Ettore Sammarco a Ravello sulla Costiera Amalfitana dal 1962

Letture: 591
Ettore Sammarco
Ettore Sammarco

Azienda Agricola Ettore Sammarco
Ravello (Sa) – Via Civita, 9
Tel e Fax 089 872774
info@ettoresammarco.it www.ettoresammarco.it

Ettari vitati: 11
Enologo: Bartolo Sammarco con la collaborazione di Carlo Roveda
Agronomo: Bartolo Sammarco
Allevamento e densità di impianto: Spalliera e pergolato amalfitano. 3.000 piante per ettaro
Composizione chimico-fisica del terreno: Vulcanico, sabbioso, organico con media struttura
Produzione Kg/pianta: 2 Kg
Esposizione vigne: Sud ed est
Epoca di impianto delle vigne: 1960 – 1995 – 2000
Altezza media: 400 metri
Lavorazione del terreno: Fresatura e trinciatura
Conduzione: Convenzionale e lotta integrata
Lieviti: Indigeni e selezionati
Mercati di riferimento: Italia ed Europa
Bottiglie totali prodotte: 80.000
Percentuale di uve acquistate: 40%
Uve coltivate: aglianico, piedirosso, sciascinoso, serpentaria, pepella, biancolella, biancazita, biancatenera. ginestrella e ginestra

______________________

Clicca qui per leggere tutto quello che è stato pubblicato su Ettore Sammarco su questo sito.

_____________

LA STORIA

_____________

Ettore Sammarco è uno straordinario personaggio, che ha segnato ed indirizzato la storia di tutta la viticoltura della Costiera Amalfitana come un vero pioniere. Adesso ha settantanove anni, ottimamente portati con un fisico asciutto, ma quando aveva appena ventisei anni ha incominciato per pura passione a produrre vino, con poche risorse disponibili ed operando in un contesto territoriale, quello di Ravello fin dal 1962, ancora vergine e di scarso interesse vitivinicolo. All’inizio ha incontrato molteplici difficoltà, ma ha avuto il coraggio di non arrendersi mai e con infinita caparbietà è riuscito a portare avanti il suo meraviglioso progetto, proponendosi all’attenzione dei media e dei consumatori come un vero e proprio punto di riferimento di tutto il territorio amalfitano. In questo è stato certamente aiutato dal fascino che emana il sublime borgo medievale di Ravello, conosciuto in tutto il mondo per le splendide bellezze paesaggistiche e le magnifiche ville Rufolo e Cimbrone, che hanno attirato qui famosi personaggi ed artisti di tutto il mondo.

Bartolo Sammarco tra le sue vigne
Bartolo Sammarco tra le sue vigne

Da qualche anno il timone aziendale è passato nelle salde e sicure mani del figlio Bartolo, che ha saputo incrementare la produzione e la qualità dei vini. Maria Rosaria ed Antonella, le altre due figlie, si occupano dell’amministrazione e delle vendite.

Panorama della Costiera Amalfitana visto dall'azienda Ettore Sammarco
Panorama della Costiera Amalfitana visto dall’azienda Ettore Sammarco

 

Ravello, Villa Cimbrone, la targa dedicata a Greta Garbo e il ristorante Il Flauto di Pan
Ravello, Villa Cimbrone, la targa dedicata a Greta Garbo e il ristorante Il Flauto di Pan

 

Ravello, la piazza e il panorama da Villa Rufolo
Ravello, la piazza e il panorama da Villa Rufolo

_________

LE VIGNE

_________

Ettore Sammarco, vigne
Ettore Sammarco, vigne

In uno stupendo scenario naturale, le viti si arrampicano in alto, come uccelli che spiccano il volo, verso la sommità dei Monti Lattari, guardate a vista con complice benevolenza dal turchino mare sottostante e confortate da un clima sempre favorevole. Gli arditi terrazzamenti, che osano sfidare le leggi naturali dell’equilibrio, sono raggiungibili soltanto attraverso ripidi e tortuosi sentieri, senza la possibilità di poter fruire di mezzi meccanici. Storiche specie varietali, risalenti all’epoca Romana, sono allevate su un terreno di natura prettamente vulcanica e con il sistema a pergola o a spalliera. Sono quelle tipiche del territorio amalfitano ed insistono soltanto qui, integrate da poche varietà regionali. Questo comporta una produzione di vini unici ed eccellenti, richiesti in tutta Italia ed Europa.

_________

I VINI

_________

Ettore Sammarco, barricaia
Ettore Sammarco, barricaia

 

Ettore Sammarco, silos di acciaio
Ettore Sammarco, silos di acciaio

_______________________________________________

Costa d’Amalfi Ravello Bianco Selva delle Monache Doc

Costa d'Amalfi Ravello Bianco Selva delle Monache Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Ravello Bianco Selva delle Monache Doc Ettore Sammarco

Uve: biancolella (biancatenera) e falanghina (biancazita)
Fermentazione e maturazione: acciaio
Bottiglie: 30.000
Prezzo: 10,00 euro in enoteca

Vivido e splendente colore paglierino. Bouquet delicato ed invitante, che riflette i classici sentori territoriali, in particolare frutta a pasta bianca, macchia mediterranea, salvia, camomilla e ginestra. Il sorso conquista la bocca con un’appagante energia, un’ottima freschezza e con un sottofondo sapido-iodato e/o minerale. Chiusura connotata da un pot-pourri elegante e gradevole.

_____________________________________________

Costa d’Amalfi Ravello Rosato Selva delle Monache Doc

Costa d'Amalfi Selva delle Monache Rosato Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Selva delle Monache Rosato Doc Ettore Sammarco

Uve: piedirosso ed aglianico
Fermentazione e maturazione: acciaio
Bottiglie: 4.000
Prezzo: 10,00 euro in enoteca

Nel bicchiere si scorge un sintomatico cromatismo cerasuolo. Respiro profondo e sublime, che avviluppa completamente le narici ed è connotato poi da deliziosi profumi di frutta rossa piccola e grande, fiori scuri e sentori erbacei. Impatto sulla lingua fresco, suadente, morbido, sapido ed agrumato. Garbato vezzo finale, segnato da uno slancio stuzzicante ed avvolgente.

_____________________________________________

Costa d’Amalfi Ravello Rosso Selva delle Monache Doc

Costa d'Amalfi Ravello Rosso Selva della Monache Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Ravello Rosso Selva della Monache Doc Ettore Sammarco

Uve: piedirosso ed aglianico
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Bottiglie: 15.000
Prezzo: 10,00 euro in enoteca

Il connubio tipicamente campano piedirosso-aglianico funziona sempre, anche qui in Costiera. A cominciare dal colore che vira verso un cromatismo rubino luminoso, con effetti purpurei. Al naso emergono intensi profumi del sottobosco, di fiori appassiti e di spezie piccanti. Bocca imponente e ricettiva che sfodera volume, profondità e freschezza, con un sottofondo balsamico e lievemente tostato. Retrogusto persistente ed ammaliante.

____________________________________

Costa d’Amalfi Bianco Terre Saracene Doc

Costa d'Amalfi Terre Saracene Bianco Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Terre Saracene Bianco Doc Ettore Sammarco

Uve: biancolella (biancatenera), falanghina (biancazita) e pepella
Fermentazione e maturazione: acciaio
Bottiglie: 18.000
Prezzo: 10,00 euro in enoteca

Colore brillantemente paglierino, con riflessi verdolini sull’unghia. Fascinosi i risvolti aromatici, in cui convergono variegate fragranze di frutta e fiori bianchi, di mandorla tostata e di sentori minerali. Al palato il sorso risalta subito per freschezza, morbidezza e sapidità. E poi una concentrazione di edonistici sapori mediterranei fa da corollario alla stupenda e godibile chiusura.

_________________________________

Costa d’Amalfi Rosso Terre Saracene Doc

Costa d'Amalfi Terre Saracene Rosso Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Terre Saracene Rosso Doc Ettore Sammarco

Uve: piedirosso e sciascinoso
Fermentazione e maturazione: acciaio
Bottiglie: 10.000
Prezzo: 9,00 euro in enoteca

Il bicchiere è tinto di un bel colore rubino intenso e sfavillante. Aromi fruttati di marasca, di prugna e di sottobosco, seguiti da un coté floreale di violetta e da nuances vegetali. Palato di buona struttura, equilibrato, morbido e generoso. Frutto maturo, polposo e croccante. Sfumata speziatura in sottofondo, accompagnata da percezioni sapide e da toni evoluti che fanno risaltare una beva pronta e piacevole.

___________________________________________

Costa d’Amalfi Ravello Bianco Vigna Grotta Piana Doc

Costa d'Amalfi Ravello Bianco Vigna Grotta Piana Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Ravello Bianco Vigna Grotta Piana Doc Ettore Sammarco

Uve: ginestrella, falanghina (biancazita) e biancolella (biancatenera)
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Bottiglie: 2.000
Prezzo: 18,00 euro in enoteca

Cru aziendale prodotto soltanto in poche bottiglie ed in anni favorevoli, contraddistinto da un colore luminosamente paglierino. L’impatto olfattivo è ricco di sfumature floreali di ginestra e di biancospino, apparigliate ad una silhouette slanciatamente agrumata di profumati limoni costieri. In sottofondo si colgono briciole tostate e balsamiche. Bocca piena, goduriosa, leggermente affumicata e che conferma le nitide impressioni olfattive. Finale lungo e persistente.

___________________________________________________

Costa d’Amalfi Ravello Rosso Riserva Selva delle Monache Doc

Costa d'Amalfi Selva delle Monache Rosso Riserva Doc Ettore Sammarco
Costa d’Amalfi Selva delle Monache Rosso Riserva Doc Ettore Sammarco

Uve: piedirosso ed aglianico
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Bottiglie: 3.500
Prezzo: 20,00 euro in enoteca

Leggiadra veste cromatica rubino scuro, tendente al granato e con sfavillanti lampi purpurei. Profumi che assalgono le narici con accattivante sollecitazione ed in cui si danno appuntamento caleidoscopiche percezioni olfattive: more, ribes, mirtilli, prugne, arancia rossa, pepe nero, noce moscata e vaniglia. E poi ancora timbri empireumatici, balsamici, tostati e grafitici. Bocca bella espansiva e quasi violentata da un sorso sensuale e materico. Aristocratico, raffinato e carezzevole il tannino, spadroneggiato soprattutto dal piedirosso, che dona immediata bevibilità e freschezza, tanto da imprimere una progressiva accelerazione al palato. Allungo finale godibile e persistente, accompagnato da un appeal fruttato e floreale che infittisce e completa l’eccellente beva.

___________

CONCLUSIONI

___________

Chi produce vino sulla Costiera Amalfitana è in parte penalizzato da un territorio difficile da coltivare, che richiede tanta cura, massimo impegno e molti sacrifici. Ma viene compensato da un prodotto di assoluta qualità che negli ultimi anni ha avuto una vertiginosa impennata, guadagnandosi legittimamente un posto di preminenza nella viticoltura campana e meridionale. E poi il terroir è unico ed irripetibile con i suoi paesaggi mozzafiato, le sue bellezze architettoniche, il mare cristallino, la gente cordiale ed accogliente, l’eccellente proposta gastronomica e, soprattutto, l’ampia disponibilità ampelografica ricca di un patrimonio unico e raro. Sammarco si inserisce in questo contesto a pieno titolo, per l’eccellenza delle etichette e la variegata e qualitativa produzione vitivinicola. Ettore Sammarco ha avuto la capacità e la lungimiranza di anticipare i tempi, vedendo il futuro con molto anticipo. In questo è stato sicuramente un antesignano che ha saputo valorizzare tutto il territorio amalfitano, contribuendo fortemente a dargli la giusta collocazione nel panorama vitivinicolo nazionale.

Foto e testo di Enrico Malgi

4 commenti

  • Enologo Roveda Carlo

    (28 giugno 2015 - 14:04)

    È un piacere collaborare con l’azienda Sammarco nella realizzazione dei vini che valorizzano appieno il fantastico territorio di Ravello, ricco di cultura e tradizioni.

  • Stefania Pittino

    (29 giugno 2015 - 11:19)

    Buongiorno signor Pignataro, leggo spesso il suo blog e lo trovo molto interessante, ricco di notizie e novità. Mi sono soffermata su quest’articolo, in quanto ho avuto modo di assaggiare i vini dell’azienda Sammarco 2 mesi fa e li ho trovati meravigliosi, ricchi di profumi e sapori. Sono rimasta positivamente impressionata dalla delizia di “Terre Saracene rosso” e “Grotta Piana bianco”. Uso il suo blog per fare un complimento anche all’enologo che segue questa azienda e che ho avuto piacere di conoscere durante la mia visita alla Sammarco.

  • Ettore Sammarco

    (29 giugno 2015 - 12:47)

    Gentilissimo dott. Luciano Pignataro e gentilissimo dott. Enrico Malgi,
    siamo enormemente entusiasti della Vostra recensione sulla nostra azienda di famiglia.
    Tutte le sfumature, dalle più diverse alle più intrinseche, sono state colte e raccontate rigorosamente.
    Avete trasmesso quanto è nel nostro carattere di viticoltori che si misurano ogni giorno nelle tappe di un lavoro fatto veramente con passione.
    Queste sono gratificazioni che vengono da autentiche e autorevoli penne.
    Grazie, grazie di cuore da tutti noi
    Ettore, Bartolo, Maria Rosaria e Antonella

  • Enrico Malgi

    (30 giugno 2015 - 16:17)

    Gentilissimo sig. Ettore, la ringrazio per il suo intervento e per le belle parole espresse. Nell’occasione, non ho fatto altro che dare corpo alle vicende umane e professionali che lei stesso mi ha confidato così minuziosamente. Ci tengo a precisare che personalmente amo moltissimo questi contatti umani con persone come lei che sono dei veri SIGNORI, che hanno dato, e continuano a dare, esempi di indefesso lavoro, di corretteza, di gentilezza, di rispetto, di educazione e di savoir faire, oltre che innati valori professionali, di cui molti giovani in questo settore purtroppo hanno smarrito la strada. E poi, cosa altrettanto importante, lei ha saputo inculcare alle nuove leve il sacrificio, l’attaccamento alla terra d’origine e la competenza settoriale. E per fortuna ha seminato in un terreno fertile, in cui i suoi figli, ed in particolar modo Bartolo, hanno potuto abbeverarsi alla fonte del sapere e della conoscenza, senza tralasciare i veri valori umani. Ho apprezzato molto la sua costante, ma discreta presenza in azienda durante la mia visita, senza ostacolare,anzi addirittura incoraggiare, l’attività di suo figlio Bartolo che ha ereditato tutto da lei. Al piacere di rincontrarla appena possiblie, la saluto molto affettuosamente.

I commenti sono chiusi.