I vini da non perdere > Assaggi
9

Gewürztraminer 2011 Alto Adige doc, Girlan

12 gennaio 2013

Gewurztraminer 2011, Girlan (foto di Sara Marte)

di Sara Marte

Buono, buonissimo anche nella sua bottiglia base. Il gewürztraminer della Cantina Girlan è un vero piacere. L’uva a bacca rosa, inconfondibile con la sua buccia grigio-rosa appunto, sa dare enormi soddisfazioni soprattutto in mani esperte come queste. “Un maso tipico dell’Oltradige”, una cantina del ‘500 a Cornaiano e 23 soci che nel 1923, unendo le forze, fondarono l’azienda. Oggi parliamo di oltre 200 soci-viticultori ed altrettanti ettari vitati. Situati principalmente attorno a Cornaiano, su terreni collinari, ci sono poi circa 10 ettari nella splendida località Mazzon, zona di elezione per il pinot nero; un vero tesoro. Il rinnovamento aziendale e nuove tecnologie, dal 2010, hanno regalato, ad una già consolidata realtà, uno slancio in più.

A sparare nel mucchio si colpisce sempre bene, poiché non c’è bottiglia che non doni territorio, sapienza e certamente appagamento gustativo. Giunge in dono durante le feste il Gewürztraminer 2011 e, affascinata dalla sua distintiva espressione, lo scelgo da condividere in degustazione.

Nello splendido bicchiere di traminer aromatico della storica cantina Girlan (foto di Sara Marte)

Il colore è di uno splendido giallo intenso con riflessi dorati. Il naso è ovviamente un’esplosione di sentori. Una certa mineralità s’intreccia fra le note floreali: la rosa gialla ci introduce al più tipico quadro olfattivo ed è protagonista. La pesca a pasta gialla sfiora i sentori fruttati ed il complesso bicchiere si apre a profumi esotici quali il litchi su tutti ed un soffio di mango. Bella la progressione olfattiva che lo conduce a lievi spezie dolci, note di erbette spontanee e fiorellini di campo. Il palato è opulento, ricco, avvolgente, morbido e ben riequilibrato da una gradevole e decisa sapidità ed una certa freschezza. La mandorla amara chiude il sorso e lo prolunga, qualora mai un vino così, ne avesse bisogno. Interessante, di grande beva, pieno, intenso e godibile. Da ragazzina il Gewürztraminer mi piaceva molto, oggi, ne riscopro il piacere.

La Cantina Girlan è in Località Cornaiano, in via San Martino, 24. Tel 0471662403. Sito web: www.girlan.it . Email: info@girlan.it  Enologo: Gerhard Kofler.  Ettari vitati: 220.  Vitigni: pinot nero, lagrein, merlot, schiava, moscato rosa, pinot bianco, chardonnay sauvignon, müller thurgau, gewürztraminer.

9 Commenti a “Gewürztraminer 2011 Alto Adige doc, Girlan”

  1. Gianluca scrive:

    Una importantissima realtà del Sudtirol, che da sempre produce vini aderenti al territorio e di alta qualità. Bello leggerlo qui, su questo blog specializzato e apprezzo molto la scelta di un vino tipico ma base. È da queste bottiglie che si pesa la qualità ed il lavoro nel suo complesso. Complimenti.

    • Sara Marte scrive:

      Buongiorno Gianluca! Perfettamente daccordo con te. Una cantina che funziona cura ogni bottiglia come fosse l’unica e così, con le bottiglie “base” puoi avere uno sguardo più completo sulla produzione.
      Un caro saluto

  2. carmine scrive:

    Signori, sinceramemte questo e un grande vino. Avete voglia a farmi provare il sud ed a dirmi che siamo grandi, dobbiamo ancora crescere e superare certe divergenze e piccolezze. Fare “squadra” sarebbe gia un bel gran punto di partenza. Grazie per avermelo riportato alla mente.

  3. Anna scrive:

    E’ un vino così complesso e intrigante e buono che sembra alla portata di tutti invece bisogna ccomprenderlo. Ho bevuto anche io durante le feste. Sono una grande appassionata dei vini dell’Alto Adige e questa cantina ricorre spesso nelle mie degustazioni private. Ho trovato splendida la descrizione degustativa del vino. Non sono un’esperta ma solo, come ho detto un’appassionata ed una quasi sommelier. La frutta esotica e la rosa gialla e la sua tipicità al palato fanno diventare poesia questa, diciamo, semplice bottgilia base. Amo questa terra dai grandi vini e dall’ottimo rapporto qualità prezzo quasi imbattibile in italia.
    Buona domenica a tutti e scusate se mi sono così dilungata ma questo vino mi appassiona.

    • Sara Marte scrive:

      Grazie mille Anna! sono felice che la degustazione ti sia piaciuta e in bocca al lupo per il tuo percorso da sommelier! :o)

  4. Lucia scrive:

    Incredibilmente buono questo vino. Mi piace proprio questo carattere ricco e super intrigante. Forse prima era il vino delle donne e questo, ahimè, è sempre stata un’accezione negativa, adesso però che anche gli uomini ammettono che le donne di vino ne capiscono e anzi hanno nasi e palati raffinatissimi, ben venga che sia il vino delle donne. A me in quanto sommelier (e non solo donna) piace tanto . Quando la mineralità e la freschezza sanno riequilibrare tutta la ricchezza che esprime allora siamo nella piacevolezza più assoluta.
    Lucia

    • Sara Marte scrive:

      Purtroppo proprio come dice la cara Giulia portava questa “brutta nominata” ! Adesso molte bravissime colleghe proprio come Giulia ad esempio hanno fatto capire ai signori uomini quello che ben affermi tu. Infine quoto che “A me, in quanto sommelier e non solo donna piace tanto” questo vino!

  5. antonio marte scrive:

    Beh in verità anche Mozart amava questo vino. Musica e vino che accoppiata! Chapeau!

  6. antonio marte scrive:

    Chapeau all’Autrice ovviamente. am