Casolla di Caserta. Antica Trattoria Innarone, il fascino della tradizione e la pizza di Daniele Vanore

25/11/2016 4.4 MILA
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza ortiche e salame di nero casertano
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza ortiche e salame di nero casertano

Antica Trattoria Innarone Casolla di Caserta
Via San Pietro ad Montes 11
Tel. 0823.386454
Su Facebook
Aperto sempre
Pizza da 3,50 a 9 euro
Pasto in trattoria sui 30 euro

di Tommaso Esposito

Ecco, ci sono dei posti che vorresti avere sotto casa.
Così, tanto per sentirti sempre in famiglia.
D’inverno vicino al focolare.
D’estate immerso nel verde del grande giardino.
Ma non sempre è possibile.
E allora basta fare qualche kilometro per salire qui, poco lontano dal centro di Caserta.
Un piccolo borgo che ha origini romane.
C’è ancora un tempio pagano che si nasconde tra i muri della parrocchia.
E c’è l’Antica Trattoria Innarone, che sta per Gennarone, papà di Giovanni e nonno di Daniele Vanore che da lui hanno ereditato arte e parte.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore

Siamo un una rustica casa a corte con tanto di campagna alle spalle e una serie di sale interne.
L’arredo è quello di una villa padronale.
Tanti mobili e oggetti di antiquariato che hanno il loro fascino.

Antica  Trattoria Innarone
Antica Trattoria Innarone
Antica  Trattoria Innarone
Antica Trattoria Innarone
Antica  Trattoria Innarone
Antica Trattoria Innarone
Antica  Trattoria Innarone
Antica Trattoria Innarone
Antica  Trattoria Innarone
Antica Trattoria Innarone

In cucina c’è mammà Maria che cura i piatti, in sala ci sta il fratello Francesco, papà e Sabrina la fidanzata.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore con mamma Maria e Sabrina
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore con mamma Maria e Sabrina

I sapori sono quelli di una volta: dai pancotti, alla minestra con patate e broccoli, alla farenata con rraù, alle frittate di cipolla, patate, maccheroni. La caciotta del casaro accanto è formidabile.

Antica Trattoria Innarone il pancotto di broccoli e fagioli
Antica Trattoria Innarone il pancotto di broccoli e fagioli
Antica Trattoria Innarone scarola riccia e patate
Antica Trattoria Innarone scarola riccia e patate
Antica Trattoria Innarone frittate casatiello con salsiccia e friarielli
Antica Trattoria Innarone frittate casatiello con salsiccia e friarielli
Antica Trattoria Innarone farenata con rrau
Antica Trattoria Innarone farenata con rrau
Antica Trattoria Innarone caciotta locale
Antica Trattoria Innarone caciotta locale

Poi c’è il piatto di lagane e fagioli o gli arrosti di carni dell’aia.

Antica Trattoria Innarone lagane e fagioli
Antica Trattoria Innarone lagane e fagioli

Ma stasera siamo per assaggiare la pizza di Daniele.
Lui ha scelto di fare pizzaiolo dopo essere stato cuoco e cameriere.
Dice che questo è l’unico modo per saper fare bene le cose in questo mestiere.
Ovviamente ha imparato a stendere e ammaccare dal pizzaiolo che prima stava qui.
Poi ha fatto un giro di addestramento per qualche pizzeria storica casertana.
Ha le idee chiare.
Tra l’altro qua c’è la tabella della AVPN Verace Pizza Napoletana.
Idee chiare, dicevo, giacché oltre alla proposta tradizionale lui punta a creare cose nuove e insolite.
Ragiona sul prodotto.
Da quello recuperato da filiera ultra corta, l’orto di casa o i campi del borgo, a quello acquistato nei viaggi in Italia come il salame d’oca e  la rosa, il radicchio, di Gorizia.
L’ingrediente principale deve essere esaltato, non mortificato sulla pizza.
Poco pomodoro. Non deve essere invadente.
E poi latticini di qualità.
Il suo fiordilatte è veramente buono
Nascono così pizze del tipo Pesto di ortiche e salame di suino di nero casertano.
Eccola.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pesto di ortiche
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pesto di ortiche
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore salame di nero casertano
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore salame di nero casertano
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza ortiche e salame di nero casertano
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza ortiche e salame di nero casertano

L’impasto è fatto con una farina 00, a mano.
Lunga lievitazione.
Struttura con cornicione non eccessivo, morbida, scioglievole

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza scarola riccia fiordilatte il trancio
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza scarola riccia fiordilatte il trancio

Veramente saporita.
Poi c’è la pizza della settimana con pomodoro giallo e fegato d’oca.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza del giorno
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza del giorno
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza ortiche e salame di oca
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza pomodoro gialllo e salame di oca
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza pomodoro gialllo e salame di oca
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza pomodoro gialllo e salame di oca

Oppure quella con la scarola riccia.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza carola riccia fiordilatte
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza carola riccia fiordilatte
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza carola riccia fiordilatte
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pizza carola riccia fiordilatte

Ecco, due ingredienti soltanto.
Il gioco rende e non stanca, anzi invita a fare un giro pizza, a condividere l’assaggio.
Si finisce con una pastiera di riso, l’alternativa al grano, cioccolato e biscottini di pasta frolla.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pastiera di riso cioccolata biscotti
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore pastiera di riso cioccolata biscotti

E due elisir di intensamente aromatici.
Quello di mirto raccolto a Casolla e il nocillo.

Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore elisir di mirto
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore elisir di mirto
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore il nocillo
Antica Trattoria Innarone Daniele Vanore il nocillo

Insomma quassù si può pure restare un giorno intero o una notte.
Intorno a questa tavola può calare il tramonto e sorgere l’alba.
Non ve ne accorgete mentre Daniele e Giovanni vi coccolano e vi raccontano storie.
Quelle del tempo della tavola di ieri, di oggi, di domani.