Destinazione Collio. Dormire nel vino. Cormòns, Azienda Agricola Picech

Letture: 287
la famiglia Picech, Roberto, Alessia e i piccoli Athena e Ruben

di Giulia Cannada Bartoli

Az. Agr.PICECH

Loc. Pradis 11, 34070 Cormons GO

Tel: 39+0481-60347 Fax: 39 + 0481-629577 , sempre aperto su prenotazione

www.picech.com info@picech.com

B&B: € 80,00 per camera, bambini fino a 10 anni gratis, oltre + 20% sulla camera

Solarium e piscina:si

carte di credito – bancomat: si

Prendete uno shaker, sì uno shaker virtuale di grandi dimensioni. Apritelo e versate in ordine:lo splendido terroir del Collio, zona di Cormòns in provincia di Gorizia; strepitose vigne collinari di pinot bianco, tocai, friulano, malvasia istriana, ribolla gialla, un po’ di Cabernet e Merlot qui e là. Chiudete, affidate lo shaker alla giovane famiglia Picech, seconda generazione di viticoltori in località Pradis e il gioco è fatto.

Avrete ottenuto un quadro, una natura viva, in continua evoluzione, dipinto da una famiglia di fieri viticoltori, i Picéch. Il nucleo familiare si è insediato sulla collina di Pradis dal 1920 come braccianti viticoltori; nel 1963 con orgoglio, fatica e coraggio hanno acquisito la proprietà delle vigne
Dal 1989 Roberto Picech, energico quarantenne,  ha preso in mano la conduzione dell’Azienda, precedentemente condotta da suo padre Egidio, detto “il ribel” e dalla madre Jelka, trasformandola in un gioiello che non teme paragoni. La seconda generazione Picech è iperattiva, allegra, dinamica, tanto da rappresentare un punto di forza del ”sistema Collio” e da essere uno tra i più rispettati della nuova generazione di produttori della zona, non solo per il timbro personale impresso ai vini, ma, anche, per la storia di come ha iniziato a crearli. Vigneti-giardino, rese bassissime e macerazioni delle uve sostenute sono i segreti che rendono  questi vini distinguibili per l’impronta fortemente personale e caratteristica, lontana dalle mode e tecnologie del momento.  Il nome della località “Pradis” pare derivi da un’antica leggenda secondo la quale, il grande Corso, cavalcando tra queste colline, ammirando il panorama, esclamasse:”paradise!”, da qui appunto il nome di una zona dove si lavora e si vive, ( pur con i comfort della vita moderna)  come se il tempo si fosse fermato. I sette ettari di  vigneto a ridosso della casa rispecchiano la storia della famiglia. Roberto continua la   tradizione assieme alla giovane moglie Alessia,  donna di ferrea volontà e madre dolcissima di  Athena e Ruben. Ciò che conta nel Collio è esprimere la propria personalità, in linea con il fantastico apparato vitivinicolo che si è riusciti a creare, grazie alla collaborazione, tra aziende ed istituzioni.

una parte dei vigneti dei Picech circondati dai boschi
spettacolare vista autunnale dei vigneti Picech

Torniamo a casa Picech: la  nuova grande cantina, situata sotto la casa, è stata appena completata: un pezzo d’arte del Collio, perfettamente in armonia con il meraviglioso paesaggio di queste colline.

la nuova cantina, dove è anche possibile acquistare
l'azienda oggi

Ciliegina sulla torta, l’accoglienza rurale inaugurata nel giugno 2011, dopo 8 anni di faticosi lavori, al fine di creare una struttura  che fosse in piena armonia con il territorio e con le esigenze della famiglia che vive negli stessi ambienti. Lo stile è quello dei grandi casali friulani: tanto legno, pietra, pavimenti in cotto, ferro battuto, colori tenui. Dopo otto anni di attività, Roberto ed Alessia hanno realizzato tre deliziose camere con vista sui vigneti, una sulla Torretta della casa che gode dell’ampio panorama del Collio a 360°

La scala a chiocciola per la camera della Torretta

ed un appartamento self- catering per famiglie. Il senso dell’ospitalità è innato, sembra di abitare nella calda atmosfera familiare scandita da ritmi giornalieri. Tutto è naturale  e disegnato come in una casa di famiglia, nulla fa pensare neanche ad un B & B. L’enorme salone con camino e tanto di vista sulle vigne è quello di casa, dove vivono e giocano i piccoli Athena e Ruben, spesso in compagnia della scatenata Bora, una deliziosa Border Collie, mascotte di casa.

il salone di casa con album di acquerelli di Athena, 4 anni, l'artista di casa

Le camere sono quattro, tutte di colori diversi, calde, in legno, ferro battuto e ceramiche pastello.

la camera lilla
orchidea a tono in camera
un angolo della camera e la…
... doccia lilla!

Le camere sono ampie e confortevoli con incantevole vista sulle vigne.

le chiavi delle camere :)
Panorama dalla camera... vigne e merletti

Svegliarsi nel silenzio, tra i vigneti è una sensazione impareggiabile, una cura per l’anima infallibile. Ci si prepara con calma e poi tutti in salone…

la colazione tutti insieme

per la fiabesca colazione imbandita da Alessia, non manca nulla: pane  e biscotti caldi, miele di casa, burro, le famose marmellate, in particolare quella di ciliegie del Collio,

miele e marmellata di ciliegie del Collio

succo di mela artigianale, prosciutto e formaggi di malga, latte, caffè, quotidiani del giorno e, come se non bastasse…

... anche la colazione è con vista sui vigneti

L’azienda non offre ristorazione, ma la degustazione dei vini è sempre accompagnata da assaggi di salumi e formaggi.

la tavola pronta per la degustazione

Dopo colazione, secondo la stagione, si parte, a piedi, in auto, in bici, o in vespa, per visitare le altre aziende del distretto, tutte vicine tra loro, nessuna competizione, un tour dal percorso stabilito solo dalla natura. Al rientro, se infreddoliti, pausa davanti al camino di Alessia, impreziosito dalla sua collezione di centinaia di civette di ogni dimensione. Davvero uno spettacolo benaugurale.

l'accogliente camino con una piccola parte della collezione di Alessia

A sera per cena c’è solo l’imbarazzo della scelta, la zona è ricca di piccole osterie di famiglia, Alessia e Roberto sono pronti a consigliarvi per il meglio. Potrete anche scegliere un’osteria con la stella Michelin, “La Trattoria del Cacciatore” di Josko Sirk, all’interno del magnifico complesso della Subìda, oppure “Luka”, a San Floriano del Cormòns, la trattoria- enoteca della famiglia di Patrizia Felluga, Presidente del Consorzio dei produttori del Collio e del Carso, i quali, ad evidenziare l’unità d’intenti, hanno scelto un’unica bottiglia per le linee base, questa:

la bottiglia base comune a tutto il consorzio

La cosa davvero unica è che qui nell’arco di venti, trenta chilometri ci sono almeno 25 strutture d’ospitalità di vario livello, nessuna fa la guerra all’altra, lavorano tutte in simbiosi, scambiandosi posti letto quando necessario.

Un paradiso tanto facile da vivere, quanto impossibile da dimenticare.

L’azienda produce in D.O.C. COLLIO

Friulano 100% Tocai Friulano

Malvasia 100% Malvasia Istriana

Pinot Bianco 100% Pinot Bianco

Collio Bianco Jelka uvaggio bianco di Ribolla Gialla, Tocai Friulano e Malvasia

Collio Bianco Athena vino prodotto unicamente con uve di Tocai Friulano

Collio Rosso uvaggio rosso di Cabernet Franc, Merlot e Cabernet Sauvignon

Collio Rosso Riserva uvaggio rosso di Merlot e Cabernet Sauvignon.