Sant’Agata sui due Golfi, 28 agosto. Ciro Oliva ed Ernesto Iaccarino insieme per una nuova pizza ispirata a un piatto storico di Don Alfonso

Letture: 139
Ernesto Iaccarino e Ciro Oliva
Ernesto Iaccarino e Ciro Oliva

Lui è tra più giovani pizzaiuoli d’Italia. Loro tra i più grandi chef nazionali. Ciro Oliva, terza generazione della pizzeria “Concettina ai tre Santi” del rione Sanità di Napoli, tra gli emergenti nazionali,  ha deciso di rendere omaggio agli chef stellati della Campania. Si inizia  il 28 agosto, alle 11.30, nel tempio della cucina campana: da Don Alfonso 1890, a Sant’Agata sui due Golfi. Perché proprio da questa frazione di Massa Lubrense è iniziata, anni fa, la rinascita della gastronomia partenopea.

Non a caso, Alfonso Iaccarino, affiancato dalla superlativa moglie Livia, e poi dai figli Mario ed Ernesto, è riuscito a portare una rivoluzione nel bien manger non solo campano, esportando la loro idea di cucina in diversi angoli del mondo: dal Marocco alla Cina. La famiglia Iaccarino, infatti, vanta importanti consulenze a Marrakesh e a Macao oltre a gestire una brasserie a Capri e un ristorante a Roma.

Ora, grazie alla sinergia tra Ernesto, seconda generazione del Don Alfonso 1890, e Ciro Oliva, verrà ideata una nuova pizza, un omaggio ad Alfonso, ispirato a un suo piatto storico.  Una ricerca che unirà la maestria di Ernesto e di Ciro nei loro rispettivi campi della gastronomia. All’iniziativa darà il suo contributo il Molino Caputo, fornendo una particolare miscela di farine “Ricca” e “Cuoco”. Ciro Oliva ha deciso di intraprendere questo viaggio tra gli stellati campani per dedicare a loro una linea particolare di pizze.