Al Gatto Nero Wine Cafè la cartolina slow dei sapori casertani

Letture: 175
una foto ricordo con i titolari, Manuel Liliana e Tommaso

di Franco D’Amico

I giovani incominciano a capire da che parte va il gusto, quello vero, lontano dalle mode e dalle tendenze, almeno nelle piccole realtà territoriali, ecco perché hanno partecipato con attenzione alla degustazione evento tenutasi al Gatto Nero Wine Cafè di Pignataro Maggiore, gestito egregiamente da Salvatore Caranci e Milena Di Bernardo, da circa due anni, consapevoli di prendere parte ad un assaggio di prodotti unici del territorio, inclusi in una cartolina speciale che arriva dai monti trebulani e giunge nell’area calena.

calici di stelle

 

il vino Crapareccia

GIOVENTU’ VERSO I SAPORI VERI

Le future generazioni vanno quindi per il verso giusto, è questo l’indirizzo cui bisogna orientarli, come questa serata  inserita nel contesto delle comunità del cibo della condotta Slow Food Volturno con Il Conciato Romano della fam. Lombardi e i vini Pallagrello bianco e nero dell’Azienda Crapa Reccia di Tommaso Mastroianni, entrambi nell’areale di Castel di Sasso, nonché i salumi del maiale Nero Casertano dell’azienda Amico Bio Allevamenti di Giano Vetusto, di Angelo Aiezza e la mozzarella e ricotta di bufala del caseificio I Due Pini di Pastorano, della fam. Friozzi, in zona calena anche il pane artigianale, per la serata dei sapori campani, direttamente alla presenza dei produttori che hanno molto interessato i tanti giovani presenti, illustrando loro le caratteristiche peculiari di ciascun prodotto, la loro storia, e i luoghi delle loro aziende, i giusti riconoscimenti, in un contesto delle  eccellenze di Terra di Lavoro.

Presentazione di Tommaso Mastroianni

 

filetto di nero casertano

ECCELLENZE CASERTANE IN DEGUSTAZIONE

Il Conciato Romano dell’Azienda Agricola Le Campestre di Castel di Sasso

con Manuel e Liliana Lombardi- formaggio conciato stagionato almeno 10 mesi

Manuel al conciato

Le Campestre, l’agriturismo della famiglia Lombardi a Castel di Sasso è attivo dalla fine degli anni Novanta, immerso tra le colline trebulane, una terra contadina e di culture antiche, con prodotti della filiera dai sapori veri, con il formaggio conciato romano quale unico Presidio Slow Food della provincia di Caserta, la coltura del vitigno Casavecchia  e l’allevamento del nero casertano e ovini per soddisfare la buona tavola dell’agriturismo.

I vini Pallagrello bianco e nero dell’Azienda Crapa Reccia di Villa S. Croce

con Tommaso Mastroianni

pallagrello bianco annata 2011, maturazione acciaio, molto gradito sui freschi formaggi.

pallagrello nero annata 2008, maturazione acciaio – legno

Pallagrello Nero 2008

L’Azienda Vitivinicola CRAPARECCIA, che ha la sede nell’area di Piana di Monte Verna (CE), in località Villa S. Croce, ha ricevuto tra gli altri il prestigioso riconoscimento per la tipologia di vino TERRE DEL VOLTURNO IGT 2008 “PALLAGRELLO BIANCO”, riportando la certificazione CRUS DELL’APPENNINO CAMPANO, a seguito della precedente degustazione sensoriale svolta a cura dell’Associazione Nazionale Enologi ed Enotecnici Italiani della Delegazione Campania, con il punteggio degli 85/100, attestandosi sulla pari qualifica di “ottimo”.

gli amici slow

I salumi di maiale nero casertano dell’Azienda Amico Bio Allevamenti – Giano Vetusto

con Angelo Aiezza

filetto di nero casertano (premiato in questi giorni nella rassegna sui salumi nazionali in Toscana)

pancetta tesa di nero casertano

pancetta tesa di nero e pane locale

L’azienda agricola “Amico Bio Allevamenti è situata nel Comune di Giano Vetusto (CE), nella selva della Valle Marotta, ad una altezza di circa 250 mt. sul livello del mare, si estende su una superficie di 15 ettari tutti condotti nel rispetto delle norme dettate dall’agricoltura biologica, caratterizzata, innanzitutto, dall’allevamento allo stato brado del suino “Nero Casertano”, razza millenaria oggi a rischio d’estinzione. Produzione di salumi di salsiccia, culatello, salami, filetto, capicollo e pancetta di derivazione suino nero esclusivo dell’azienda.

Le mozzarelle e ricottine di bufala del Caseificio I Due Pini di Pastorano

con Antonio D’Auria

treccia di mozzarella di bufala campana

ricottine di latte di bufala

il Pallagrello bianco Crapareccia e formaggi freschi dei Due Pini

L’Azienda i Due Pini, sita sulla statale Casilina in direzione di Capua, propone come principale prodotto caseario  la mozzarella e la ricotta di bufala, quale eccellenze della Campania, e altre tipicità come i formaggi di pecora stagionati e caciocavallo di propria produzione, abbinati ad una varia scelta di altre tipicità locali come paste artigianali, salumi e vini.

SERATE DA RIPETERE OVUNQUE

Nel mio piccolo ho pensato di realizzare con lo staff un incontro di buon livello, certamente appuntamenti del genere sono da approfondire e ripetere, anche in altre realtà territoriali simili, tenendo conto che il locale Gatto Nero Wine Cafè, seppure condotto da giovani, ha sin dall’inizio dell’attività proposto delle serate a tema e incontri-aperitivi speciali, con la componente di prodotti di alta qualità, come salumi e formaggi dei Presidi ed etichette di prestigio di vini campani e nazionali, partecipando anche ai Master of Food, al di là dell’ottima offerta della caffetteria.

i giovani caleni in festa

Quello di venerdì 14 dicembre 2012, è stato un evento mirato, fortemente voluto con la presenza dei produttori, con l’occasione di degustare quei prodotti rari che stanno finalmente apportando al comparto enogastronomico campano vitalità e forza, maturati dai sacrifici degli imprenditori contadini che si rivolgono sempre più spesso ai giovani, che hanno bisogno di scambiarsi questo tipo di esperienze, comunicare tra di loro il territorio su cui vivono, incentivarli anche attraverso la conoscenza delle eccellenze enogastronomiche, come ha ben spiegato Manuel Lombardi, reduce dall’impegno Thelethon di Caserta, con mamma Liliana, anche traendo ad esempio l’impegno del giovane casaro caleno Carmine Bonacci, in una bella serata che ha appassionato tutti i presenti ritrovandosi insieme a tanti amici, anche dalla condotta slow Massico Roccamonfina, la giornalista Nadia Maria Nacca, dal Portale online locale CdP Pietro Ricciardi e Angelo Martino, dando a tutti l’occasione di un brindisi speciale per le prossime festività di Natale, con le musiche di sottofondo e la voce della bravissima Valeria, che ha continuato la lunga serata per i giovani caleni in festa.

Manuel al conciato con il bianco

 

festa finale al Gatto Nero

 

Info: facebook il Gatto Nero Wine Cafè – via Francesco Vito Pignataro Maggiore

www.gattonerocafe.altervista.org

Un commento

  • comitato anticamorra

    (20 dicembre 2012 - 15:05)

    Gentile Comitato Anticamorra
    ogni cosa si può commentare a due condizioni
    1-che non sia passibile diquerela penale per diffamazione
    2-che sia firmato con nome e cognone

    Dunque, firmate e dite quello che dovete dire: per combattere davvero la camorra bisogna metterci la faccia in primo luogo

I commenti sono chiusi.