Le 50 gelaterie artigianali migliori d’Italia

Letture: 7158
Gelateria Soban
Gelateria Soban

di Dora Sorrentino

L’estate tarda a farsi vedere: caldo, pioggia, freddo, di nuovo caldo. Ma la stagione dei gelati è ormai cominciata ed è partita la caccia alle gelaterie migliori della penisola. In tutto lo stivale, i maestri gelatieri, un po’ come i pizzaioli, stanno diventando delle vere e proprie star della gastronomia. Gare, competizioni, show cooking per mostrare la loro arte gelatiera in ogni dove. Questa guida alle cinquanta gelaterie d’Italia non ha la pretesa di essere una classifica definitiva, abbiamo provato solo a stilare una mappa per sapere dove acquistare un buon prodotto, siamo curiosi del vostro parere.

Gelateria Soban (Piazza Gramsci 23, Valenza – Al): da circa cinquant’anni la famiglia Soban si dedica alla fattura del gelato. Oggi sono tre le gelaterie gestite dalla seconda generazione, le ricette sono le stesse da sempre. I gusti variano in base al tempo ed alla stagionalità, quelli preferiti i classici ed il gelato con le pesche di Volpedo e le fragole di Viguzzolo.

Mara dei Boschi (Via Claudio Luigi Berthollet 30/h, Torino): una gelateria giovane che ha già fatto parlare tanto di sé, in maniera positiva naturalmente. Su una lavagna sono segnati tutti i gusti proposti secondo il periodo. Oltre alle creme classiche, come il pistacchio e la nocciola Igp piemontese, troverete gusti elaborati come il torrone friabile alla nocciola Igp con miele.

Mara dei Boschi
Mara dei Boschi

Ottimo! Buono non basta Gelateria (Corso Stati Uniti 6/c, Torino): un punto di riferimento per i torinesi e non solo. Giulio si occupa dei gelati ed insieme al socio Emanuele ha deciso di dare sfogo alla sua creatività con questa gelateria. Un giusto equilibrio fra tradizione ed innovazione, grande attenzione alla scelta delle materie prime. Punto di forza, il gelato al cioccolato con sale di Mozia.

Ottimo! Buono non basta Gelateria
Ottimo! Buono non basta Gelateria

Gelateria Popolare (Via Borgo Dora 3, Torino): una gelateria che punta tutto su gusti semplici, tradizionali ed ingredienti freschi. I gusti a base latte sono cioccolato fondente, fiordilatte, gianduiotto, nocciola Piemonte Igp, marron glacé, caldarroste. I sorbetti alla frutta si abbinano piacevolmente alle spezie: mela e cannella, pera e chiodi di garofano, limone e zafferano, arancia e cardamomo.

Gelateria Popolare
Gelateria Popolare

Alberto Marchetti (Corso Vittorio Emanuele II 24/bis, Torino): da piccolo aiutava il papà nella gelateria di famiglia, oggi si occupa delle sue gelaterie a Torino, Milano ed anche ad Alassio. Per i suoi gelati ricerca, assaggia ed acquista personalmente le materie prime. Per le creme utilizza latte appena munto e le arricchisce con latte condensato per attribuire al gelato il classico sentore caramellato torinese. Da ricordare il croccante ed il gelato gianduja.

La bottega del gelato (
La bottega del gelato (

Agrigelateria San Pè (Cascina San Pietro 29/a, Poirino – To): una parola inventata da Antonietta per indicare le sue intenzioni ad un’amica, quando nel 2001 decise di dar vita a questa attività. Il latte utilizzato per la produzione del gelato proviene proprio dall’azienda agricola e così anche la frutta per i sorbetti. Un gelato a chilometro 0, che segue i criteri di stagionalità. Da provare il bunet.

Agrigelateria San Pè, Alfonso, Antonietta e Giovanni
Agrigelateria San Pè, Alfonso, Antonietta e Giovanni

Pandizucchero (Viale Antonio Locatelli 32, Almè – Bg): per chi ama i gusti gelato salati questo è il posto giusto. In provincia di Bergamo, il patron Ronald Tellini è riuscito a conquistare anche il pubblico scettico, tanto da essere menzionato a ragione sui maggiori quotidiani e siti di informazione nazionali ed internazionali. Lo ricordiamo per il gusto polenta, il gusto pesto oppure per il risotto alla milanese, gelato con cui celebra il 1 maggio, festa dei lavoratori.

Pandizucchero
Pandizucchero

La Gelateria della Musica (Via Pestalozzi 4, Milano): gelato e musica in perfetta sintonia, per far vivere ai propri clienti un’emozione unica. Ogni volta, l’esperienza in questa gelateria si rivela unica, nulla è uguale, anche il colore del gelato non è mai lo stesso, perché rispecchia la natura così come ci viene offerta. Oltre ai gusti fissi, sempre presenti in banco, ogni giorno si propongono idee nuove. Tra i classici segnaliamo il pistacchio, la stracciatella con veri pezzi di cioccolato e la crema pestalozzi.

La Gelateria della Musica
La Gelateria della Musica

Il Massimo del Gelato (Via Lodovico Castelvetro 18, Milano): c’è un’ampia scelta di gusti in questa gelateria, solo per il cioccolato ci sono dieci varianti. Tutto dipende dalla percentuale di cacao utilizzata, tra cui segnaliamo l’Azteco, con cannella e peperoncino, il Fiji, con grand marnier e scorze di arancia candite, e il Cavour, con caffè, amarena e rosolio. Ottimi anche il gelato con la mandorla di Noto, e la Crema Ortigia, aromatizzata con buccia di limone.

Il Massimo del Gelato
Il Massimo del Gelato

La bottega del gelato (Via Pergolesi 3, Milano): medaglia d’oro ad honorem assegnata dall’Accademia della Gelateria Italiana. Solo per questo motivo val la pena il viaggio. Gelatieri dal 1964, rappresentano la storia delle gelaterie della città. Circa cinquanta i gusti proposti, che si dividono fra creme e frutta. Tra quelli migliori il cuneese, dai famosi cioccolatini, oppure la crema con pinoli di Viareggio, la stracciatella di pistacchio ed il tartufo al bacio.

La bottega del gelato
La bottega del gelato

Bandirali (Via Piacenza 93, Crema – Cr): una gelateria storica che proviene da una lunga tradizione, mantenuta viva da Mauro Bandirali, terza generazione. Non solo tradizione, ma anche innovazione, per il gelato si utilizza Latte Nobile, proveniente dall’Appennino Campano e presidio Slow Food. Tra i gusti più particolari segnaliamo il caffè, la crema allo zenzero ed il mandorlato. La gelateria ha anche la certificazione VeganOK per i clienti vegani.

Bandirali
Bandirali

Chantilly (Via dell’Artigianato 22/c, Moglia – Mn): Greta e Massimo insieme hanno deciso nel 2006 di aprire questa gelateria in un piccolo paesino della provincia di Mantova. I loro gelati vengono prodotti senza l’aggiunta di conservanti, coloranti, grassi vegetali idrogenati o aromi chimici, né preparati industriali. Materie prime, Mano e Matematica sono le tre emme che portano al successo la gelateria. In questa stagione propongono passito mantovano e mandorle e tanto altro.

Chantilly
Chantilly

Gelateria Nico (Fondamenta Zattere al Ponte Longo 922, Venezia): non aver provato almeno una volta nella vita il gianduiotto di Nico è considerato un vero e proprio reato. Tutti, turisti e non, lo conoscono per questo particolare gelato. Si tratta di un blocco solido di gianduia che viene immerso in un bicchiere colmo di panna montata fresca. I gelati vengono serviti all’interno di coppette molto scenografiche con una splendida vista sulla laguna veneziana.

Gelateria Nico
Gelateria Nico

La Boutique del Gelato (Via Carlo Ederle 13, Verona): Angela e Roberto Di Pietro hanno origini pugliesi. E’ proprio dal sud che il loro papà portò con sé la tradizione del gelato che ha poi messo in pratica nella città che lo ha ospitato. Per questo cercano di tenere alto il buon nome della famiglia, dopo aver fatto tesoro dei segreti dell’arte gelatiera. Tra i gusti alle creme sono degni di menzione il Mandorlato di Cologna Veneta, oppure il gelato alle noci di Sorrento con miele di castagno.

La Boutique del Gelato, Angela e Roberto
La Boutique del Gelato, Angela e Roberto

Zeno gelato e cioccolato (Piazza San Zeno 12/a, Verona): ogni mese ha il suo gusto di riferimento, a maggio solo la fragola, a giugno fragola, pesca, limone, albicocca, ciliegia, marasca e susina e così via per tutto l’anno. Le materia prime vengono direttamente fornite da contadini, casari e viticoltori, le uova biologiche provengono da galline di allevamento a terra. Altri prodotti rappresentano l’eccellenza italiana, come gli agrumi di Ciaculli.

Zeno gelato e cioccolato
Zeno gelato e cioccolato

Gelateria Golosi di Natura (Via Vittorio Emanuele 22, Gazzo Padovano – Pd): Antonio Mezzalira nasce come chef, ma pian piano si appassiona al mondo del gelato fino ad intraprendere questa strada con tutta la sua passione. Per produrre i suoi gelati, utilizza ingredienti di prima qualità, attentamente selezionati, che provengono sostanzialmente dal territorio. Ed ecco che nascono gusti come la Crema dei Golosi, crema all’uovo rivisitata in salsa di fragole e meringhe cotte.

Gelateria Golosi di Natura, Antonio Mezzalira
Gelateria Golosi di Natura, Antonio Mezzalira

Gelateria SoleLuna (Via Euganea, 21, Selvazzano Dentro – Pd): voler ritornare al gelato di una volta, questa la motivazione dell’apertura di questa gelateria. Nel 2010, dopo appena due anni dall’inaugurazione, c’è stata l’introduzione di ingredienti biologici e, secondo la stessa filosofia, anche le coppette ed i cucchiaini sono biodegradabili. Tra i gusti crema suggeriamo i classici: nocciola, caffè, pistacchio, ma anche menta bianca, realizzata con essenza di menta piperita.

Gelateria SoleLuna
Gelateria SoleLuna

Gelateria Fiordilatte (Via Cividale 53, Udine): dall’ispirazione ricavata dall’esperienza delle sorelle Toldo, una delle gelaterie più conosciute della città, nasce l’idea di Fiordilatte di Giancarlo Timballo. Anche qui non si abbandona la tradizione, con i gusti classici come fiordilatte, crema alla vaniglia e cioccolato, ma si rivolge uno sguardo anche all’innovazione con gusti ricercati come il sorbetto ai fiori di sambuco, la crema di cachi ed in inverno un interessante gelato alla zucca.

Gelateria Fiordilatte, Giancarlo Timballo
Gelateria Fiordilatte, Giancarlo Timballo

Il Gelatiere Sant’Agostino – Stefano Dassie (Piazza Negrelli 13, Montebelluna – Tv): premi e riconoscimenti confermano che la famiglia Dassie la sa lunga in fatto di gelati. Dopo una lunga esperienza maturata in tutto il mondo, si è giunti ad una perfetta armonia che permette di vivere esperienze sensoriali uniche. I gusti proposti indirizzano verso paesi esotici, spezie, sapori orientali, come il gelato Madagascar, con vaniglia Bourbon del Madagascar appunto, cocco rapè Sri Lanka e caramello.

Il Gelatiere Sant’Agostino, da sinistra Erika, Fabio, Stefano, Antonella
Il Gelatiere Sant’Agostino, da sinistra Erika, Fabio, Stefano, Antonella

La Sorbetteria Castiglione (Via Castiglione 44 d/e, Bologna): spesso si dice “Bologna capitale del Gelato”, forse perché ad ogni portico c’è una gelateria o forse perché si racconta che tra l’arco del Mille e Porta Castiglione ci fosse una delle gelaterie più antiche. Proprio qui, Marina e Giacomo nel 1994 hanno dato vita alla loro impresa. I gusti si dividono tra classici, classici stagionali, creme speciali e pregiate, sorbetti con frutta di stagione e quelli al vino. Da non perdere il gusto bacio ed il pistacchi naturale.

La Sorbetteria Castiglione
La Sorbetteria Castiglione

Cremeria Funivia (Via Porrettana 158/4d, Bologna): la storia del gelato bolognese passa anche per la Cremeria Funivia. Due i punti vendita presenti in città, uno dei quali in Piazza Cavour. Tanti i gusti speciali proposti nel banco: Alice, con mascarpone e cioccolato fuso, Leonardo, crema di pinoli con pinoli tostati, New York New York, con sciroppo d’acero e noci Pecan, Cavour, con pasta frolla e limoni d’Amalfi.

Cremeria Funivia
Cremeria Funivia

Cremeria Scirocco (Via Agostino Barelli 1, Bologna): dopo un’esperienza vissuta in Sicilia, a contatto con le granite ed il gelato siciliano, Andrea Bandiera nel 2005 apre la Cremeria Scirocco. Il gelato viene conservato alla maniera antica, nei pozzetti, per mantenere intatte le caratteristiche di ogni singolo gusto. Oltre ai gelati classici e a quelli salati, è possibile degustare anche granite alla maniera siciliana e ghiaccioli artigianali.

Cremeria Scirocco, Andrea Bandiera
Cremeria Scirocco, Andrea Bandiera

Galliera 49 (Via Galliera 49/b, Bologna): in questa bottega artigianale si lavora dal 1998. Il successo nasce dalla passione che ha messo insieme quattro persone, Maurizio, Jacopo, Valerio e Fabio, tutti provenienti da mondi diversi nell’ambito lavorativo. Il latte utilizzato proviene dal Sudtirolo e lo zucchero di canna è biologico. Il menu dei gusti gelato varia di giorno in giorno, in questo periodo è facile trovare il Malaga al Calvados, il Caffè bianco, Mandorla Vegana Bio e Ciliegia.

Gelateria Galliera 49
Gelateria Galliera 49

Gelatauro (Via San Vitale 98/b, Bologna): è l’unica gelateria ad essere chiusa ad agosto. Il perché lo spiegano i proprietari, asserendo che almeno d’estate vanno alla ricerca di un luogo più fresco. Anche questa nasce alla fine degli anni Novanta, è stata dichiarata da giornalisti internazionali come migliore gelateria d’Europa. Molto in voga i gusti classici come il caffè, il bacio, ma anche il cannolo siciliano e il gelato mela e cannella.

Gelatauro
Gelatauro

Carapina (Piazza Oberdan 2/r, Firenze): per scardinare i vecchi stereotipi del gelato, Simone Bonini si è messo all’opera nel 2006 per creare un nuovo format che troverà la sua concretizzazione due anni dopo in Carapina: laboratorio a vista, gelato conservato nei pozzetti, materie prime di ottima qualità, produzione solo di stagione. Di recente un nuovo punto vendita, oltre ai due fiorentini, è stato aperto a Roma. Da consigliare i gusti salati, soprattutto quelli realizzati con formaggi italiani.

Carapina
Carapina

Perché no? (Via dei Tavolini 19/r, Firenze): in attività dal 1939, la gelateria è un pezzo di storia della città. Dal 1991 è stata rilevata da due amici che l’hanno rilanciata, conferendole una nuova identità, fondata sul recupero della tradizione e di vecchie ricette. Una vasta selezione di gusti, tutti realizzati quotidianamente, c’è l’imbarazzo della scelta. Interessanti il gusto fiordilatte con sesamo e miele di castagno, sorbetto di fico e i classici come la nocciola ed il pistacchio.

Perché no! - immagine tratta dal sito www.percheno.firenze.it
Perché no! – immagine tratta dal sito www.percheno.firenze.it

Parco Carabè (Via Ricasoli 60/r, Firenze): il primo punto vendita è stato aperto in città nel 1989 da Antonio Lisciandro, poi l’attività si è estesa prima a Forte dei Marmi e successivamente a Terranuova Bracciolini, dove è nato un vero e proprio centro di produzione e formazione sul gelato. Anche qui, vasta proposta soprattutto sui cioccolati: al rum e pere, rum e banana, cioccolato di Stromboli, al caffè, ai lamponi, agli agrumi. Tra i gusti particolati, Mille e una notte con datteri e il gelato al riso.

Parco Carabè
Parco Carabè

De’ Coltelli Gelateria Naturale Artigianale (Lungarno Antonio Pacinotti 23, Pisa): una gelateria naturalmente artigianale, così amano definirsi. Sono tanti infatti i gusti realizzati con ingredienti biologici, dallo Yogurt biologico di pecora del Parco di San Rossore, il Cioccolato De Bondt, con massa di cacao, latte e zucchero ma senza uova, la Carruba di Modica e la Liquirizia Amarelli. Un must: il caramello salato.

De’ Coltelli Gelateria Naturale Artigianale
De’ Coltelli Gelateria Naturale Artigianale

Cremeria Corradini (Corso della Libertà 45, Castiglione della Pescaia, Gr): soprattutto prodotti del territorio per il gelato della Cremeria Corradini, a partire dal latte proveniente dal Mugello. I gusti in vetrina si suddividono tra quelli classici, tra cui menzioniamo il pistacchio biologico, e i gusti realizzati esclusivamente con prodotti del territorio, come la castagna di Amiata, il Pan dei Santi al rum e lo zabaione con pinoli toscani.

Cremeria Corradini - immagine tratta da pienacomeuova.blogspot.it
Cremeria Corradini – immagine tratta da pienacomeuova.blogspot.it

Cioccogelateria Brunelli (Piazza Vittorio Emanuele, Agugliano – An): anche Paolo Brunelli per i suoi gelati attinge alle ricchezze del suo territorio. A differenza di altre gelaterie, i gusti proposti sono molti di meno, pochi ma ottimi. Quello più noto e richiesto è la Crema Brunelli al profumo di Varnelli, crema al cioccolato e nocciole pralinate. Ma un ottimo suggerimento, quando è di stagione, è anche il sorbetto di visciole ed anicini.

Paolo Brunelli
Paolo Brunelli

Makì (Piazza degli Avveduti 1, Fano – Pu): preferenza per i prodotti del territorio e di origine biologica. Una piccola realtà artigianale gestita da Antonio Luzi con la moglie Paola. Il nome Makì deriva dal dialetto e vuol dire “Proprio qui”, qui dove il gelato è sano e naturale. Tra i gusti realizzati con le eccellenze marchigiane ci sono: ricotta di capra e miele di acacia dei colli pesaresi, malto d’orzo del COBI di Ancona e l’amarena di Cantiano.

Makì
Makì

Gelateria Carboni (Via Ferri 62, San Benedetto del Tronto – Ap): nelle Marche ancora una piccola realtà artigianale, che riporta la memoria ai ricordi di infanzia. Antonio Carboni si occupa di persona della scelta degli ingredienti per i suoi gelati, ma non solo. Per quanto riguarda la frutta secca, si occupa egli stesso della tostatura, così nascono la Nocciola Carboni e il Pistacchio Carboni. Da non sottovalutare il gelato allo zafferano.

Gelateria Carboni - immagine tratta da www.primapaginaonline.it
Gelateria Carboni – immagine tratta da www.primapaginaonline.it

Gelaterie Bruno ( Piazza del Popolo 1, Antrodoco – Ri): nella provincia di Rieti, ad Antrodoco, dal 1969 è in attività il laboratorio di produzione del gelato di Bruno e Rina. Entrambi rispettano la tradizione mantenendo ancora in vita antiche ricette. Non si utilizza latte in polvere e nulla di artificiale. Gusti tradizionali, ma anche scelte più innovative, come Delizie d’Oriente, Sette Veli, Riso Integrale, Cocco e Menta Fresca e la specialità, il marrone Antrodocano.

Gelaterie Bruno
Gelaterie Bruno

Gelateria Greed (SS Casilina km38,600, Via Europa, Labico – Rm): ad aprile ha riaperto Greed per la nuova stagione 2015, una gelateria artigianale che utilizza soprattutto prodotti a chilometro zero. I gelati sono totalmente gluten free e la gelateria è riconosciuta dall’A.I.C (Associazione Italiana Celiachia). Grande attenzione anche per gli intolleranti e per i vegani, per loro è prevista una linea speciale di gelati. Ampia scelta di gusti a base crema, come il Miele d’acacia alle nocciole di Labico.

Gelateria Greed
Gelateria Greed

Otaleg (Viale dei Colli Portuensi 594, Roma): se è stata eletta miglior bottega del gelato 2015 dalla Cina un motivo ci sarà. E’ la gelateria più rinomata della capitale, dove Marco Radicioni prova a mettere insieme recupero emozionale e tutto ciò che ha appreso durante la sua continua ricerca. La lavorazione prevede un processo lento che non permette grosse produzioni ma fa sì che si ottengano ricette sempre nuove nate in corso d’opera. L’attenzione ricade su gusti speciali come Vaniglia Bourbon e Zenzero o la Susina Sangue di Drago.

Otaleg, Marco Radicioni
Otaleg, Marco Radicioni

La Gourmandise (Via Felice Cavallotti 26/b, Roma): la golosità legata al buon gusto, che riesce a coinvolgere completamente i sensi, ha sede a Monteverde Vecchio. Gusti di base arricchiti ogni volta da un ingrediente che li porta fuori dai canoni. Lo scopo di La gourmandise è quello di attirare tutte le tipologie di clienti, soprattutto quelli con preferenze più raffinate, cercando di soddisfare anche le esigenze di tutti. Ed ecco proposti i gusti senza latte o con latte di capra, tra cui il cioccolato al latte e sbriciolato al cioccolato amaro e sale.

La Gourmandise
La Gourmandise

Gelateria Fatamorgana (Via Lago di Lesina 9 – 11, Roma): il successo di questa gelateria ha fatto in modo che diventasse un franchising. Maria Agnese Spagnulo coltiva la passione del gelato sin da piccola, è celiaca e da questa scoperta inizia a sperimentare nuove tecniche per realizzare un prodotto naturale, senza glutine, a partire dalle cialde. Nel 2003 a Roma realizza il suo sogno di sempre, quello di aprire una gelateria tutta sua e da qui parte la sua avventura. Gelati a base di gusti classici, cioccolato e pistacchio i suoi preferiti, e tanti sorbetti di frutta.

Gelateria Fatamorgana
Gelateria Fatamorgana

Gelateria dei Gracchi (Via dei Gracchi 272, Roma): sembra ormai un discorso scontato, ma anche questa gelateria segue i criteri di stagionalità. Gusti classici, ma anche gusti vegani senza latte e derivati e senza uova. La sede storica si trova in zona Prati, ma nel tempo sono nati nuovi negozi. Viene menzionata ad Hollywood tra le gelaterie romane da non perdere. Assolutamente da provare i gusti crema di pinoli, fichi secchi e mandorle tostate e il classico alla fragola.

Gelateria dei Gracchi
Gelateria dei Gracchi

Il gelato di Claudio Torcè (Viale Aventino 59, Roma): nella capitale si contano otto gelaterie con il nome di Claudio Torcè. Viene considerato il pioniere del gelato gastronomico a Roma, gusti a numerosi classici e a base di ortaggi o di formaggi. Difficile indicarne di specifici da provare, ma tentiamo lo stesso l’ardua impresa. Per gli amanti dei gusti forti e decisi, si consiglia l’habanero, il gorgonzola o semplicemente buttatevi sul classico.

Il gelato di Claudio Torcè
Il gelato di Claudio Torcè

Gusto Caruso (Via Martiri di Dogali 3, Polignano a Mare – Ba): ha da poco trionfato al Gelato D’Oro al Sigep, stiamo parlando di Giordy Luca Babbo. Finalmente una gelateria che precisa subito l’intenzione di voler proporre gusti alternativi rispetto ai classici. Questi ci sono, pochi ma buoni. Ma è la creatività del gelatiere a farla da padrone, un esempio? Il cioccolato aromatizzato al pepe del Madagascar e maracuja.

Gusto Caruso
Gusto Caruso

C’era una volta (Via Porta Rufina 33, Benevento): due giovani gelatiere di Benevento si sono formate prima alla Gelateria De’ Coltelli e poi in Sicilia. Dopodiché, tornate a casa, Adele e Annamaria danno forma alle proprie idee con una gelateria naturale, proprio come quella di Gianfrancesco Cutelli a Pisa. Ingredienti di natura biologica e di provenienza certificata, i gusti migliori il gelato alle noci di Sorrento, la ricotta stregata, il pistacchio ed il cioccolato fondente.

C’era una volta
C’era una volta

Gelizioso (Via Giacomo Matteotti 47, Sarno): il sottotitolo di questa gelateria è “il gelato appena raccolto”. Con questa frase Giuseppe Cascella ha voluto mettere in evidenza la sua filosofia in fatto di gelateria, dove sceglie ingredienti freschi, preferibilmente a chilometro zero, appena raccolti nella sua terra. I gusti da provare sono il nuovo croccante di amarena, il sorbetto al gelso nero e la cassata siciliana.

Gelizioso
Gelizioso

Casa Infante Artigiani del Gelato (Piazza Vanvitelli/Via Scarlatti 84): in realtà sono quattro i punti vendita aperti da Fabio e Marco Infante in città. Provenienti da una lunga tradizione di famiglia nel campo della pasticceria, il nonno era infatti il famoso Leopoldo Infante, da alcuni anni hanno dato vita ad una gelateria che ha riscosso subito un notevole successo grazie alla scelta di materie prime di qualità e all’utilizzo di prodotti del territorio. Suggeriamo il pistacchiato ed il gusto Terra Mia.

Marco, Patrizio e Fabio Infante
Marco, Patrizio e Fabio Infante

Rol Gelateria (Via Partenope 12/m, Napoli): ha aperto i battenti da un anno ma la gelateria di Roberta Rubino ed Olga Nigro si è rivelata subito un grande successo. Il nome Rol deriva dall’acronimo dei nomi delle due titolari. Situata sul lungomare di Napoli, con affaccio diretto sil golfo, vale la pena sedersi ai tavolini per gustare un ottimo gelato. I gusti notevoli sono tanti, come quello alla mela annurca oppure la pera scustumata.

Il gelato di frutta di ROL, in via Partenope
Il gelato di frutta di ROL, in via Partenope

Mennella (Via Vittorio Veneto 2, Torre del Greco – Na): nasce come pasticceria ma col tempo la famiglia Mennella si è specializzata anche nella produzione del gelato. Oltre alla sede di Torre del Greco, sono stati aperti due nuovi punti vendita a Napoli. Ventiquattro gusti proposti, alcuni dei quali cambiano in base al periodo. I gusti più richiesti a base crema sono il pistacchio leggermente salato, la nocciola di Giffoni e la Crema Mennella.

Mennella, Marco Bottigliero
Mennella, Marco Bottigliero

Cremeria Gabriele (Corso Umberto I 8, Vico Equense – Na): questa cremeria è una vera e propria istituzione in Campania soprattutto per la produzione di gelato, impossibile non esserci stati almeno una volta nella vita, anche solo di passaggio. I fratelli Cuomo da anni realizzano il gelato ancora come una volta. Non hanno pretese, non si lanciano in sfide improponibili, gusti semplici ma d’effetto. Il suggerimento è quello di scegliere il vostro gusto preferito e di assaporarlo all’interno della mitica brioche.

Cremeria Gabriele
Cremeria Gabriele

Crivella Gelati & Desserts (Corso Italia 54, Sapri – Sa): Enzo Crivella è un vulcano di energie, è sempre alla ricerca di nuove sperimentazioni e nuove idee nel campo della gelateria. Vive di questa passione che lui non intende come lavoro, ma come modo di esprimere la propria interiorità. Un chiosco posto sul lungomare racconta come è nata questa esperienza: spremendo limoni da offrire come bibita fresca ai turisti negli anni ’50. Oltre ai gusti classici, segnaliamo il gelato al gusto pastiera.

Enzo Crivella
Enzo Crivella

Gelato Cesare (Piazza Indipendenza 2, Reggio Calabria): un chiosco adibito a bar, questo era la gelateria all’inizio del Novecento. Poi negli anni ’40 è arrivata la famiglia De Stefano ed il figlio Cesare è colui che per primo si è dedicato alla produzione del gelato, portando la struttura alla gloria. E’ stato il primo nella regione a creare una gelateria pura, quando ancora nessuno ci credeva. Tra i gusti da segnalare, il bergamotto di Reggio Calabria.

Gelato Cesare
Gelato Cesare

Pasticceria Musumeci (Piazza Santa Maria 5, Randazzo – Ct): la gelateria in Sicilia è di casa, anche se in realtà si producono più granite, che rappresentano un vanto regionale indiscusso. Nella provincia di Catania, Santo Musumeci, noto soprattutto come pasticciere, si è dedicato anche ai gelati. Tanti i riconoscimenti ricevuti in questo campo, sono tutti esposti nella sua bottega. Gusti dai nomi particolati ma efficaci, da provare indubbiamente il Pirandello, a base di mandorla, croccante di mandorle e scorze di limone.

Pasticceria Musumeci
Pasticceria Musumeci

Caffè Sicilia (Corso Vittorio Emanuele, Noto – Sr): chiudiamo questo lungo percorso nel mondo della pasticceria e della gelateria di Corrado Assenza. Sarebbe troppo scontato parlare della creatività e della bravura di Assenza, impossibile non aver sentito parlare di lui almeno una volta. Oltre ai dolci strepitosi, al Caffè Sicilia si possono degustare degli ottimi gelati, ideati, studiati e realizzati da Corrado.

Corrado Assenza
Corrado Assenza

Vi segnaliamo gusti semplici, come il gelato alla mandorle, e dove se non lì, ed anche quello al basilico.

49 commenti

  • marco contursi

    (31 maggio 2015 - 11:13)

    Manca Gelizioso a Sarno, una vera gelateria naturale che non conosce semilavorati ma raffina in proprio pistacchi,mandorle ecc…..di quelle segnalate in Campania, una l’ho trovata pessima, gelato eccessivamente grasso, pesante e dai colori innaturali, cono di 3 euro gettato nel primo cestino, cosa da me fatta solo altre 2 volte in vita mia….Il gelato è realmente artigianale quando è fatto partendo dalla materia prima e non da basi pronte e semilavorati.Quando utilizza frutta fresca di stagione e non sciroppi, quando la panna è panna di latte e non vegetale, quando non ci sono gusti tipo nutella,pan di stelle, peppapig, puffo e similari….sennò parliamo di aria fritta.Manca pure Raki a Sorrento, gelateria piccola ma di grande qualità.

  • maria liuzzi

    (31 maggio 2015 - 11:35)

    Pastore ad Acquaviva delle Fonti (Ba)! Fa un gelato alla cipolla straordinario. Lo serve con dei biscotti leggermente salati prodotti da lui. Tutto artigianale.

  • Ale sav

    (31 maggio 2015 - 16:40)

    Non si può dimenticare Zampolli a Trieste…. Millefoglie, Sacher, Nocciola…… da paura!

  • massimoP

    (31 maggio 2015 - 18:38)

    Resto in attesa del gelato alla coratella, quello sì che ha da esse bono!

  • orietta

    (31 maggio 2015 - 23:23)

    Anche “I tre papaveri ” a Velletri (rm).
    DA leccarsi le vibrisse!

  • Paolo

    (1 giugno 2015 - 01:32)

    Ma in Puglia non venite mai?? A lecce c’è una gelateria (baldieri dolce & salato) che non usa semilavorati…ed il gelato è squisito.

  • Alex

    (1 giugno 2015 - 11:00)

    Non usa semilavorati?! Sicuro???
    La pasta di nocciola(anche se auto prodotta, tanto per dirne una) è un semilavorato….e se vi raccontano che buttano le nocciole nel latte e le frullano sono dei fanfaroni!

    • Giovanni

      (13 agosto 2016 - 12:51)

      Il concetto del semilavorato è completamente diverso da quello che pensa, perché se fosse così anche il semplice zucchero farebbe parte del mondo dei semilavorati poiché nessuno pensa di mettere una piantagione di barbabietola o canna da zucchero, mettere su un impianto e ottenere lo zucchero che necessita per la propria gelateria. La nocciola rientra nello stesso concetto. La giusta definizione di un semilavorato è che essa è composta da più materie prime.
      La nocciola è un prodotto mono ingrediente e quindi rientra tra le materie prime… come lo zucchero!

  • marco contursi

    (1 giugno 2015 - 15:15)

    C’è una bella differenza tra farla in proprio senza additivi e con una shelf life di 3 giorni e una comprata con scadenza a 6 mesi.Se la fa lui e non mette conservanti,avendo la raffinatrice, è un prodotto naturale di cui conosce la materia prima avendola comprata intera.

  • rosario

    (1 giugno 2015 - 16:21)

    Se il Vostro parametro di valutazione è rappresentato dalla Gelateria Cesare di Reggio Calabria allora posso senz’altro affermare che le Vostre valutazioni non servono a niente. In provincia di Reggio Calabria esistono tantissime altre realtà, notevolmente superiori. Il Gelato da Cesare è uno dei peggiori che io abbia mangiato un tutta la mia vita di grande buongustaio. Consiglio. Rivedete la vostra formazione professionale ne avete tanto bisogno!!! E non indirizzate la gente su falsi, poco significativi e falsi proclami!!! Cioccolato e nocciola sublime da Le Chicche. Taurianova Reggio Calabria!!!

  • sonia papavero

    (1 giugno 2015 - 19:00)

    é pazzesco chr questi sono i nomi a napoli quando c’é Gelatositá che ha vinto il Gelato festival con un gusto strepitoso e questo é il livrllo dei suoi gelati da sempre!dora sorrentino che competenze ha??bhoooooo

  • Clara3377

    (1 giugno 2015 - 21:25)

    Dato che dubito che una sola persona abbia realmente testato tutte queste gelaterie posso senz’altro affermare che Bruno di Antrodoco non è affatto una delle 50 gelaterie artigianali top. A Rieti praticamente tutte le altre gelaterie esistenti sono migliori. Se aveste veramente fatto un giro da queste parti sapreste senza ombra di dubbio che la Cioccolateria Napoleone fa un gelato che non ha paragoni con nessun altro. Mah.

  • luisa

    (2 giugno 2015 - 00:09)

    Ma scherziamo? Inserire Soban tra le migliori 50 gelaterie d’Italia e da pazzi. Ma lo avete provato davvero il prodotto che propongono? Soltanto in provincia di Alessandria ci saranno una decina di gelaterie migliori. Solita classifica all’italiana senza capo ne coda!

  • lorenzo

    (2 giugno 2015 - 12:05)

    Noi a Padova andiamo tutti da Ciokkolatte, fanno un tiramisù divino!

  • aois025

    (2 giugno 2015 - 15:14)

    io sono di torre del greco e posso confermare che la gelateria Mennella non merita assolutamente di stare in questa classifica!!
    classifica senza senso e basata ma su quale criteri…???
    gente meditate..

  • Ugo

    (3 giugno 2015 - 13:13)

    Gelateria Punto Freddo corso nazionale scafati Salerno ottimi gelati

  • Graziana

    (3 giugno 2015 - 13:31)

    Come al solito l’Abruzzo non esiste.

  • Giovanni

    (3 giugno 2015 - 17:37)

    Mancano molte cose non solo in questa classifica !!! La gelateria Gianni, ad esempio, a Bologna e’ una istituzione . Un tempo leggevo le valutazioni del Dr Pignataro ma poi man mano mi sono reso conto che sono dettate da tutt’ altre cose . Altro che le migliori di qua e di la’ !!!!! Meditate gente, meditate !!! Tutto ha un prezzo purtroppo

  • dolci voglie

    (4 giugno 2015 - 14:24)

    La mogliore gelateria è a ponte la dolci voglie di zampelli nicola.

  • Gian Marco

    (13 giugno 2015 - 14:37)

    Tra le gelaterie di Bologna meritava assolutamente una menzione la Cremeria Santo Stefano, per me la migliore dopo la mitica Sorbetteria Castiglione. E Il Gelatauro è un buon posto, per carità, ma non così esaltante. Immagino che possa esercitare un certo fascino sui giornalisti inglesi per i suoi interni che sembrano trasportare l’avventore in un passato mai vissuto…però ecco, siamo italiani e non inglesi, non lasciamoci ingannare da simili esotismi.

  • Anna

    (21 giugno 2015 - 11:07)

    Ciao!
    Ottima la classifica da nord a sud, una buona guida per i più golosi.
    Vorrei segnalare però “Il Gelatone” via dell’Autonomia Siciliana 96, Palermo.
    Gusti frutta di stagione, ma anche di verdura e insoliti come il gusto sedano! Buonissimo dopo un bel pranzo domenicale a base di pesce. Quando da Torino torno a Palermo, al rientro dal mare, è una tappa d’obbligo! Un appuntamento che non posso mancare!

  • Samuele

    (23 giugno 2015 - 16:06)

    A Padova io vado sempre da Ciokkolatte Gelaterie Artigianali, gelateria Artigianale davvero sublime. Adoro il loro Tiramisu. E il loro smoothie Tropical!!!

  • Bio

    (1 luglio 2015 - 01:11)

    Scusate ma nessuna gelateria in Umbria? Mastro Cianuri a Perugia (vincitore, tra l’altro, di diversi premi) non vi piace? Location non straordinaria ma a Perugia lo conoscono tutti e se uno vuole mangiare un buon gelato va là, anche se si trova vicino ad una strada trafficata con pochissimo parcheggio nelle vicinanze.

  • Matteo schiavone

    (7 luglio 2015 - 23:06)

    In Sicilia mettere solo 2 gelaterie , sembra poco , da siracusa a Modica , passando da Ragusa ci sono tante gelaterie di qualità ….come il. Caffè ciclope a marzamemi , gelati divino a Ragusa e tanti altri …”…

  • Mauro

    (12 luglio 2015 - 13:05)

    Ragazzi scusate ma ho letto questa classifica, e siccome conosco un pò di queste gelaterie essendo nel settore, vi dico che alcune sono veramente indecenti, sono state inserite gelaterie che non vendono di media neanche 20 kg di gelato al giorno e se ci andate una volta sola ad assagiarlo, senza avvisare che andate sono sicuro che non tornerete mai più !!! comunque a parte il fatto che non è possibile stabilire le migliori gelaterie d’Italia io prima di stilare classifiche mi preoccuperei di provare se almeno fanno un prodotto decente …

  • gianluca

    (12 luglio 2015 - 14:01)

    Tanto di cappello ai nominati di cui molti sono amici ma è possibile che ad esempio nel centro Italia se escludiamo Roma nessuno sa fare un gelato da nomina? E chi ha stilato la classifica, professionisti o pubblico, sponsor o conoscenza giuria, pubblicità o fatturato? Cmq si spera nella vera professionalità degli operatori.

  • maria

    (4 agosto 2015 - 13:40)

    Una classifica discreta manca la migliore Gelateria Alfieri si trova a San Martino in Rio (RE) con il suo pistacchio , nocciola , crema di wisky ,anisetta d’Emilia , panna cotta con noci e fichi caramellati , cioccolato fondente e non ne parliamo dello yogurt e della frutta fenomenali e le granite speciali – veramente speciali anzi ogni gusto e speciale .

  • Fabio

    (4 agosto 2015 - 20:34)

    Non esiste! !!! La migliore è la gelateria Sorelle Rosellini a Marina di Carrara! Di meglio non c’è! !!!! Ma chi fa le classifiche? ???

  • Marco

    (5 agosto 2015 - 15:01)

    Ma nella terra dei gelatieri Belluno nemmeno una questa classifica mi puzza

  • Giorgio

    (21 agosto 2015 - 04:03)

    Gelato Cesare fra i migliori D’Italia, non escluderei assolutamente la GELATERIA “SOTTOZERO” sempre a Reggio Calabria e insieme a CESARE indubbiamente fra le migliori D’Italia.

  • Salvatore

    (26 agosto 2015 - 14:11)

    Giusto per ….. Il “Green Garden” a Caserta è sicuramente superiore ad una ventina di gelaterie indicate! Ma è Caserta non fa testo vero? ;-)

  • Orfeo

    (26 agosto 2015 - 21:11)

    E’ il limite di tutti questi articoli “on demand”……
    Ottime le due gelaterie di Napoli riportate, ma sicuramente alla pari (inferiori,forse) ad altre 3 o 4 che potrei citare.
    Rimedio: evitare in modo assoluto di stilare classifiche (puzzano di comparaggio anche se,come in questo caso, in buona fede)

  • Manuel

    (26 agosto 2015 - 21:14)

    Conosco la Funivia, conosco fata Morgana, Mennella, Carapina, Parco Carabè, Crivella…sono appassionato di gelato e sinceramente ne mancano tante…per esempio il Gelatiere di Palermo ma il gelato più buono per me da buon Cilentano resta quello del Santa Caterina di Palinuro(bar da Siena)… se passate da li non esitate è un bar gelateria storico!

  • Gabriella Cinelli

    (27 agosto 2015 - 07:35)

    Peccato la mancata attenzione a Gelato e Cioccolato dei coniugi Tirabassi di Subiaco , produttori di gelato Buono , pulito e giusto e sempre presenti al Mercato della Terra della Condotta di Tivoli e Valle dell’Aniene ben selezionato nella classifica delle 100 migliori gelaterie d’Italia .

  • domenico

    (27 agosto 2015 - 11:35)

    Caro Luciano credo che tu abbia dimenticato la Scimmietta 2 di Afragola (NA)

  • aois025

    (27 agosto 2015 - 15:23)

    queste classifiche lasciano il tempo che trovano….

  • gab

    (3 settembre 2015 - 15:28)

    Neve di Latte a Roma, Penso uno dei pocchissimi (forse l’unico) al 100% artigianale… per questo può rimanere un po’ pesante ma a mio parere tra quelli di Roma (ho provato tutte le gelaterie romane presenti nella lista) il migliore

  • Guido Seri

    (8 settembre 2015 - 08:54)

    In Toscana segnalo Cassia Vetus a Terranuova Bracciolini (Ar); Buongusto a Pienza (Si); Ludo a Follonica (Gr); Sunflower Arezzo. In Romagna a Riccione Kitchen ice aperta da pochi mesi.

  • gianni

    (15 settembre 2015 - 19:00)

    non so’ chi fa’ ho chi stabilisce ,queste classifiche,comunque segnalo a Gravina di Catania presso il centro commerciale katane’ gli splendidi gusti al pistacchio, nocciola ,e cioccolatti sopratutto il fondente presso la gelateria Sapori diCioccolato.

  • Antonio

    (29 settembre 2015 - 18:27)

    Sono di San Benedetto del Tonto e vorrei segnalare 2 gelaterie :
    Dal Gelataio e Voglia di …
    Secondo me molto valide .

  • vito

    (1 novembre 2015 - 12:20)

    ho provato il gelato nella gelateria di noto sopra indicata e vi assicuro che è uno dei più scadenti in sicilia quel posto merita ad altre gelaterie siciliane

  • Ste

    (5 giugno 2016 - 05:49)

    Bah, assurdo che non sia in classifica la gelateria siciliana Gelarmony di Roma, assurdo!

  • Marcello

    (5 giugno 2016 - 11:40)

    Caro Marco d’accordissimo con te, ma come si fa a non menzionare Gelizioso, e’ un vero crimine ed un offesa a pochi palati buoni in circolazione…

  • simone

    (5 giugno 2016 - 15:57)

    Se viene a Viareggio passi dal laboratorio del gelato via Ugo Foscolo. Saluti.

  • sara

    (8 giugno 2016 - 10:12)

    Da segnalare la gelateria Jazzin di Trieste, il miglior gelato alla frutta mai provato, autentico senza coloranti e con vera frutta!!! Per non parlare di zenzero e cannella e dei deliziosi semifreddi.

  • Ilaria

    (9 giugno 2016 - 09:39)

    Possibile che di 50 nemneno una in Umbria? Mah…povera la mia regione sempre ignorata!

  • Gianni Cicco

    (23 luglio 2016 - 12:52)

    Nessuna gelateria dell’Abruzzo!!
    Incredibile per una regione da annoverare tra le prime tre per la genuinità dei cibi: anche nei gelati!!
    Tre nomi assolutamente da NON perdere:
    – “Caprice”, Pescara (gusti imperdibili: gelato al pecorino di Farindola; all’Aurum etc.)
    – “Cicco” (vera gelateria artigianale da 65 anni!!!), Francavilla al Mare (da provare assolutamente il gusto “more di gelso” e “mandorla” fatti con frutta VERA e non surrogati etc.)
    – “Ferretti”, Roseto degli Abruzzi (da provare assolutamente il gusto “liquirizia” fatto con la liquirizia di Atri).
    Vi prego di documentarvi meglio.
    Grazie e buon lavoro!

  • Umberto

    (25 luglio 2016 - 14:21)

    Gelateria da Cesare a Reggio di Calabria, gelato buonissimo, molti gusti e super organizzati. Da provare merita davvero e poi una passeggiata in via Marina …. Il chilometro più bello d’Italia. Da non perdere !!! Umberto

  • Lorenzo Martini

    (27 agosto 2016 - 19:19)

    Buongiorno.
    Intanto vi posso solo dire che da gelataio di oltre 30 anni di esperienza questa lista di gelateria che ha scelto come le migliori d’Italia alcune di queste le sono entrate penso per caso o per altre cose! Comunque se gira un po’ meglio l’Italia Le assicuro che in alcuni paesini del Trentino ci si può trovare di meglio di quello che Lei ha trovato fin ora! Poi io direi che prima di stillare una classifica così bisognerebbe assaggiare non gusti particolari ma assaggiare i gusti tradizionali che le gelaterie offrono tipo vaniglia, nocciola, cioccolato, pistacchio, fragola, limone , caffè ecc ecc!
    C’è una gelateria in particolare in Trentino che si trova vicino al famoso lago di Tovel. (Famoso lago rosso)
    che si trova a Tuenno molto rinomata per il suo ottimo gelato!! Provare per credere! Andate su booking e trip Advisor. Le mie parole non mentono.
    Dimenticavo cercate hotel Tuenno che la gelateria e di loro gestione e si trova affianco attaccata al hotel e pernottando e mangiando li potete anche gustare il loro prelibato gelato!!
    Poi potrete capire cosa vuol dire uno dei gelati migliore d’Italia!!!

I commenti sono chiusi.