Anterprima Brunello di Montalcino: guida ragionata

Letture: 178
la sala

di Cosimo Torlo

Ed eccoci a Benvenuto Brunello su a Montalcino, giunta alla 21 edizione, inevitabilmente i segni dell’età si fanno sentire, se a questo aggiungiamo il non facile momento di mercato, il clima non è dei più allegri (ed in più nebbia e pioggia).

Si valuta l’annata 2008. Sono 135 le aziende che hanno portato i campioni in degustazione, 20 anni fa erano 30…!


La prima impressione e che le quattro stelle concesse a suo tempo furono davvero un gradito regalo…quattro stelle immeritate, personalmente posso dire che due  stelle sarebbero stato il massimo, ma tant’è.

Una volta, tanto tempo fa il sangiovese di un annata così povera diventava un buon Rosso di Montalcino e tutti erano contenti. I produttori stessi ed in particolare i consumatori…ma così va il mondo.

Sulla dx Elisa Sesti

La griffe ed il mercato fa premio su tutto.

Ma almeno un aspetto positivo l’ho trovato, ed è che in queste “piccole” annate viene fuori la sapienza, la storia ed il vissuto degli ilcinesi autoctoni bravi e sapienti che anche nelle annate cosi difficili e complicate riescono a produrre vini piacevoli ed eleganti e che vivaddio si bevono con grande piacere.

Patrizio Cencioni

Ecco allora alcuni nomi che vale la pena appuntarsi; La Fortuna, Capanna, Lambardi, Canalicchio di Sotto, Fattoi, Salvioni. Alcune di queste sono piccole aziende, ma non per questo sconosciute, il loro comun denominatore e la tipicità del Brunello che trovate in bottiglia. Ovviamente con caratteristiche e personalità oltre che il prezzo differenti.

la sala

Siamo davanti a vini che non hanno strutture decise, anche se solo con un ulteriore riposo in bottiglia si  potra’ meglio capire le reali potenzialita’ che questi vini potranno regalarci.

Andrea Machetti

Ora abbiamo Brunelli di buona piacevolezza, profumi intensi e ricchi di molte sensazioni di frutti primaverili, ma anche tabacco per apprezzare successivamente il buon equilibrio tra alcol e tannini, un piacevole equilibrio ed una beva che accomuna tutti i campioni sopra citati.

Edoardo Virano

Altre aziende che meritano una  segnalazione positiva sono Tenuta di Sesta, Il Marroneto, Sesti, Poggio Antico,  Le Chiuse, Uccelliera, Col d’Orcia con la riserva 2007, Mastrojanni con la riserva 2008.