c’è bisogno di aspettare la risposta. Sto cavolo di vino sta alla grande, uno dei capolavori dell’enologia italiana firmato da Severino Garofano. Lo becchiamo nella carta sempre più ampia e interessante del Magnolia a Forte dei Marmi e lo…  Leggi tutto »

Garantito IGP – Da Vittorio dal 1925, a Chiavari: l’osteria, quella vera!

13 ottobre 2017 0

di Carlo Macchi Si parla tanto di osteria ma oramai il significato stesso della parola è cambiato: si chiamano osteria i locali iperfighi, con piatti e servizio curatissimi, mentre le vere osterie non dico si vergognano a chiamarsi col loro nome ma poco ci manca. Per fortuna Da Vittorio a Chiavari, aperto…  Leggi tutto »