Falciano del Massico (Ce), Tenuta Sciacca

Letture: 108

Strada Provinciale Mondragone-Falciano
Tel. 0823.728346, 931661, 333.6385442
Fax.  0823.28870
Mail: info@tenutasciacca.it
Sito: www.tenutasciacca.it

Apertura: tutto l’anno
Carte di credito: tutte
Lingue parlate: inglese
Posti letto: 70 in venticinque camere
TV in camera: si
Prezzi
Pernottamento e colazione camera singola 35 euro, matrimoniale 50 euro, tripla 75, quadrupla 90
Festivi 10 euro in più

C’è un’indimenticabile oasi nell’Ager Falernum tanto caro ai Romani dove il tempo sembra essersi fermato. Situato nella campagna sempreverde, questo agriturismo – i cui interni sono scanditi da pietra viva, mattoncini e legno – è una vecchia tenuta del Settecento, completamente rimessa a nuovo, che sorge alle pendici del Monte Massico da dove è possibile partire per percorsi meravigliosi alla riscoperta della natura incontaminata e ricca di bellezze naturali, ai confini dell’Oasi del Lago di Falciano. Una buona base per visitare le sempre più numerose e qualificate aziende impegnate a produrre Falerno fa Mondragone, Falciano, Sessa Aurunca.

Ristorante
Apertura: tutto l’anno
Coperti: 600
Prezzo: da 35 euro
Cucina tipica con qualche puntatina sulla ricerca. L’esordio a tavola è con un ricco antipasto con prodotti di fattura aziendale con vari affettati, verdura grigliata e formaggi. Tra i primi, invece, da provare i paccheri o il risotto provola e salsiccia ed il cosciotto di maiale porchettato

Altre notizie
L’azienda si estende tra oliveti, vigneti ed orti

Dotazioni
Parco giochi per bambini e passeggiate naturalistiche nei dintorni

Escursioni
Innanzitutto al vicino lago di Falciano del Massico, all’oasi Wwf e poi alle rovine romane del Teatro e del ponte pensile del Garigliano, così come a ciò che resta dell’antica Minturno. D’estate, inoltre, si può assistere alle rappresentazioni teatrali che si tengono nello sfondo del suggestivo Anfiteatro. Facilmente raggiungibile anche il mare, e soprattutto Mondragone (l’antica Sinuessa che era la residenza estiva degli antichi Romani), Baia Domitia e Castel Volturno