Colli di Castelfranci parte dal Greco

Letture: 52

18 settembre 2003

Questo Greco lo trovate nei due bei ristorantini piccini piccini di Cetara, il paese saraceno del tonno e della colatura di alici all’inizio della Costiera Amalfitana uscendo a Vietri sul Mare. Sia Francesco del San Pietro che i due Gennaro dell’Acquapazza hanno finalmente trovato un bianco campano adatto alla loro creativa cucina di corpo dove spesso il piatto ammicca ai rossi. Una chicca irpina ancora sconosciuta, bravi questi ristoratori non adagiati sul già visto, se cercano nuovità nel bicchiere sicuro nel piatto avrete buone soprese. Il Greco di Tufo Grotte è il prodotto di punta di Colle di Castelfranci, una nuova azienda di dieci ettari di proprietà alla sua seconda vendemmia. Una sfida di due cognati, Alessandro Mancini e Gerardo Colluci, capaci di recuperare l’antica proprietà di famiglia puntando anche sul bianco in una zona più vocata al rosso. L’esposizione delle vigne è tutta a mezzogiorno, siamo davvero in collina, il clima è asciutto e l’escursione termica regala sicura eleganza al frutto come avviene in gran parte dell’Irpinia. Dopo gli assaggi in vasca di acciaio con la neve sull’uscio della cantina non ancora terminata abbiamo bissato nei due locali tonnacei su piatti diversi e buona soddisfazione per l’evoluzione in bottiglia. Ove il bicchiere dimostra che forse l’annata 2002 non sarà ricordata in eterno, ma neanche che è stato un disastro ovunque, perché il bianco atteso dopo l’estate mostra buoni profumi, una struttura di tutto rispetto, con il difetto di essere corto al palato. Colle di Castelfranci è pronta per il rosso. A proposito, si allunga la lista delle aziende decise a non fare il Taurasi 2002: dopo Mastroberardino e Struzziero, anche Contrade di Taurasi non farà la docg. Noi ci prepariamo ad assaggiare le 51 falanghine in vetrina in quel di Sant’Agata dei Goti in questo fine settimana come annunciato a fianco: la prossima settimana daremo conto di quella che ci ha colpito di più. Un nuovo faccia a faccia con la vendemmia 2002 in Campania.