Da Mammà a Capri, Gennaro Esposito ha “scassato”

Letture: 354
Da Mammà, Gennaro Esposito

Ristorante Mammà
Via Madre Serafina 6/11 – Capri (NA)
Tel. + 39 081 837.7472 –  email: info@ristorantemamma.it
www.ristorantemamma.it

Non era scontato il successo di Mammà a Capri. Nell’Isola, un po’ come a Roma, non basta il grande nome per affermarsi, vuoi perché nei posti dove passa il mondo c’è una riduzione alla normalità quotidiana di tutti, vuoi perché non essendo società open è necessario studiare la formula ad hoc e trovare i riferimenti giusti.

Marcello Avitabile con Gabriele Massa e Genanro Esposito

Qui ci sono due chiavi giuste: Gabriele Massa, storico sommelier dell’Isola, una sorta di enciclopedia vivente, e il bravissimo pizzaiolo Marcello Avitabile che con le sue montanare e le pizze di puro stile napoletano fa sentire subito a casa la clientela campana.

 

Da Mammà, la pizza di Marcello

Ed è stata proprio la clientela locale a decretare il successo di questo locale nel quale i prezzi sono assolutamente competitivi con tutti gli altri ristoranti capresi e la cucina mantiene uno stile low profile di classici vissuti con la tecnica straordinaria di Gennaro.
Sicché sono convinto che Mammà costringerà molti locali routinier a ripensare se stessi, un po’ come è successo a via Partenope con l’apertura di Fresco. In tempi di crisi, nella ristorazione è la moneta buona a scacciare quella cattiva perché la gente prima di spendere 80 euro per una cena deve avere un riscontro preciso.

Da Mammà, insalata di frutta e ortaggi

Così Mammà ha “scassato”. Proseguiamo in questo giro tra i locali che questa estate hanno lavorato alla grande perché capaci di adattarsi alla crisi.
Una crisi necessaria, che riporta i giusti valori in tutti i campi e che fa emergere chi è bravo e chi si adatta meglio e con maggiore rapidità al cambiamento.

Da Mammà, calamaretti, patate e pesto

I primi due piatti sono il segnale tipico di Gennaro: aggiornamento, leggerezza e territorio. L’insalata e la rivisitazione moderna e non pomodorosa di calamari e patate aprono alla grande la nostra frugale colazione.

Da Mammà, insalata di mare tiepida

Anche l’insalata di mare è concepita come un piatto unico, abbondante.

Da Mammà, parmigiana di pesce bandiera

Il classico inventato da Gennaro è imperdibile.

Da Mammà, calamaro ripieno di verdure e crostacei

 

Da Mammà, polpetto affogato con involtino di scarola maritata

Gli altri due secondi sono da manuale. Gennaro ha una vocazione straordinaria con la cucina di ortaggi e vegetali e secondo me dovrebbe sfruttare meglio questa sua incredibile capacità di dare valore ai piatti con la materia più povera possibile.

Da Mammà, fettucce con alici e peperoni verdi

 

Da Mammà, paccheri con bolognese di polpo

 

Da Mammà, vermicelli con cozze, timo e bottarga

La sequenza dei primi è da manuale, perfetta ed è facile per chiunque ritrovarsi.

Da Mammà, ravioli al pesto con frutti di mare

Da ristudiare invece questa rivisitazione del raviolo caprese il cui spessore ha bosogno di sughi acidi o comunque robusti. In bocca prevale troppo la pasta.

Da Mammà, frittura di paranza seppioline e cipolle

Si prosegue con la frittura di paranza e la batteria dei dolci.

Da Mammà, la frittura di paranza calamari, gamberi e triglia
Da Mammà, pre dessert

 

Da Mammà, la zuppa di nettarine

 

Da Mammà, il dolce

 

Da mammà, il torrone

Insomma una stagione da incorniciare. Sempre aperto, la sera ha fatto regolarmente i due turni perché a Capri si inizia a mangiare alle 7 e si finisce di notte a seconda delle abitudini dei diversi emisferi.

Lo staff di Mammà al completo

Una bella avventura gastronomica. Un motivo in più per venire a Capri

 

Da Mammà, piccola pasticceria

 

Da Mammà, la cucina

3 commenti

  • Fabrizio Scarpato

    (29 agosto 2013 - 12:18)

    Volevo fare una battuta sul termine “colazione frugale”, in evidente contraddizione con tutto quel bendiddio. In realtà “frugale” ha anche una accezione qualitativa nel senso di sobrietà e pacatezza. Allora ancora una volta mi sembra di cogliere una sobria naturalezza, una meridionalità contemporanea, una compostezza colorata minimalista, una sorta di sud norvegese, che fanno dei piatti di Gennaro, a tutti i livelli, quanto di più italianamente internazionale si possa comprendere oggi nel mondo. Ho detto, augh! Ah… vero sarebbe un buon motivo per andare finalmente a Capri.

  • Fabrizio Scarpato

    (29 agosto 2013 - 12:51)

    Volevo fare una battuta sul termine “frugale colazione”, vista la sequenza di ogni bendiddio. In realtà il termine “frugale” ha anche una accezione qualitativa, nel senso di sobrietà e pacatezza. Ancora una volta mi sembra di capire nei piatti di Gennaro Esposito quella sobria naturalezza, quella pacata meridionalità, quei composti colori minimalisti, quel sud quasi scandinavo, che li rendono i migliori testimoni di italianità nel mondo, perché assolutamente contemporanei, internazionali, eppure riconoscibili. Augh, ho detto. Ah… è vero, sembrerebbe un buon motivo per scendere finalmente a Capri.

  • Salvatore la Ragione

    (30 agosto 2013 - 14:51)

    Caro direttore grazie per le belle parole spese per descriverci tutti, figli del Mamma’ ai quali apparteniamo anche noi, ragazzi che anche se non mandano razzi sulla Luna, guidati da chi per tanti anni ha perseguito la filosofia di Gennaro facendo la propria , cercano attraverso il lavoro di trasferirla e riproporla in questa splendida realtà…SALVATORE LA RAGIONE

I commenti sono chiusi.