Cetara, ristorante La Cianciola, mangiare a venti metri dal mare di Amalfi

Letture: 942
Cetara. Ristorante La Cianciola, l'ingresso

Piazza Cantone, 13
Tel. 089.261828 – 346.3616168
www.lacianciola.it
Aperto sempre. Chiuso il Lunedì
Entro i 35 euro

di Tommaso Esposito

Quando la giornata è bella e piena di sole come questa, beh la voglia di vedere il mare ti viene.

Cetara. Il sole e il mare

Ti assale dirompente.
Vuoi sentire il profumo della salsedine e la brezza che si insinua tra gli scogli e gli alberi delle barche ormeggiate in vista delle banchine.

Cetara. La baia
Cetara. Il porto.

Desideri colti al volo.
A Cetara, a Cetara.
Ci si incontra sul molo per le quattro chiacchiere tra amici.

Cetara. Sul molo Francesco Aiello, Luciano Pignataro, Tommaso Esposito e Romualdo Scotto di Carlo

Da continuare in trattoria.

Cetara. Verso La Cianciola

Seduti in attesa del desinare.
‘A Cianciola .
Ora La Cianciola.
Tradizione antica rinnovata da Vincenzo Giorgio.

Cetara, La Cianciola. Vincenzo Giorgio

Pesce di giornata che giunge con le barche.
Mare che non tradisce mai.
E terra con i suoi ortaggi e agrumi, con i suoi olivi e le sue vigne.
Giungeranno in tavola schietti e netti.
Senza orpelli, né pretese.
Come tu li vuoi.
Alt, ecco le acciughe sottosale di Cetara.

Cetara, La Cianciola. Pane e acciughe, il benvenuto

Diliscate e adagiate su un trancio di pane bruno.
Basta l'olio di qua e la brezza si sente.
Nitida. Dal mare.
L'antipasto va con la parmigiana di zucchine e alici .

Cetara, La Cianciola. La parmigiana di zucchine e l'alice imbottita indorata e fritta

Insieme c'è un'alice indorata e fritta, farcita di provola filante e affumicata.
Fresco il pomodoro della salsa, ancora gagliarda la zucchina e croccante l'indoratura.
Ah, i vini.
La cantina di Vincenzo l'è bella e ricca, ma oggi l'ospite ci permette di giocare con quattro delle nostre bottiglie in attesa di assaggio, portate al tavolo con il giornale.
Diritto di tappo, consentito e condiviso.
Bene.
Luciano, che si impegna nel merito a chiosare il post, intanto porge i suoi: Contadi Castaldi Zero Franciacorta 2006, bollicine, e Selvetelle Greco di Tufo docg Centrella 2005.

Cetara. I vini. Contadi Castaldi Zero Franciacorta 2006
Cetara. I vini. Selvetelle Greco di Tufo docg Centrella 2005.

Dal benvenuto all'alice e poi sul secondo.
Io i miei: Terre degli Angeli Greco di Tufo Terredora  2006 e Nardò Rosso Nerìo Schola Sarmenti 2006.

Cetara. I vini. Terre degli Angeli Greco di Tufo Terredora 2006
Cetara. I vini. Nardò Rosso Nerìo Schola Sarmenti 2006.

Tra l'antipasto e i primi.
E cioè i tubettoni alici, olive  e capperi.

Cetara, La Cianciola. I tubettoni alici olive e capperi

Ma ci son pure i pomodorini di altura, i pinoli, l'olio e il prezzemolo.
Una pattuglia ciaciona, saporita, gustosa.
Così pure i ravioli farciti di tonno cotto al vapore in salsa di noci della  costiera.

Cetara, La Cianciola. I ravioli di tonno con salsa di noci

Lo confesso: quasi mai apprezzo i sughi di panna.
Questo di Vincenzo mi strappa un'eretica lode.
Nerìo furoreggia.
Ci sono due pezzogne che aspettano.
Al sale, al sale!  Reclama Francesco.
E pure Romualdo.

Cetara, La Cianciola. La pezzogna al sale
Cetara, La Cianciola. La pezzogna al sale

Papille delicate e nobili.
In guazzetto con patate, invece, per Luciano e me, dalle rustiche papille.

Cetara, La Cianciola. La pezzogna al guazzetto con patate e olive
Cetara, La Cianciola. La pezzogna al guazzetto con patate e olive
Cetara, La Cianciola. La pezzogna al guazzetto con patate e olive

Non si commenta.
Si gode.
Infine il dolce.
Familiare chiusura.

Cetara, La Cianciola. Il babà, la cioccolata e la pizza crema e limone

Ancor più cara nel dì di festa e di sole: il babà, la cioccolata e la pizza di crema , limone e pinoli.
Ma come è stata cianciosa'sta Cianciola!

7 commenti

  • Mimmo Gagliardi

    (3 dicembre 2011 - 16:29)

    Bella Tommà,
    come già ho avuto modo di dirti scoprii Nerìò nel 2009 e me ne innamorai. il buon Tornatore dovrebbe averne una bottiglia del 2005 da me devoluta presso il suo “antro”….chissà se è ancora lì….informiamoci!!!! Un caro saluto!

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (3 dicembre 2011 - 19:25)

    Bel racconto, Tommaso, come sempre… sembra di risentirlo il sole sbarazzino di domenica scorsa.
    Piaciona, si l’aggettivo mi pare proprio quello giusto per la cucina della Cianciola.. da godere tutto, con sapori netti e golosi…

  • Lisa

    (4 dicembre 2011 - 10:54)

    Grande Vincenzo, ottima cucina e non solo

  • carmine

    (6 dicembre 2011 - 13:41)

    cucina fantastica, a pezzogna il meglio che c’è, i vini non da meno, locale da sognare e godere

  • Marcello

    (16 giugno 2013 - 15:50)

    stato 3 mesi fa: mangiato 4 stronzate…….t’ scosn’ o’ cul’…….pardon per la volgarita’, ma quan’ c’ vo’, c’ vo…….

  • marcello marcello

    (23 giugno 2013 - 02:56)

    vorrei sapere quali sono queste 4 stronzate caro signor marcello grazie .

  • ristorante la cianciola

    (23 giugno 2013 - 12:45)

    vorrei sapere quali sono queste 4 stronzate caro signor marcello grazie

I commenti sono chiusi.