Amalfi, La Caravella di Antonio Dipino

Letture: 393
La Caravella, il ciuccio

di Albert Sapere

54 anni di attività, aperto dal 1959. Un locale che è un pezzo di storia di uno dei posti più belli del mondo: La Costiera Amalfitana. Stella Michelin già negli anni settanta. Un locale colmo di opere d’arte di ceramiche preziose. Una carta dei vini monumentale, una delle più complete. Di fianco al ristorante La Caravella Art Gallery dove ceramisti prestigiosi che hanno creato linee esclusive per questa galleria. Un elenco di ospiti del ristorante che hanno caratterizzato la storia del secolo scorso da  Andy Warhol a Salvatore Quasimodo, da Gianni Agnelli a Jacqueline Lee Bouvier in Kennedy. Questi sono gli ingredienti della Caravella. Un tributo doveroso, chapeau! La cucina è basata quasi esclusivamente sulla grande materia prima, sopra le righe senza dubbio. I piatti parlano di Costiera del pescato di tradizioni da salvaguardare e da esaltare.

La Caravella, i piatti

 

La Caravella, i bicchieri

L’idea del buono è dettata dalla storia dalla passione di Antonio Dipino, proprietario e deus ex machina della Caravella.

La Caravella, il pane

 

La Caravella, aperitivo

Il piatto che ci è piaciuto di più il biscotto di Il biscotto di Agerola con crudo di ricciola e gamberi, grande materia prima assemblata e non cucinata. Menzione anche per la melanzana al cioccolato e l’ottimo caffè, non se ne bevono spesso di buoni anche in locali ultra blasonati.

La Caravella, zucca ricotta di bufala e gambero

 

La Caravella, il vino

 

La Caravella, crocchette di patate e alici con salsa alla colatura e provola

 

La Caravella, Il biscotto di Agerola con ricciola e gamberi

 

La Caravella, bianchetti nelle foglie di limone

Anche se la mia idea di buono in cucina è onestamente più moderna ho trovato un ristorante che mi ha affascinato, anche per il gusto un po’ retrò di qualche suo piatto, perché la storia ha un peso e per tale va rispettata.

La Caravella, ravioli con sfoglia al nero di seppia con scampi e frittelle

 

La Caravella, la frittata di pasta con pesce fujuto

 

La Caravella, pezzogna al gratin

 

La Caravella, sorbetto al limone

 

La Caravella, choux fritto con crema al limone sfusato di Amalfi

 

La Caravella, melanzana al cioccolato

 

La Caravella, il caffè

Una cucina solida, di grande tradizione, una materia prima a Km 0, indicato per una cena romantica per perdersi nella magia di Amalfi e della Caravella.

Un commento

  • Losteoscuro

    (15 maggio 2013 - 12:42)

    Come non essere d’accordo….! Pur non essendo un V.I.P. ( anche se di nobili natali ) quanti ricordi ..! Una visita obbligata quando si passa da Amalfi..Magari, al giorno d’oggi, non certo alla portata di tutti. Ma poi ” tutti ” vorrebbero mangiare in questo luogo e con queste quantità? Non penso…..

I commenti sono chiusi.