Cetona, Siena. Osteria Vecchia da Nilo e Cristiano Fastelli

Letture: 209
Cetona. Vecchia Osteria. L'ingresso

Via Cherubini 11
Tel. 0578. 239040
www.ristoranteosteriavecchia.com
Aperto sempre
Chiuso martedì
Sui 30 euro

di Tommaso Esposito

Non sapevo che qui abitassero tanti vip.
Anzi Vìppsss, come Frassica direbbe.
Calciatori, stilisti, cantanti, scrittori, ricconi e veline.
E non son qui per questo. Di certo.
Sta sulla strada del ritorno a Napoli Cetona ed è giusto l’ora di pranzo.
Bellina. Quieta e silente è la strada che porta alla Torre.


Cetona. Il centro storico

Eppure è un dì di festa.
Osteria Antica ci aspetta.
C’è Diavolo, il gatto nero, in agguato nel vicolo.

Cetona. Diavolo, il gatto nero


Ma è un birbone mansueto.
Nilo e Cristiano Fastelli, papà e figlio, han messo su questo bel posticino.
Cucina senese.
Il pane pure.

Vecchia Osteria. Il pane


Dal menu si sceglie carpaccio di manzo.

Vecchia Osteria. Il carpaccio di manzo e il lombetto di maiale


E’ marinato lievemente agli aromi di rosmarino e timo.
Stavolta non stanca la rucola, né nuoce il grana.
Di lato il lombetto affettato di maiale in fresco sale, disteso tra l’insalatina riccia e un po’ di balsamico.
Bell’entrata. Gustosa.
Si va poi per pici.

Vecchia Osteria. I pici

Son spaghettoni quadrati, a mano tirati quaggiù, nel sud della Toscana.
Maritati al bianco ragù di maialino di cinta.
Ovvio da queste parti. Buon sapore.
Ah, un calice di Nobile Rosso. Piccola cantina locale.

Vecchia Osteria. Il rosso

Ha nerbo, però.
Appunto per la chianina al rosmarino, servita tagliata.

Vecchia Osteria. Chianina al rosmarino

Rimossa dalla brace à point, l’è rosea e sugosa.
Da tempo mi mancavano per contorni zucchine, radicchio e indivia grigliate e le patate al forno.

Vecchia Osteria. Il contorno di verdure grigliate

Sta bene.
Guardo intanto il trancio di faraona indorata tra le bacche di ginepro.

Vecchia Osteria. La faraona al ginepro

Umorosa e invitante come non mai.
Non mi delude: è deliziosa.
Da bis. Che non chiedo.
Son già nei dintorni i dessert.
La torta di ciliegie . Morbido pandolce farcito.

Vecchia Osteria. La torta di rosse ciliegie

E quella d’albicocca. Con la crema pasticcera tra due sfoglie di frolla.

Vecchia Osteria. La torta di albicocche

Bel pranzo.
E poi via sulla strada del rientro.
C’è deviazione.
Il Tomtom minaccia di brutto.
Ci soccorre la vecchia De Agostini.
Non sbaglia mai.

10 commenti

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (19 ottobre 2011 - 11:00)

    bella sosta, Tommaso, non c’è che dire… ma io mi permetto di consigliarti un ritorno a Cetona, per la Frateria..

    • Tommaso Esposito

      (19 ottobre 2011 - 11:34)

      Romualdo, ci ritornerò. Ma Peligio quand’ero pargoletto ti confesso non mi stava simpatico.

      • virginia

        (19 ottobre 2011 - 12:50)

        anche a me recentemente palati fidati hanno suggerito la Frateria…

        • Antonio Scuteri

          (19 ottobre 2011 - 13:11)

          Mi aggiungo: la Frateria è un posto magico e si mangia decisamente bene. Ovviamente ad altri prezzi

          • Romualdo Scotto di Carlo

            (19 ottobre 2011 - 16:33)

            si, la Frateria è decisamente un posto “magico”.. ed ha una cantina che piacerebbe molto a Luciano: dovrebbe farci un salto prima o poi e scendere a dare un’occhiata in quella che era l’antica cella di punizione del convento ;-)

    • pincopallo

      (19 ottobre 2011 - 13:00)

      anche a me è capitato andarci tempo addietro , aldilà del tipo di cucina “tipica regionale” con gli stessi piatti da venti anni , a proposito il limone non si può proprio vedere , la qualità è molto bassa , uso indiscriminato di glutammato carni cotte e riscaldate così come i contorni , cetona da un punto di vista di ristorazione vuol dire solo la frateria il resto è più che buio , ritornado all’osteria vecchia è un posto spenna turisti

  • Angelina Ballerina

    (19 ottobre 2011 - 12:58)

    W Diavolo il gatto nero! Le torte hanno un aspetto bellissimo.

  • milady

    (19 ottobre 2011 - 16:57)

    Ah la toscana quanti bei ricordi….e il micione nero dal sorriso che conquista,come le torte!!!

  • Tommaso esposito

    (19 ottobre 2011 - 17:46)

    E vabbè organizziamo una spedizione cetonese. Dopo tanto tempo rivedrò Peligio. Romualdo guiderai tu. Mi fido

    • Romualdo Scotto di Carlo

      (19 ottobre 2011 - 18:12)

      Mi tocca precedere gli altri buontemponi: ma allora dillo che non vuoi arrivare!!!
      Padre Eligio non c’è spesso, alla Frateria, ma il cuoco, Walter Tripodi, è sicuramente da conoscere.

I commenti sono chiusi.